MA E’ TUTTA UNA SAGRA RIONALE ?

 

Unknown

 

Gianfranco Lamberti

Oggi il Tirreno pubblica con grande evidenza dichiarazioni prive di ogni fondamento sull’OLT e la mia amministrazione. Ho inviato una replica, un segno di rispetto per il giornale e per me stesso aspettare di leggerla sul quotidiano…Anche perché ne abbiamo lette di tutti i colori in questi ultimi giorni. In ultimo l’Interporto , su cui ritorneremo con calma, travolti da olt e vari di navi d’appoggio e Goldoni on demand.
Si tratta di questioni assai delicate che non possono essere lasciate alle dichiarazioni in libertà di questo o di quello – più o meno smemorato – tra ricadute, vere o presunte, lavoro, vero o presunto, e garanzie per tutti, vere o presunte.
Non è possibile lasciare che tutto sia legato alle battute, anche le più strampalate, di giornata. Fuori da un contesto e fuori dalla storia di questa città. Quella passata e quella che potrebbe essere.
Poi, dopo i racconti, ci sono gli atti , i posti di lavoro, i soldi veri da spendere, le navi che arrivano, le curve nord da soddisfare, le prescrizioni della Lega per l’inizio campionato, gli ippodropmi da riaprire, il basket da liquidare, l’Odeon da incubo e via dicendo.
Bernabò fa un fondo molto azzeccato, oggi, sul Tirreno. Al solito semplice e centrato. Richiama stagioni fatte di progetti concreti portati avanti con serietà e chiede di ricercare quel bandolo, fuori dai teatrini un pò patetici ed un pò devastanti degli ultimi tempi. Un bandolo fatto di politica seria e di persone serie. Nessuno si può tirare fuori da questa responsabilità, anche nel racconto di quello che accade davvero e non sullo schermo in vernacolo.

Annunci

4 Responses to MA E’ TUTTA UNA SAGRA RIONALE ?

  1. Carlo ha detto:

    Qualche domanda sulla gestione della fondazione Goldoni non sarebbe inopportuna.
    Magari esigendo, con rigore e determinazione, una risposta seria, e non per creare mulinelli di aria fritta.
    Mi sbaglierò, ma lo Statuto della Fondazione vieta che i bilanci possano prevedere un disavanzo.
    E allora come è stato possibile accumulare perdite anno dopo anno? Dove erano i revisori e quali sono le responsabilità del popodipresidentechesifecedirettore e del popodisindacochesifecepresidente?
    Tante funzioni sono state affidate all’esterno, con appalti, consulenze e contratti di vario genere.
    La stessa programmazione degli spettacoli è gestita esternamente alla struttura della Fondazione.
    E allora quali sono le mansioni di venti (diconsi venti) dipendenti?
    È possibile avere un organigramma completo di mansionario per ognuno di essi?
    Credo che ne scopriremmo delle belle!

  2. henry w,brubaker ha detto:

    Il problema non sono le perdite in sè,quanto il silenzio protettivo e complice che le ha circondate.Non stiamo parlando di donazioni private,ma di fondi pubblici.C’è in quella struttura un sistema controllante/controllato che porta ad una sola persona.E che consente a quest’ultima di fare e dire quello che vuole.Per quale motivo il Goldoni deve fare 500 contratti esterni,è questo che non si capisce.Chi ha consentito di aggravare la situazione finanziaria in presenza di perdite.Chi l’ha detto che una fondazione pubblica (per di piu’ azionata da un Ente fragilissimo come il Comune)si muova come un impresario privato senza averne i capitali e soprattutto la capacità di marketing.Che dice Tredici di tutto questo.

  3. St. John ha detto:

    provo solo umana compassione per chi afferma, come il si fa per dire primo cittadino, che il Sin era una gabbia. Affermare che i vincoli ambientali sono una gabbia, e non una risorsa economica, è prima di tutto un atto di profonda ignoranza. Anni fa Jeremy Rifkin (certo un nulla rispetto a titani come Renzi o Cicchitto..)commentando la visione del capitalismo di Berlusconi disse “mi stupisco come un imprenditore come lui non capisca il business del futuro”. Che è legato alle energie alternative. Invece di citare Hobbes, del quale a malapena maneggia le copertine, il primo cittadino (ma soprattutto chi aspira a continuarne l’opera) si renda conto che Livorno è in pieno Lumpenkapitalismus: sfruttamento dissennato di suolo, ambiente e rifiuti.

    ps. questo è di quasi tre anni fa sul rischio di “perdita senza fine” del project-financing dell’ospedale di Mestre. Rischio paventato da noti black bloc come la Cisl e la giunta Zaia.

    http://www.cislveneto.it/Rassegna-stampa-Veneto/Ospedale-di-Mestre-1-miliardo-ai-privati-la-Regione-sta-pensando-di-ricomprarlo

    che questa maggioranza, con all’interno il genio collettivo del Pd, possa far partire, prima del fine mandato, un’operazione priva di questi rischi..beh è come se Danilo passasse dal Latina al Real e risultasse decisivo per la riconquista della coppa con le orecchie :)

  4. St. John ha detto:

    tanto per rimanere in tema di Lituania e quindi di Danili veri o presunti. Vilnius, la capitale di quel paese, ospita a inizio novembre un evento che, per usare parole sentite con i miei orecchi dal si fa per dire primo cittadino, “porta un monte di vaini”. Ma un monte forte, tutti fondi dell’unione europea spesi, aggiungo, dimorto bene.
    Con ricadute pluriennali. Livorno sarebbe una location fantastica per questo genere di eventi. Che portano i soldi veri, provenienti dal pubblico non da imprenditori mordi e fuggi, che poi attirano investimenti seri. In settori che sono futuro. Ma quando si ha una squadra come “siluro”, “mattone”, re pipino, la zarina, piantino e via discorrendo..Il centrosinistra livornese ha costruito un gap rispetto al mondo reale di un quindicennio. Gap sia cognitivo che economico. Naturalmente i matti sono quelli contro il project financing, l’inceneritore non quelli che sono rimasti al Mesozoico dell’economia, ci mancherebbe :) Mi sa che i Danili veri non sono andati a Latina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: