” DUBBI MA ANCHE BUONSENSO “

 
Unknown
da La Nazione
L’ex sindaco Lamberti in linea con De Filicaia, segretario del Pd
— LIVORNO —
SI RIACCENDE il dibattito sul nuovo ospedale dopo gli articoli usciti ieri suLa Nazione. «A proposito di nuovo ospedale — scrive Gianfranco Lamberti — e della mia posizione, mi sembra utile qualche precisazione. Ho raccolto firme per mesi con un banchetto per consentire ai livornesi di confermare o meno la scelta compiuta dalla maggioranza di allora sulla realizzazione del nuovo ospedale a Montenero Basso. La decisione dei livornesi è stata di conferma della scelta compiuta in Consiglio Comunale. Io avrei scelto una diversa soluzione, come ho spiegato a tempo debito e senza equivoci». E prosegue «ricordo dibattiti con Maurizio Viti, Enrico Bianchi, Alessandro Latorraca, Marco Ruggeri e lo stesso sindaco nei quali non ho mai negato la necessità di adeguare il nostro modello assistenziale e di definire un nuovo rapporto tra servizi per intensità di cura ed attività territoriali, di prevenzione, cura e riabilitazione. Giovanni De Peppo è intervenuto più volte, sul tema. Recentemente, poi, ho partecipato ad una pubblica manifestazione del Pd chiedendo all’assessore regionale alla sanità se il percorso avviato sul piano amministrativo con il bando per la realizzazione dell’opera, fosse condizionato da finanziamenti derivanti da operazioni di vendita di immobili a Livorno, oppure si potesse considerare coperto dal bilancio regionale, a prescindere». Ricorda che l’assessore, regionale ha confermato che gli stanziamenti necessari ci sono comunque negli atti già approvati od in corso di approvazione dalla Regione. «Secondo la giunta regionale — scrive Lamberti — non esiste alcun motivo tecnico-amministrativo che possa considerare la gara già avviata revocabile. Con tutte le riserve e le preoccupazioni che ho manifestato durante la campagna elettorale, in Consiglio e con il referendum, a questo punto mi sembra che prendere atto della volontà dei livornesi sia corretto e giusto». 
COSÌ L’EX SINDACO dà seguito alle dichiarazioni del segretario del Pd De Filicaia rilasciate ieri al nostro giornale. «De Filicaia dice cose ragionevoli e serie — scrive Lamberti — Enrico Rossi, l’unico che potrebbe bloccare tutto pagandone le conseguenze amministrative e politiche non ha dubbi nell’andare avanti, insieme ai suoi alleati di governo a Firenze. Ed allora di cosa discutiamo? Si tratta di operare al meglio e concretamente. Lo spazio per ricominciare tutto, daccapo, per un nuovo ospedale “mobile” non c’è. C’è quello di chieder conto a chi se li è assunti, dei tempi e della qualità degli impegni. Come è normale in democrazia».

Annunci

7 Responses to ” DUBBI MA ANCHE BUONSENSO “

  1. GHINO di TACCO ha detto:

    IL TIRRENO, Scrivere senza sapere “perché o per cosa”

    Ancora vecchie notizie sul Grande Bacino, un’articolo zeppo di luoghi comuni e di inesattezze
    Un flebile ricordo alla “battaglia dei riparatori navali” sconfitti da forti interessi individuali dei soliti noti, dall’ignoranza e la superficialità di una città in cui i figli dei soliti noti hanno tutti o quasi un’impiego, mentre il popolino aspetta il favore sognando lo sviluppo “SOSTENIBILE” fatto di un lavoro di poca fatica e non insudiciante come la carpenteria metallica.
    Si indicano chiare responsabilità dello sfascio del manufatto, ma con altrettanta solerzia si ritira la mano che indica il colpevole
    Non un cenno alle specifiche denunce e alla perizia della procura che indica chiare e puntuali responsabilità
    Chiaramente il Tirreno si guarda bene di esercitare uno specifico ruolo che la stampa libera esercita quotidianamente, il giornalismo di inchiesta.
    Ne tantomeno le forze politiche e sociali riescono ad esercitare attraverso una dignità residua il compito per cui sono deputate.
    Aspettarsi inoltre che risorga UN GIUDICE A BERLINO, rimane un sogno di un paese NORMALE.

  2. gastronomic observer ha detto:

    Già,i cento milioni virtuali di Marroni promessi all’assemblea Pd prima che la sanità toscana venisse declassata dalle stime del governo..Quindi,fatti due conti,siamo a quota (complessiva) 360 milioni per realizzare un poliambulatorio specialistico di proporzioni ospedaliere in un’area pedecollinare a forte rischio idrogeologico.Complimenti a tutti.Chissà cosa ne pensano Gazzetti&Solimano.

    ps:secondo lutto oggi in Viale Sauro.

  3. Beh, i conti di gastronomic mi sembrano un po’ diversi da quelli che abbiamo agli atti. E le “promesse” dell’assessore facevano riferimenti a delibere già assunte ed altre predisposte. Naturalmente a ciascuno il suo e se assessore regionale e tutti gli altri che ne condividono la maggioranza a Firenze ci raccontano balle vedremo. Mi sembrano, con tutto il rispetto, dichiarazioni più significative di quelle, eventuali, di Solimano.
    Quanto a Ghino, ho inviato una nota al Tirreno. Spero che mi pubblichino. Il numero due della AP, venuto da Marte, mi sembra in attesa di numeri uno, probabilmente ancora in ferie, al solito.

  4. Gianfranco, richiami sistematicamente il merito dei contenuti e di un programma per chiudere bene la legislaura secondo impegni assunti e soprattutto per guardare al futuro, in tutte le sue salse,avendo un approccio di serietà e rsponsabilità politica. bene, non si può che condividere, ma che ne pensi davanti ai problemi della città, di 45 gg 45 di ferie della A. C. ? che poi saranno assurdamente anche di più quando si riunirà la ccg e ci saranno le prime commissioni , magari in 4 e 4/8 senza tempi adeguati per analizzare cosa ci porteranno a cominciare dall’assestamento di bilancio che più o meno sarà discusso verso il 27 settembre cioè tra 25 gg? Saluti

  5. La pausa è lunga, lunghissima. Ed i problemi non aspettano. La stessa agenda di fine mandato, proposta dalla giunta, mi sembra assai problematica da concretizzare. Dentro le diverse questioni, ce ne sono di obsolete e francamente insignificanti, altre che invece saranno alla base, comunque la si veda , del confronto verso le prossime amministrative ed i futuri scenari cittadini.
    Credo, Wladimiro, valga la pena concentrarsi sulle cose principali. Anche se la prospettiva di una situazione che si incarta è tutt’altro che remota.
    Per questo il fatto che Yari cerchi di mettere un poco di ordine e di priorità mi sembra corretto.

  6. GHINO DI TACCO ha detto:

    Oltre ad essere incapaci sono anche arroganti
    Abbia almeno il pudore di tacere e quantomeno apra una indagine interna con i tecnici per rifletter rispetto alla probabile brutta creatura dellasagra delle rotatorie che non se ne conosce di uguali in altri territori con la vicinanza e ripetitivita’ in pochi metri
    Meno fuffa e piu voglia di mettersi a disposizione altrimenti ritorni a lavorare
    (ammesso che un lavoro lo abbia)

  7. gastronomic observer ha detto:

    266 mil. (compreso il project da 81 e senza considerare l’ammortamento secolare della gestione privata dei servizi del contractor) + i 100 virtuali di Marroni/Ruggeri fa 366.Il progetto non saràcomunque revocabile,ma l’assegnazione è tuttora provvisoria.E se dovesse piovere di quel che tuona…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: