LEZIONI E DIMOSTRAZIONI DI GRANDE AUTOSTIMA .

j

Gianfranco Lamberti

Ora, che il mio amico Battocchi si possa permettere, avendone motivo grazie alle situazioni surreali di una commissione, di invitare il Consiglio Comunale a prendere esempio dalla Circoscrizione da lui presieduta, la dice lunga sulla deriva politica cui siamo arrivati.
Battocchi è bravo, l’ho votato alle ultime elezioni non presentando Confronto proprio in quella circoscrizione, per questo. Ha una lunga storia politica e sindacale e non è l’ultimo arrivato in politica. Lo dimostra la sua esultanza un pò plateale dopo aver ottenuto personalmente sulla sua scheda, la firma di Cosimi alla sua mozione congressuale.
Quindi onore al merito.
Ma non si era mai spinto a dare lezioni al consiglio comunale, come anche altri.
Conosco, a proposito della categoria, tanti professori e professoresse, da moltissimi anni. Alcune/i , di grande prestigio, sono state anche candidate nella nostra lista alle ultime amministrative. Il mestiere di prof è difficile e delicato. Al di là dei titoli, ci vuole il fisico.
E sconsiglierei la strada della lavagna con i buoni ed i cattivi, i bravi prof ormai l’hanno abbandonata.
Livorno, del resto, non è una città di smemorati e nemmeno di coglioni.
Certo, a volte va in coppa UEFA ed a volte retrocede fino all’eccellenza. Ma è capace, quando tutto sembra perso, di ritrovare orgoglio, grinta ed anche lo sberleffo definitivo.
L’ironia del ragazzo di Lamberto Giannini, che sul palco di uno straordinario spettacolo, si rivolge al mito Igor Protti, quasi finito sull’altare e volutamente un pò giggioneggiante, con uno stentoreo “.. ma ti levi di ‘ulo” è una sintesi straordinaria di livornesità.
Ecco, di fronte a tanti che giggioneggiano con il “nuovo che avanza” ( lo fanno sul serio e senza autoironia alla Giannini), viene da usare quella straordinaria espressione, che è la traduzione labronica del pernacchio di Totò.
Ed allora si capisce la nostra istintiva simpatia per Yari, che lavora davvero sul porto, che gioca davvero bene a pallone e che quando i “nuovi” suoi antagonisti  erano già in campo da tempo,  non era ancora nato. E soprattutto è capace di dire senza tatticismi insopportabili  cose semplici e concrete, come quelle dette al nostro convegno alla presenza del sindaco ,sul rapporto pubblico privato sul porto, senza menarsela troppo e fare i salamelecchi agli aspiranti acquirenti delle quote di porto 2000, di cui tutti sanno e che aspettano solo che arrivi dalla luna l’advisor per metterci la firma. Vizi privati e pubbliche virtù alla livornese. Certo, Yari, proprio per questo, potrà essere scomodo ed inviso a qualche grumo di interessi costituiti, di cui tutti parlano e che hanno numerosi portavoce. Un motivo in più per apprezzarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: