FILM GIA’ VISTI E FINTI TONTI

Unknown

 

 

Gianfranco Lamberti

Ci sono molte cose malinconiche, come dice HB , nel finale di una stagione. Ci sono conti che tornano e che non tornano, speranze andate a segno e speranze vanificate, ambizioni vive e ragionevoli, così come ambizioni smodate ed ormai irrealizzabili, carri del vincitore che cambiano in modo non previsto e non si capisce più dove saltare e chi spingere.
Ci sarà tempo, i nodi vengono tutti al pettine prima o poi ed essere osservatori da fuori, di alcune storie peraltro previste e prevedibili, è interessante.
Naturalmente poi ci sono le cose che vanno capite e fatte capire ai neofiti intorno al carro.
Ad esempio, nel resoconto della commissione di ieri, il cronista conclude citando Cosimi che dice che la gara non la indice l’Advisor, bensì l’Autorità Portuale. Eggià, forse l’avevano capito anche quelli dell’asilo. Il punto è se la gara è inevitabile o meno, per assegnare quote della porto2000, evitando che si facciano gli orecchi da mercante.
Questo il cronista non l’ha capito,oppure non è stato detto, chissà.
Lo capiremo meglio in Consiglio Comunale, senza equivoci, oppure ascoltando Gallanti in Commissione, se si degnerà.
Questo per ritornare, caro Alessandro, al punto.
Congressi, spot,  personal ambitions , correnti, cine forum, comitatini e comitatoni e club vari vanno tutti bene e vanno presi per quello che valgono. Poi ci sono i fatti. Delibere, atti amministrativi, opere pubbliche realizzate, investimenti privati incentivati, posti di lavoro perduti, promessi e sulla luna e via dicendo. Senza cadere, tra uno spot e l’altro, nella patria di Penati, vedo che la citazione ha avuto successo, anche ieri all’incontro al cinema.
Io per la verità ho sostenuto che esistono rischi che Livorno lo diventi, a proposito di vicende portuali e paraportuali, suscitando improbabili e stizzose suscettibilità,altri immaginano che lo sia già diventata.
la differenza è lì, anche nelle prospettive future, di alleanze, programmi e partite da vincere. Mi spiego.
Il fuorigioco vale sempre, e non solo per gli avversari di turno della Juve. Pensando alla prossima sfida al Picchi. Uniti per battere la Juve, senza accettare trucchi e favoritismi. Mi sembra una linea politica condivisibile anche da SJ , Alessandro e tutti gli altri.
Basta che si trovi un arbitro tosto e leale. A me sembra che non è poi così difficile trovarlo, ormai. Senza perdere tempo con storielle personali insignificanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: