TONI E COLORI NEL “CONFRONTO ” DEMOCRATICO

m

 

Gianfranco Lamberti

Morelli pensa positivo e fuori da alchimie da vecchia politica per un pugno di voti.
Progetti chiari e niente tatticismi. Leale con l’obbiettivo di far vincere la presunta coalizione.
In una presunta coalizione, presunta nel momento in cui ci si divide perfino sull’ospedale e sul nuovo piano strutturale ( per qualcuno siamo sempre all’Ospedale Mobile di cui parlavamo io e De Peppo nella precedente campagna elettorale ). E’ una voce nuova e credibile.
Non capisco come si faccia a sottovalutare il fatto che continuando a fare casino ogni giorno, sul piano dei contenuti più qualificanti, si otterrà il risultato di scoraggiare dapprima la partecipazione alle primarie, sempre che interessi davvero a tutti incoraggiarla, ma soprattutto si scoraggerà il voto per il csx ed il suo candidato a maggio.
Non avere una linea politica chiara e mostrare evidente il rischio di replicare il casino di questi cinque anni, è una partita a perdere. Ma perché?

Annunci

One Response to TONI E COLORI NEL “CONFRONTO ” DEMOCRATICO

  1. St. John ha detto:

    I candidati alle primarie sostengono di guardare alle imprese. Tutto il dibattito ruota attorno ai cantieri da aprire o meno. Ma da anni e questo genere di discussioni rappresenta una delle cause del declino, a rischio irreversibilità, dell’economia livornese. Premesso che non sono d’accordo sul nuovo ospedale, se ci si facessero le domande giuste?
    ESEMPIO: Il sistema bancario nazionale è il grande accusato della mancanza di liquidità che si è innescata nel mercati, quelli che fanno l’economia reale, e che ha portato il ciclo cash-to-cash (dal pagamento del fornitore all’incasso dal cliente) da 6,2 giorni a 31,4 giorni in soli 10 anni.
    Si può sapere a Livorno quanto è quanto dura questo ciclo? Quale ruolo della poltiica e delle istituzioni nell’accorciarlo? Perchè puoi fare tutte le opere che vuoi ma il credit crunch in atto in Italia te le fa cadere come castelli di carta. Oppure genera emorragia di profitti, posti di lavoro, servizi. Ce lo facciamo spiegare dal campione del Pd? Non scherziamo, le buche multirazziali portano via un sacco di tempo.
    Tra i 5 fattori di difficoltà di un’impresa, stimate dagli stessi operatori bancari, 4 sono tutte finanziarie. 1) crisi di competitività (qui siamo all’economia) poi 2) ritardi nei pagamenti 3) esigenze di crescita del capitale circolante netto 4) esigenza di finanziare il capitale 5) difficoltà nell’accesso al credito.
    Ma i supercampioni del riformismo locale ci stanno su questi problemi? Qui siamo a chi si protegge qualche appalto qualche volumetria, qualche concessione, qualche rendita con un pò di retorica. Il potere bancario locale? Chi c’è dentro c’è, e guai a dirlo, e chi non c’è s’arrangia o strepita. Si pensa che il nuovo ospedale non risentirebbe di questi quattro fattori? E chi dovrebbe supplire alle prevedibili difficoltà finanziarie delle imprese se non gli stessi comuni e regione che attendono solo di essere falcidiate dalla prossima spending review (occhio a Rehn..)? E come farebbero? Qui c’è gente che è stata sia in comune che in regione e la risposta dovrebbe darla..
    Per il resto la terrificante risposta del governo sulla questione avvisi di garanzia, di sottosegretari PD, rischia di ripercuotersi a monte su regioni e comuni. Quando dicevo che un Penati era il futuro del PD, e non il passato, qualche amico pensava giocassi in eccesso di pessimismo. Andate ora a dire a un Penati “dimettiti”. Ti risponderà “ma come, se non si sono dimessi al governo..”
    Ma personalmente sono molto più preoccupato dal discorso di Rehn, che ha intimorito i renziani (vedi intervista a Taddei..) che non sanno come giocarsela e ringalluzzito il falco Padoan, uno che dovrebbe stare al tribunale dell’Aja, dopo aver fatto fallire l’Argentina nel 2001 e promosso le politiche del disastro greco, e invece Napolitano l’ha imposto all’economia.

    o tempora o mores..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: