THE LEGACY OF BOB DYLAN

Unknown

BLOWING IN THE WIND

How many roads must a man walk down 
Before you call him a man? 
Yes, ‘n’ how many seas must a white dove sail 
Before she sleeps in the sand? 
Yes, ‘n’ how many times must the cannon balls fly 
Before they’re forever banned? 
The answer, my friend, is blowin’ in the wind, 
The answer is blowin’ in the wind. 

How many times must a man look up 
Before he can see the sky? 
Yes, ‘n’ how many ears must one man have 
Before he can hear people cry? 
Yes, ‘n’ how many deaths will it take till he knows 
That too many people have died? 
The answer, my friend, is blowin’ in the wind, 
The answer is blowin’ in the wind. 

How many years can a mountain exist 
Before it’s washed to the sea? 
Yes, ‘n’ how many years can some people exist 
Before they’re allowed to be free? 
Yes, ‘n’ how many times can a man turn his head, 
Pretending he just doesn’t see? 
The answer, my friend, is blowin’ in the wind, 
The answer is blowin’ in the wind.

Gianfranco Lamberti

Le primarie non sono la fine del mondo. Aspettiamo a vedere come chiuderà questa fase il PD. Così come abbiamo detto fin dal primo momento e senza alcuna ambiguità.
Certo, fare il sindaco è un mestiere complicato, ma nessuno può avere tappeti rossi, garanzie di successo ed indennità stratosferiche. Nessuno può avere garanzie a prescindere.
Bisogna che si metta in gioco e viva questa occasione come un grande onore verso una città intera e non solo verso qualche sponsor, per quanto autorevole.
Livorno non può essere trattata come una città di seconda categoria e pretende rispetto da tutti, con o senza titolo accademico.
Il rispetto di Livorno e di tutti quelli che lottano ogni giorno per un posto di lavoro dignitoso, per mantenerlo o per conquistarlo, non certo per uno strapuntino garantito.
Ed allora speriamo proprio che si chiuda questa fase sconclusionata, che si abbiano più candidature autorevoli per le primarie , le più aperte possibile e che chi vince viva questo risultato non come il frutto di chissà quali tattiche, ma come un consenso popolare e trasparente senza debiti con nessuno e chi perde si metta a disposizione di un progetto più complessivo, senza essere messo in castigo da nessuno, anzi.
E’ semplice e lineare. Senza drammi, veri o costruiti.
A viso aperto, come nelle migliori tradizioni di una città che non nasce oggi e che ha superato sfide ben più difficili ed impegnative. Un po’ di orgoglio ci vuole, ogni tanto, mi sembra.

Annunci

One Response to THE LEGACY OF BOB DYLAN

  1. Kinto ha detto:

    Noto la finezza della redazione nel citare
    il grande Bob che racconta la vita dell’essere umano
    lacerato da dubbi e strade da percorrere con fatica ed ardore,
    e che poi continuerà “suo malgrado”
    a cantarsi anche in Municipio- at Town Hall .
    musiche gia’ sentite ed interpreti che si esibiscono al loro meglio o peggio,
    dipende dai gusti….
    Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: