RIPARTIAMO DALLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA.GIAMMAI TUTTA UN’ERBA ED “UN FASCIO”

cartello

da Il TIRRENO

 PARLIAMO DI COSE SERIE
Bene l’apertura del sindaco con l’agenda di fine mandato purché non si risolva in impegni generici e senza scadenze
di GIANFRANCO LAMBERTI Occasione persa oppure l’inizio di una nuova fase politica utile alla città? L’interrogativo che si pone Andrea Lazzeri è più che legittimo. Troppo importante per lasciarsi distrarre, nel rifletterci, dalle contumelie contro me e la mia famiglia della consigliera Amadio, ci sono abituato da anni, ho risposto in Consiglio a suo tempo, ora semmai se ne occuperanno i miei legali. Ho sviluppato, al contrario della consigliera, un ragionamento tutto politico, citandone la storia politica, come fa in queste ore il Pd a Roma con Berlusconi e il Pdl. Mi spiego: l’apertura del sindaco, che coglie nella già prevista discussione sulla agenda di fine mandato una occasione di nuovo inizio concreto e verificabile, è certo apprezzabile, purché non si risolva in impegni generici e senza scadenze, oppure si trasformi in un indistinto ed ecumenico appello a tutto il Consiglio. Certo ognuno deve fare la sua parte, ne ha diritto. Ma guardando al futuro sarebbe un clamoroso errore non ripartire senza equivoci dalla coalizione di centrosinistra, che è auspicabile si candidi a breve a guidare la città nelle prossime amministrative. L’opposto che fare di tutta l’erba un inutile fascio, di nome e di fatto. Qui la mia riflessione in Consiglio, rivolta esplicitamente a Cosimi, a Fenzi e anche a Giannini. Ricevendone una attenzione di cui li ringrazio. Nel merito poi vedremo la proposta, e se la discuteremo, dopo aver affrontato le questioni portuali in calendario, non sarà tempo perso. E l’agenda ha, secondo me e come ha detto lo stesso Cosimi, un punto semplice di partenza, a parte altri e stranoti atti concreti da compiere, come tutto il corteo di provvedimenti sul porto, le partecipate in scadenza, l’ambiente, i servizi socio sanitari e via dicendo. Parlo di fissare la scadenza sulla adozione in Consiglio del nuovo Piano strutturale. Difficile ma non impossibile farlo, si metta la data. E decidere sul Piano strutturale, che segna non certo indici edificatori, ci mancherebbe, ma le vocazioni di un territorio per gli anni futuri, non può che essere inevitabilmente una ripartenza dai forti contenuti politici e amministrativi. E se questo avverrà nella massima istituzione cittadina e nel pieno rispetto dei percorsi partecipativi, senza inciuci partitici ma dialogando con la città davvero, arricchirà correttamente e senza traumi il percorso già avviato da qualche partito, a partire dal Pd e al quale anche Confronto e Centro Democratico stanno dando contributi specifici. Non vedo strade migliori e più responsabili, nell’interesse di Livorno.

Annunci

3 Responses to RIPARTIAMO DALLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA.GIAMMAI TUTTA UN’ERBA ED “UN FASCIO”

  1. Kinto ha detto:

    Il punto del Dott.Lamberti e’ ovviamente tutto politico.
    Inutile fare gli gnorri
    o cercare contaminazioni risultate inutili anche sul piano nazionale,
    non ci sono larghe intese da trovare con la destra a Livorno.
    Il centrosinistra a Livorno c’e’ ,
    e’ certificato da molte circostanze su base quotidiana dentro e fuori dal consiglio comunale,e
    dunque si proiettino dei punti programmatici in avanti.
    si raggiungano se possibile ed i livornesi valuteranno le cose.
    E’ cio’ che dice De Filicaia,il segretario di Sel e Centro Democratico.
    Il giochino di mettere tutti sullo stesso piano di responsabilità
    e condivisione politica
    e’ un tentativo abbastanza scontato ed oltretutto inutile.
    Serve solo a sminuire convergenze gia’ trovate
    e quel senso di serietà che si vuole rimettere al centro di tutto.
    Ci sono sintesi con confini gia’ segnalati sulla cartina geopolitica
    e vanno ad oggi da Sel a CD,
    Altri appaiono nei fatti totalmente impossibili, con la destra e’ sicuro.
    Vedo di fatti che anche cio’ che resta dell’IdV ed i complimenti ad esempio al serio Del Lucchese non sono mai mancati,partendo dal suo impegno fattivo sull’Ippodromo ed i suoi lavoratori,
    sta tornado a piu’ miti consigli.
    Dunque non si getti fumo negli occhi e si lavori pensando che
    Livorno esisteva da 400 anni prima ed esistera’
    per altri secoli e secoli dopo Cosimi.
    Saluti

  2. Kinto ha detto:

    ed infatti con similitudini notevoli a mio parere,
    all’ anno che verrà livornese,
    in questa direzione vanno anche le impostazioni
    sul piano nazionale.
    Linee condivise e serie,
    la responsabilità di un credo politico che non si pesa col bilancino del farmacista
    ma si valuta per il contenuto della propria proposta:
    da REPUBBLICA:
    -Per Centro Democratico, l’altro alleato di Bersani, “c’è l’assoluta necessità di garantire un governo che faccia riferimento ad una dimensione programmatica molto netta e molto precisa, e abbiamo posto come priorità assoluta la riforma delle istituzioni attraverso la creazione di una convenzione costituzionale che a noi è parsa una proposta di grande rilievo istituzionale”. –

  3. St. John ha detto:

    a proposito di centrosinistra, leggete queste parole “Io vi rendo avvertiti, vi faccio avvertiti […] che ritengo la cosa che sto dicendo la cosa realistica [..] Fuori da questo io vedo un meccanismo che, dal faremo e diremo [..], passeremo all’avremmo potuto”.
    i puntini di sospensione rappresentano un sospiro o una toccata di mento, mentre il discorso è stato pronunciato, nella sequenza logica rappresentata dallo stenografato, da Bersani Pierluigi da Bettola nella famosa riunione con i grillini. Nanni Moretti puro, selvaggio fine anni ’70 libero di fluttuare altro che proflilo da statista. Il Bersani mostra però squarci di autocoscienza quando, nella stessa riunione, afferma: “solo un insano di mente potrebbe aver la fregola di governare in questo momento”. Bastava dire “in questo modo” al posto di “in questo momento” e la sessione di autocoscienza era compiuta :)
    Purtroppo signori la ricreazione è davvero finita e da quando Napolitano darà un altro mandato cominceranno i giochi seri. Se continua così lo saranno con lo spread a 400 e saranno fin troppo seri. Per Bersani peccato, mi ha dato quasi tante soddisfazioni quanto Pomponi ma, ne sono consapevole, un bel gioco non può durare all’infinito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: