Replica di Gianfranco Lamberti a un lettore del Corriere di Livorno

luglio 21, 2008

Pubblicata dal Corriere di Livorno sabato scorso.

Per leggere il testo in formato Pdf cliccare qui

Si ringrazia la Redazione del Corriere di Livorno per averci fornito l’articolo.

Annunci

Articolo sul Tirreno di oggi

maggio 21, 2008

TIRRENO DEL 21 MAGGIO 2008

«Ecco qual era il patto con Pericu per l’Asa»
Lamberti apre la sua campagna elettorale e lancia un attacco a Cosimi

Il protocollo di intesa fu firmato il 14 maggio, al termine della gara per la cessione del 40% alla genovese Amga

LIVORNO. Pochi giorni fa, dalle pagine del Tirreno, il sindaco Alessandro Cosimi ha annunciato di essere favorevole alle primarie per la scelta del candidato del Pd alle elezioni a sindaco del 2009. Intanto il suo predecessore Gianfranco Lamberti, che ormai da mesi invoca le primarie, sembra essere già in piena campagna elettorale. E per scendere in campo si è riservato un colpo di scena: ha tirato fuori da un cassetto, dove era stato riposto quattro anni fa, un protocollo d’intesa sullo sviluppo della città e in particolare di Asa che lui stesso aveva firmato con l’allora sindaco di Genova Giuseppe Pericu. «Di tutti gli impegni contenuti nel documento – spiega l’ex sindaco – nessuno è stato preso in considerazione dall’attuale amministrazione». E’ evidente che con questo documento, in cui si prefiguravano – a suo dire – garanzie per l’azienda e per l’occupazione, l’ex sindaco esce allo scoperto e lancia il suo sprint verso il traguardo delle elezioni.

Leggi il seguito di questo post »


Precisazione di Gianfranco Lamberti

aprile 27, 2008

Lamberti: lo stimo ma possono esserci altri nomi. «Non ho candidato Bussotti, io parlavo di primarie»

Questa nota è stata pubblicata sul Tirreno del 27 aprile 2008.

Leggi il seguito di questo post »


Intervista del Tirreno a Gianfranco Lamberti

aprile 21, 2008

«Voglio le primarie. E potrei ricandidarmi»
Lamberti avverte: «Non starò alla finestra La giunta? Si parla ancora delle cose di 4 anni fa»

LIVORNO. «Ho fatto tre volte il sindaco e rifare un’esperienza del genere non è il massimo del mio desiderio, però non posso nemmeno tirarmi fuori». Il ragionamento di Gianfranco Lamberti è fin troppo chiaro: primarie, primarie, primarie, «per evitare una deriva burocratica, un automatismo dal quale si dovrebbe guardar bene anzitutto il sindaco uscente». Quel che resta in sospeso è, semmai, l’approdo di un tale ragionamento. Se davvero Lamberti si ricandiderà, magari in una lista civica, magari con il sostegno occulto del centrodestra che lo voterebbe in un eventuale ballotaggio col candidato del Pd (Cosimi), questo lui non lo dice. «E’ presto per trarre una conclusione – frena l’ex sindaco – dipende da tante cose. Ma quel che è certo è che condurrò una battaglia per far uscire da un conservatorismo bulgaro la politica livornese. Non starò alla finestra».

Manca un anno al voto per il Comune e si dice che lei voglia candidarsi a sindaco. Vero?

«In questi giorni, parlando con gli amici, sto semplicemente sviluppando un ragionamento. Di buonsenso, vorrei aggiungere. Vorrei che, prima di scegliere il candidato sindaco: a) si facesse un rendiconto, sereno ma anche rigoroso, dei risultati ottenuti nella legislatura. b) si preparasse un progetto per la città. Non un programma, un progetto, con le cose che si vogliono fare e in quanto tempo si fanno. c) si arrivasse alla scelta attraverso un metodo il più ampio, partecipato e democratico possibile. Le primarie».

Il suo partito, il Pd, esclude di fare le primarie nei comuni dove i sindaci si ripresentano dopo il primo mandato. Cioè anche a Livorno.

«Le cose non stanno così. Non c’è nessuna regola tassativa. Il livello nazionale ha dato un indirizzo, che è stato recepito dal partito toscano. Io non sono d’accordo con questo indirizzo e mi batterò perchè le primarie vengano fatte».

E’ vero che lei vorrebbe che si candidasse Luca Bussotti?

«Bussotti è giovane, ha maturato un’esperienza amministrativa e avrebbe tutte le carte in regola per essere candidato. Ma non sono stato io, di mia iniziativa, a proporlo. Ho semplicemente risposto a una domanda. E comunque, Bussotti è un possibile candidato ma non l’unico».

Leggi il seguito di questo post »


Intervista del “Corriere di Livorno” a G. Lamberti

aprile 9, 2008

Lungomare, j’accuse di Lamberti “Un progetto mai completato”

di Gabriele Masiero
Dal “Corriere di Livorno” dell’8 aprile 2008

LIVORNO – “Quello della riqualificazione complessiva del Lungomare è un progetto condiviso dall’intera città, pertanto se ancora oggi vi sono dei problemi, questi vanno risolti trovando la soluzione e non giocando allo scaricabarile”.

Mette da parte la diplomazia l’ex sindaco Gianfranco Lamberti per respingere al mittente le accuse fatte alla sua amministrazione dal sindaco Alessandro Cosimi che aveva parlato di “situazione difficile” per la presenza di “quattro baracchine in 300 metri”.

“ma via – sbotta Lamberti – stiamo parlando di tre baracchine, tre chalet non di tre centrali nucleari. La verità è che quel progetto di riqualificazione in questi quattro anni è rimasto incompleto. E’ come criticare una Ferarri con due sole ruote perché non cammina. Prima montiamo le altre due e poi facciamo le valutazioni del caso. E per il Lungomare la situazione alla stessa: noi abbiamo iniziato un percorso, che doveva essere completato con lo sviluppo a mare della passeggiata, applicando fino in fondo il piano della costa, e con la realizzazione di un sistema di parcheggi. Non sto parlando di cose astratte, ma di atti concreti votati dal consiglio comunale. E non certo imposti dalla mia giunta, ma condivisi dall’arco politico che mi sosteneva”.

Lamberti non lo dice, ma il riferimento a Cosimi è chiaro. Poi, l’ex sindaco si spinge oltre e afferma:

Leggi il seguito di questo post »


Da “Il Tirreno” del 2 febbraio 2008

febbraio 2, 2008

Altro che arroccamento: io propongo nuovi spazi di discussione
di Gianfranco Lamberti

Non capisco a quale delle mie affermazioni abbia replicato il segretario del mio partito, Marco Ruggeri (“Il Tirreno” di ieri). Facciamo chiarezza, serve a tutti, soprattutto all’opinione pubblica.
Mentre si avvia la costruzione di un nuovo partito, al quale intendo dare il mio contributo, a chi mi chiedeva le ragioni di questa mia adesione ho replicato affermando che la cosa che mi convinceva di più era quella della ricerca di strumenti e percorsi nuovi, che uscissero dalle vecchie logiche ormai usurate. Quindi ho confermato la mia adesione alle primarie come metodo di base, in ogni occasione, ovviamente con le possibili eccezioni che confermino la regola. Principio generale di riferimento, quindi, che bisogna ben spiegare a coloro i quali sono sul punto di aderire alla nuova formazione, cosa che sto facendo con entusiasmo in questi giorni.

Leggi il seguito di questo post »


“Corriere di Livorno” di oggi

gennaio 13, 2008

Sul “Corriere di Livorno” di oggi viene pubblicato un commento del suo Direttore Emiliano Liuzzi intitolato “Il peso di Lamberti“.

Per leggerlo cliccare qui »