VERSO IL VOTO ASSIEME AL VICE MINISTRO NENCINI

N

 

 

La Redazione

 

 Oggi alle 17.00 presso il Salone Consiliare della Provincia (Palazzo Granducale) si terrà l’incontro col sen. Riccardo Nencini, Vice Ministro Infrastrutture e Trasporti, Segretario Nazionale PSI, in occasione della Giornata Europea del Mare.

“Perseguire il sogno del grande Porto di Livorno, dell’Area Vasta, della Toscana e del Mediterraneo
Attrarre grandi investitori e risolvere problemi infrastrutturali che stanno bloccando il nostro porto; Progettazione tecnica della Piattaforma Europa e la sua realizzazione attraverso una gara internazionale; Sistema integrato sinergico porto ed il sistema turistico commerciale”.

– Relazione introduttiva:
dott. Fausto BONSIGNORI
Vice Presidente della Provincia e Candidato “Socialisti e Democratici Europei per Livorno”

Intervengono:
 –Ing. Gianfranco MORELLI
Capolista “Socialisti e Democratici Europei per Livorno”
Dott. Gianfranco LAMBERTI
Capogruppo Consiglio Comunale, già Sindaco di Livorno e Candidato “Socialisti e Democratici Europei per Livorno”
Dott.sa Patrizia LUPI
Candidata “Socialisti e Democratici Europei per Livorno”

– Partecipano:
Presidente Provincia di Livorno
Sindaco di Livorno
– Presidente Autorità Portuale
– Presidente Porto di Livorno 2000
Marco Ruggeri, Candidato Sindaco della Coalizione di Centrosinistra

Presiede:
Aldo Repeti
Segreteria Regionale PSI – Consigliere Nazionale PSI

 

Annunci

3 Responses to VERSO IL VOTO ASSIEME AL VICE MINISTRO NENCINI

  1. Quella di oggi è una iniziativa elettorale tesa a far capire che bisogna fare punto e a capo con le inerzie e le lungaggini che hanno danneggiato il nostro porto e che ho denunciato da tempo in Consiglio Comunale.
    Non capisco cosa sia stata l’iniziativa di Matteoli, sul tema, anche perché un forum di Matteoli a pochi giorni dalle elezioni forse rassomiglia ad una iniziativa di propaganda elettorale.
    Forse, ma qualcuno fa finta di non capirlo, e lo spaccia per un forum fuori dal tempo e dallo spazio.
    Cercheremo, oggi pomeriggio, di spiegarlo meglio alla nostra iniziativa, senza tanti salamelecchi. Visto che non mi sembra ci sia un programma di gestione della città attraverso le larghe intese, più o meno sotterranee, o almeno credo

  2. St. John ha detto:

    credo che il comunicato di Ruggeri, che ho letto sul tablet da Quilivorno, che chiede a Raspanti di non farsi reciprocamente male al primo turno potrebbe essere titolato: Prolegomeni di una sconfitta.
    Ieri Ruggeri è andato male, non ha forza propria, deve solo appellarsi a San Matteo da Rignano sull’Arno. Se l’intercessione di San Matteo funziona allora è fatta in un modo o nell’altro. Se neanche il santo riesce nel miracolo di far vincere Ruggeri , e si tratterebbe di tale a prescindere dalla consistenza dei competitor (a dimostrazione che ci sono processi in atto che vanno oltre la presenza forte o meno di avversari ) non resta che allietarsi nell’aprire una pagina nuova nella storia della città. Difficile e nuova, perchè le pagine nuove e facili non esistono.

  3. Alessandro Latorraca ha detto:

    “a dimostrazione che ci sono processi in atto che vanno oltre la presenza forte o meno di avversari”..
    è proprio quello che ho cercato di fara capire in tutte le salse in questi 5 “brevi” anni. Diciamolo con chiarezza e senza tanti infingimenti, non ci sono all’orizzonte di questa tornata elettorale falchi di intelligenza politica e personaggi che appaiono come marionette folcloristiche della politica. Lo dico proprio partendo dalle innumerevoli dischiarazioni e dati forniteci da SJ. Nessuno, se parliamo seriamente sarà all’altezza di intercettare le problematiche di una città come Livorno che per uscire dal tunnel npn può fara alro che agganciarsi a scenari e orizzonti più ampi. Mi sono letto a proprosto alcuni num,eri di Limes che appaiono impressionanti su alcuni temi centrali anche per la nostra città quali ad esempio i nuovi scenari del consumo di fonti energetiche nel mondo e la sotterranea lotta di prezzi e stoccaggi del gas con una guerra senza esclusione di colpi tra le due sponde dell’atlantico.
    Mi sembra comunque non essndo quindi in accordo con SJ che se dovessimo andare al ballottaggio come ormai sembra inevitabile non mi apparirebbe mostruoso cercare un avvicinamento con Andrea Raspanti e il mondo che rappresenta. Al dila di slogan elettorali il mio partito farebbe un errore strategico enorme se non riuscisse a guardare a quell’aria di consenso e non riuscisse a farlo con umiltà, imparando da eventuali errori, con buona pace di qualche “compagno” di schieramento. Continuo a pensare che il nucleo su cui poter ricostruire una classe dirigente adeguata si debba ricercare nella selexzione dei migliori elementi i maniera trasversale e che il pensiero politico si possa anche riformare; anche nel PD, soprattutto ad un livello di governo locale, basterebbe crederci e lasciare da parte paure ataviche di perdita di poltrone o altro. Se poi come dice SJ si dovesse evidenziare un cambiamento radicale mi auguro prima di tutto che questo sia capace di governo e di lungimiranza; io comunque non ne farei un dramma esistenziale..mi rimboccherei lemani per ricomciare a ricostruire ciò in cui credo, la possibilità di cambiamento, cambiando i cuori e le menti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: