Non si sta sul nostro mare solo a contare il numero dei container

marzo 26, 2008

Mi sembra evidente che sia un richiamo alla storia ed alla cultura che si è sviluppata nel bacino del Mediterraneo. Ed il fatto che ci si richiami ad un nuovo umanesimo in cui il Mediterraneo può continuare a svolgere un ruolo. Io credo sia una riflessione utile, anche se va contestualizzata ad una dimensione, quella dell’Azione Cattolica, che ha suoi precisi riferimenti religiosi e culturali. Rispettabilissimi.
Del resto il dibattito sul ruolo economico e culturale del mediterraneo è stato rilanciato da Sarcozy ed è stato recentemente oggetto di importanti vertici UE. Livorno (parlo della Livorno istituzionale) non ha avuto un particolare interesse alla cosa, forse non se ne sono nemmeno accorti, ma avrebbe fatto bene ad occuparsene.
Non si sta sul nostro mare solo a contare il numero dei container oppure a registrare le pessime cronache su Interreg. Eppure, non troppo tempo fa, al Lem si confrontavano Napolitano e Ciampi sui valori da introdurre nella Costituzione Europea.
Una dimensione che non andrebbe banalizzata e dimenticata.

Gianfranco Lamberti

(Rispondendo ad un lettore che domandava chiarimenti sul titolo del convegno segnalato nel post precedente)


L’intervista del Presidente Martini. di G. Lamberti

ottobre 22, 2007

Merita qualche commento l’intervista del Presidente Martini, che leggo oggi nel rientrare in sede.
Abbastanza lineare nella sua analisi e, se vogliamo, inevitabile in taluni giudizi. Comunque mette in fila alcuni punti di particolare interesse: porto, infrastrutture e centro intermodale, Porta a mare e modello di sviluppo, che sono condivisibili ed ampiamente approfonditi. Così come mi ha particolarmente fatto piacere la citazione degli sforzi compiuti per dare a Livorno una dimensione euromediterranea, che sono stati un pezzo importante della mia esperienza.

Molto meno convincente l’argomento rispetto alla crisi della rappresentanza politica, lamentata dai livornesi, a livello nazionale e regionale. Mi sarei aspettato una difesa di chi è oggi in quella funzione, non l’implicito assenso, per poi confutarlo con il ragionamento che tanto la cosa (rappresentanza politica livornese) conta poco, purchè si abbandonino i campanilismi.

Tutto giusto, purchè valga per tutti e nessuno faccia rivendicazioni per la propria città. Per la verità mi sembra che al nord al centro od al sud, non vi sia comunità cittadina che non rivendichi adeguato rispetto e rappresentanza, come segno di valore politico e di dimensione generale della propria identità, non certo con una logica lobbistica.
Sarebbe come dire (ma facciamo i dovuti scongiuri) che se in serie A c’è il Pisa od il Livorno non cambia granchè, comunque è rappresentata l’Area Vasta. Scherzo un pò, per paradosso, ma serve a spiegare il concetto.

Quanto alle classifiche, ho solo visto ieri sera il palasport semivuoto assistere ad una partita mediocre e perdente. Una tristezza.
Oggi mando al giornale un pezzo sulle baracchine e sulle bufale che sono state raccontate. Visto che ci si ritorna, non posso proprio farne a meno.

Gianfranco Lamberti


Domanda e risposta

novembre 8, 2006

medit.jpg

RM: “Dal Tirreno di oggi: “La CRPM lascia Livorno e trasloca a Roma”. Segue articolo. Ottimo lavoro!”

Gianfranco Lamberti: “questa notizia amareggia molto. Primo perchè si tratta, nonostante la minimizzazione dell’articolista, di una importante organizzazione delle regioni ed enti locali europei, che è molto ascoltata a Bruxelles.

Secondo perchè è stata presieduta prima da Chiti ed ora da Martini, con grande impegno e con grande autorevolezza.

Terzo perchè la collocazione presso la sede del LEM aveva determinato collaborazioni assai proficue, con particolare riguardo al sistema di relazioni tra le diverse città e regioni mediterranee, con al centro Livorno e con risultati importanti nel settore della sicurezza in mare, dello sviluppo delle aree costiere, della cooperazione decentrata, della portualità etc.
Non si capisce il perchè di questa scelta, che, comunque sia, impoverisce la città sullo scenario euromediterraneo. Bisognerebbe capire meglio come stanno le cose, vedremo.”

Integrazione: nel sito del Presidente della Regione Toscana Claudio Martini abbiamo trovato un articolo “d’epoca” intitolato: “Da oggi Livorno e l’Europa sono ancora più vicine”. Chi vuole leggerlo può cliccare qui.