“RIEMPIAMO I CONTENITORI DI CONTENUTI E NESSUNA ACQUIESCENZA “

1

Alessandro Latorraca

Mi sembra che la “nuova” pagina che si sta aprendo sul nuovo ospedale sia determinata in larga misura da cominciare a tracciare possibili strategie elettoralistiche. Purtroppo il cosiddetto “fronte del no” si ritrova adesso, con una gara “quasi” aggiudicata a rincorrere fantasmi politici. Non mi riferisco a gruppi o associazioni che hanno sempre ragionevolmente portato il loro dissenso, ma soprattutto a quelle forze che della loro opposizione non sanno neanche quale sia il sinificato; ma soprattutto a coloro che poi , magari, quando, ci sarà un’altra ondata di amnesia chiederanno “elemosine” al partitone, così come la stampa cittadina ci chiama (non ho mai capito poi “one” di cosa).Io continuo a ritenere che un nuovo ospedale sia una delle poche scelte strategiche che potevano essere fatte a Livorno.
In termini sanitari, ovviamente, con una intensità di cura tecnologicamente alemno a livello di quelli poi che chiamiamo concorrenti (vedi Pisa) al quale magari gli stessi referendari vorrebbero sottrarre la neuorochorurgia o magari anche ridimensionare la emodinamica.
ma avete idea oggi di cosa occorra per avere una emodinamica efficace ed efficiente (e mi riferisco ai tassi di mortalità intra e perioeratoria)?.
Di queste cose dovremo cominciare a parlare, di come sapremo essere esigenti nel riempire il contenitore di contenuti almeno paritetici con gli altri presidi.
Vogliamo cominciare a parlare di qualità della salute livornese andando a pesare i DRG con gli altri ospedali limitrofi; ragazzi vi accorgerete di cose che non si possono dire, altro che bazzecole. ma ne riparleremo magari, se sarà opportuno.
Il problema invece che pongo è quello che tutte le operazioni urbanistiche abbiano una logica di bene per la città; e non siano scorciatoie per i soliti noti; questo si.
ma per fare questo basta un consiglio comunale all’altezza..in questo il Sindaco ha ragione e mi sembra ad esempio cha la posizione dell’amico Gianfranco in questi anni su tali temi non abbia fatto sconti.
Si riporti nell’alveo del consiglio una opposizione dura ma preparata.
ce ne fossero di SJ, o di Ghino o di HB nel consiglio..ma vi assicuro che nel consiglio regna la morte del pensiero, anche di quello di base.
Poi personalmente, riprendendo il tema di qualche giorno fa, io la prossima campagna elettorale la farei tutta sul funzionamento della macchina aministrativa..tanto per dire che non ho nessua necessità di difese a priori.
Sogno una politica all’altezza figuriamoci se qui si tratti di genuflettersi a varianti o variantine che andranno capite bene. nessuna acquiescenza figuriamoci!.

A proposito di acquiescenza, che come sapete, certo argomentandola, detti alla variante Gran Guardia.
Ho chiesto in questi giorni, ad amici assessori affetti da amnesia antrograda, a che punto siamo con le promesse di piccola sala cinematografica, museo del cinema ecc. ec..
Su queste cose dovrebbero prenderci a “bucciate” in ghigna: e’ ovvio che queste sono le promesse che poi peseranno in campagna elettorale.
le ricorderò a tempo debito anche alla segreteria del mio partito.
tanto vi dovevo.

Annunci

One Response to “RIEMPIAMO I CONTENITORI DI CONTENUTI E NESSUNA ACQUIESCENZA “

  1. A proposito di varianti, quelle di comparto a modifica della viabilità prevista dal mio piano strutturale, non sono fatte male. Le ho fatte verificare ad uno che se ne intende, della nostra lista. Tanto per entrare nel merito. Anche di partite che non sono ormai più risolvibili con una semplificazione , o tutto o niente.
    Ne parlavo con altri, che di bilanci regionali se ne intendono e che confermano che, ovviamente , il procedimento avviato non e’ condizionato dalle valorizzazioni, vere o presunte, del patrimonio Asl di Livorno.
    La questione rimane dentro i bilanci della Regione. E’ evidente.
    Non stiamo discutendo se espellere o meno la senatrice Gambaro, ma di atti amministrativi e della loro efficacia.
    Per questo un confronto rigoroso in Consiglio, come auspica Alessandro, può servire a chiarire , a noi per primi, come stanno le cose. Per evitare cartelli che non si basano sulla realtà delle cose.
    Naturalmente nel totale rispetto di ogni opinione. Non avremmo raccolto le firme per mesi, con tanti che facevano finta di niente. Ma sono passati tre anni, ed il percorso non era nascosto.
    In attesa di discutere in Consiglio la revisione del Piano Strutturale, il vero punto chiave di questa fase politica, già calendarizzato . Oltre le questioni che pone Alessandro , ineccepibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: