ALTRO CHE CAMPANELLI DI ALLARME ….

ca

W.Del Corona :

IL DOCUMENTO SUL PORTO
La terza commissione si è riunita il giorno 19 marzo alla presenza del Sig. Sindaco per ascoltare i vertici della Porto 2000 e riflettere sulle vicende riguardanti il trasferimento di alcuni vettori passeggeri dal porto di Livorno a quello di La Spezia, circa 40 accosti per il 2013. Sarebbe però limitativo non interrogarsi anche sugli allarmanti dati della flessione avvenuta nel settore commerciale del porto, al fine di realizzare politiche di programmazione adeguate a superare i fattori di crisi.
Dal dibattito sono emerse chiare e condivise preoccupazioni circa il fatto che questo trasferimento di navi crociere rappresenta un campanello di allarme rispetto ad un importante attività dell’economia portuale e alle potenzialità turistiche della nostra città. Il Porto di Livorno, infatti, ha ottenuto un grande impulso e buoni risultati , che hanno portato al superamento di un milione di passeggeri nel 2012, grazie al positivo impegno e contributo della Porto 2000, dei terminalisti che hanno dato la loro disponibilità dei loro accosti nelle loro concessioni e della stessa Autorità Portuale.
E’ tuttavia generalizzata e motivata opinione che la perdita di 40 accosti possa e debba essere recuperata.

Anzi si può ragionevolmente ipotizzare ulteriori possibilità di crescita di vettori passeggeri, assicurando al tempo stesso tutte le condizioni per le attività commerciali.
Per questi fini è imperativo procedere alla realizzazione di interventi, immediati e non più rinviabili, che concretizzino quanto già fissato negli obiettivi dello stesso POT con la definizione della zonizzazione. E’ il momento della solidarietà operativa.
Il POT è stato approvato, è confermato e necessita ormai di un coerente e decisivo cronoprogramma per fissare certezze programmatiche , in grado di concretizzare gli obiettivi in esso indicati. In particolare si ricordano gli escavi, le concessioni per Molo Italia, il trasferimento del TCO, la costruzione della struttura prevista sull’area MK , la ristrutturazione dei piazzali nell’area A.F. /calata orlando, la realizzazione della stazione crociere.
In sostanza il porto che c’è deve essere rimodellato secondo le urgenze imposte per un verso dalla competitività esplosa sul mercato, dall’altro dalla crisi economica e sociale ,che vede nei porti la prima spia accesa. Il mantenimento delle attività commerciali ed il consolidamento e sviluppo di una attività complementare come quella crocieristica è propedeutico alla migliore gestione della fase transitoria verso un porto a regime, che non penalizzi imprese, lavoro e occupazione ed al tempo stesso permetta di offrire accosti certi per la programmazione strategica da garantire agli armatori delle crociere. Si tratta di investire senza incertezze su lavoro , occupazione , ripresa e futuro.
Stiamo parlando di investimenti e interventi , sulle infrastrutture materiali, immateriale e sulle risorse umane, che e’ necessario riconfermare come potenziali fattori di sviluppo per il porto di Livorno e per l’intera Regione Toscana, in un impegno pienamente contenuto nel Progetto Porto , presentato recentemente a Miami non a caso con il pieno sostegno della stessa Regione.
A questo punto la chiave di volta diviene un cronoprogramma preciso e puntuale che determini chiarezza operativa e al tempo stesso chiami tutti alle proprie responsabilità nel rispetto di diritti e doveri, di regole e
prerogative specifiche, per obiettivi comuni.
E’ ormai sempre più il tempo della responsabilità, indietro non si può più tornare.
La gestione di questo processo operativo è ovviamente a carico della Autorità Portuale, che deve essere il garante di un processo rapido ed equilibrato, avendo titoli e poteri per operare in tal senso e che trova nel
CC di Livorno tutto il sostegno , l’appoggio e le garanzie necessarie.
Ma serve fare presto, il tempo non ci è più amico.
Si ritiene, in conclusione, necessario attivare rapidamente apposite sinergie istituzionali fra le istituzioni coinvolte (Comune , Provincia, Camera di Commercio, Regione , Autorità Portuale) con il preciso ed urgente obiettivo di definire quanto prima tutti gli elementi organizzativi in grado di aiutare la gestione della fase transitoria, con particolare riferimento all’utilizzo degli accosti 46 e 47 dell’AF, ed in questo modo contribuire a fissare i punti cardine del cronoprogramma , sopra richiamato.

Annunci

3 Responses to ALTRO CHE CAMPANELLI DI ALLARME ….

  1. Oggi il lavoro di Wladimiro ha avuto un importante riconoscimento in Consiglio, con l’adesione di un csx allargato e raziocinante. Un passaggio politico importante verso la nuova fase politica cui aspiriamo da tempo.
    Senza alibi per nessuno, a partire dalla AP alla Ponzio Pilato , che lascia marcire questioni certo complesse, ma che proprio per questo richiedono decisioni urgenti e chiare.

  2. Kinto ha detto:

    Ho sempre dubitato degli unti del Signore
    ed in particolare della bonta’ operativa sul nostro territorio
    di Gallanti da Genova
    ed a Livorno,
    si dice ,
    non piu’ di 3 giorni la settimana o giu’ di li’.magari 4 .
    dunque chiedere conto una volta per tutte a sua signoria
    e che se non in grado almeno per il nostro scalo,
    per quelli liguri di cose buone ne ha fatte certamente,
    di portare i risultati invocati da un intera citta’ ospitante
    che la lasciasse quella mega poltrona.
    non e’ un eresia,tutt altro.
    Fosse li poi per concorso capirei l impossibilità
    alla rimozione
    e tutto il resto
    se c’e’ stata una nomina esclusivamente politica
    a partire dal diktat di Matteoli ministro
    con la sponda di camerieri in servizio permanente,
    e’ stata proprio quella di Gallanti.
    dunque se la stessa politica
    dichiara il fallimento dovrebbe bastare ed avanzare
    in regime di dignità e responsabilità.
    Insomma sono in tanti a doversi dare una mossa,
    ma se non si comincia da qualche punto chiave come la presidenza del porto
    sono le solite chiacchiere al vento
    e occasioni di lavoro perdute.
    Saluti

  3. Kinto e’ sempre puntuale e rigoroso nelle sue analisi. Le persone giuste al posto giusto, una regola semplice ed infallibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: