CAMPAGNA ELETTORALE SULLA PELLE DEI LIVORNESI

images

 

 

Gianfranco Lamberti

La cosa peggiore, per la politica, è quella di raccontare balle per raccogliere qualche voto , sulla pelle delle illusioni e delle angosce dei cittadini.

E’ difficile non incazzarsi, quando qualcuno, ad esempio, fa immaginare a lavoratori in difficoltà, come quelli dell’ippodromo, che potrebbero essere assunti da una qualche società partecipata. Cosa, a norma di legge e ci viene spiegato nella riservatezza della conferenza dei capigruppo, impossibile. Ed allora lo si dica chiaramente che è impossibile, lo si faccia spiegare a chi di dovere, tecnici od assessori, ma senza equivoci. E si eviti di far dire sciocchezze perfino al segretario della CGIL.  Certo, chi volete che sia contro un solo posto di lavoro, ma non dire con chiarezza cosa è possibile e cosa no, sarebbe colpevole , drammaticamente colpevole. E rischierebbe di far chiudere anche l’ippica , come se non bastasse il resto.

Lo stesso dicasi sull’ospedale. Il punto a cui siamo e cosa a questo punto si puoò fare, senza equivoci. Lo reclamiamo da giorni. Oggi Yari conferma, in modo semplice, che si tratta, allo stato degli atti, di discutere di come si deve operare e non se si deve aspèettare un anno fermi e poi ripartire da zero. Proposta sconcertante, di un fronte elettorale altrettanto sconcertante. Sconcertante nel merito e nel disegno politico, e lo dice chi ha messo sù banchetti per mesi per raccogliere firme, mentre altri prendevano il caffè.

E così per il Goldoni, per il quale andrebbero capiti bene i ruoli di tutti gli attori. Farsi dare lezioni da qualche ragazzo, che addirittura vorrebbe richiamare Ciampi, come se quel teatro non fosse stato recuperato da anni di lavoro di amministrazioni toste e serie. Quelle di una sinistra di governo di poche chiacchiere e molti fatti. Rivendicarlo non sarebbe male, anche per avere un bandolo per il futuro, senza chiacchiere e senza campagne elettorali organizzate per gli altri, a gratis o quasi. Vedi Matteoli, grillini e mi fermo qui per carità di patria.

Insomma , basterebbe non menarsela più e dire senza ambiguità, su tutto, le cose come stanno. Il tempo degli occhiolini furetti è ormai finito e per fortuna.

Annunci

One Response to CAMPAGNA ELETTORALE SULLA PELLE DEI LIVORNESI

  1. GHINO di TACCO ha detto:

    Non scadiamo nel ridicolo
    Ci mancavano le BR al sugo di CACCIUCCO,
    come direbbe il Principe…”ma mi faccia il piacereeee”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: