ALLUCINAZIONI DI FINE STAGIONE

q

La Redazione

Allucinazioni di fine stagione illuminano questo delicato frangente politico-amministrativo.

Vediamo che in modo o in un altro continua a paventarsi il reato di lesa maestà ancora oggi nel 2013 , e di come si cerchi di intimidire annunciando percorrimenti di vie legali  delle persone perbene ,come colui che ci ospita, e  che hanno diritto e titoli soprattutto,sottolineamo titoli e gradi sul petto, per parlare della città e di che sistema di trasparenza abbia sempre avuto naturale dimora.

Evidenziare  cosa sia sempre stata Livorno , di cosa e’  oggi e di cosa potra’ essere domani a dispetto di altre realtà dimostratesi decisamente meno nobili,oltre ad essere un monito laico e’ un bench mark da tenere sempre presente,senza che qualche satrapo o pseudo regnante possa permettersi permalosita’ e quant altro di susseguente .

Come Redazione ,in vivace autonomia dal Dott.Lamberti,auspichiamo che non vi siano una ,ma 100 lenti di ingrandimento su qualsiasi operazione pubblica  in fieri,in particolar modo per quelle a forte connotazione economica ,perche’ una eventuale querela o causa civile passa,e non la si deve solo mettere in piedi ma poi anche vincerla,e dubitiamo fortemente,

ma la dignità e le fondamenta rette di una città restano ben oltre persone e personaggi che immaginiamo difficilmente scriveranno  indelebili storie cittadine , e che a Livorno fino a l’altro ieri venivamo solamente  ad imbarcarsi per le isole.

Insomma tutti a tavola,tanti posti a disposizione, senza capitavola visibili,ma certamente presenti, e tanti col menu in mano e l’acquolina in bocca;

Tanto un cameriere lo si trova sempre pronto a servire , e si trovano  anche rinomati chef di questa opinabile stagione pronti a servire su ordinazione i clienti piu’ fedeli e da accontentare ad ogni costo.

Gianfranco Lamberti

 

Ieri Rossi è stato chiarissimo e Gallanti continua a parlar d’altro.
Una questione delicatissima sotto tutti i profili e non basterà certo spostare la discussione su presunte permalosità personali del presidente della AP.
Rimaniamo e rimarremo ai fatti, eccome.
I nostri obiettivi politici che sono esattamente quelli di Rossi, li abbiamo detti e li ridiremo in ogni sede, spiegando a Gallanti, nello stesso modo e con le stesse parole, perché Livorno non è Sesto San Giovanni. Un insegnamento utile a tutti quelli, che devono rispettare la città e chi la rappresenta, ma anche la sua storia amministrativa ineccepibile ed esemplare.
Ed un po’ di umiltà, capitati un po’ per caso grazie ad Altero in un porto diverso da quello a cui si è stati legati per una vita, non guasterebbe certo.
Ma non è questo il problema, i palloni in fallo non servono , né ci impressionano. Serve fare atti amministrativi coerenti ed ineccepibili. E può star certo Gallanti che non smetteremo di parlarne e di dire la nostra, ovunque, per evitare errori e nel suo stesso interesse.
E sennò che ci staremmo fare. A Livorno si usa così. E dopo le parole inequivocabili di Rossi , non credo ci siano dubbi su quello che occorre fare. Altrimenti si prenderebbero strade assai scivolose , che non si eludono buttando il pallone in fallo e cercando di mettere a tacere chi avverte dei rischi in corso.
Di questo passo Gallanti se la prenderà pure con i segnali stradali che segnalano un incrocio pericoloso. o almeno darà a vedere di prendersela.
Ma qui a tacere non si mette nessuno, soprattutto se rappresenta, a qualsiasi livello , una istituzione elettiva. Dal Presidente della Regione in giù. Si è sbagliato città e persone. Visto che mercoledì il punto è all’odg del Consiglio, avremo subito una occasione, in streaming, per spiegare meglio i nostri timori a tutti e le nostre raccomandazioni preventive , pensando a Sesto San Giovanni, appunto. A proposito di SAT e piani urbanistici in corso di adozione.

  

Annunci

One Response to ALLUCINAZIONI DI FINE STAGIONE

  1. P.Lamberti ha detto:

    Livorno e il Pd :leggi i quotidiani oggi e rimani allibito.Da non iscritto al Pd ti invitano a votare a Dicembre tra Cuperlo e Renzi.
    Osservi sul Tirreno e La Nazione le foto e leggi gli articoli.
    Allora,da una parte ,per Cuperlo c’e’ De Filicaia (38 anni al suo primo incarico politico ) dall’altra,per Renzi,leader indiscussa,l’ex 4 volte parlamentare Marida Bolognesi,il sindaco ,presidente della Provincia,Grassi ex assessore a Livorno,fiorentino,gia’ dirigente regionale e “romano”,tutta la Margherita che fu 12 anni fa ,Quarta Fase e tutta la ex segreteria comunale dello stesso De Filicaia.
    Il “vecchio ” ( De Filicaia ) contro il RINNOVAMENTO .Programmi zero.
    Il 95 % dei fotografati,giovani e meno,hanno gia’ avuto a vario titolo incarichi politici.
    Tralasciando per il momento l’Arci insieme agli amici extracomunitari fulminati da improvvisa passione politica (legittima ).
    Non esprimo giudizi sulle persone ma fotografo solo ed oggettivamente cosa hanno o continuano a rappresentare.
    A Dicembre esprimero’ ,da uomo di sinistra ,votando alle Primarie il mio concetto di “nuovo” contro “vecchio”.
    Pardo Fornaciari sono stato piu’ chiaro oggi ?????;))))))))))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: