” COSTRUIAMO INSIEME IL GIORNO MIGLIORE ” .

manifesto_sito

di Gianfranco Lamberti

Un felice evento in famiglia e le prossime scadenze elettorali non consentono di calcare la mano.
Certo è che la vicenda AAMPS, per come la stiamo descrivendo su questo blog da anni, non nasce oggi e meravigliano le tante verginelle che si svegliano adesso a scoprire che c’era qualche problema. Ci ritorneremo, eccome, anche riprendendo commenti appropriatissimi che ci sono stati su questo blog e che, a suo tempo, hanno suscitato scomposte e miopi reazioni.
Certo che né la situazione fallimentare di AAMPS, né Rosi sono piovuti dal cielo.
Come dice De Filicaia, forse era meglio che Rosi rispondesse a chi lo aveva nominato, piuttosto che lasciarsi andare a performance come quelle che leggiamo.
Uno spettacolo indecente che questa città non merita.
Un commissario riparatore di guai combinati da altri, sui quali torneremo a tempo debito, che diventa peggio della grandine.
Poi correggo Tamburini. Nessuna amministrazione comunale ha nominato Rosi da qualche parte, prima di questa. Alle Ceramiche Industriali ed al Cantiere era stato scelto e nominato dalle cooperative interessate. Noi ce lo siamo trovato al tavolo, ma non lo abbiamo certo nominato.
Il punto è che ciascuno faccia il suo, rispondendo a chi lo nomina e lo retribuisce, eppoi alle istituzioni ed alla politica risponda chi deve.
Altrimenti succedono sconcezze del genere.
Ma oggi non ho voglia di rifare la storia di un fallimento annunciato ( ovviamente parlo di fallimento gestionale. politico ed istituzionale), le procedure giudiziarie sono altra cosa. Lo capirebbe anche un bambino. Ma ci ritorneremo eccome, anche pensando a Livorno Sport ed alle fatture false di cui abbiamo letto sulla stampa, alla SPIL, alle foresterie e via dicendo.
Oggi non è la giornata giusta.
Mentre bellissima la partecipazione dei nostri candidati alla iniziativa di chiusura della campagna elettorale del CENTRO SINISTRA, con Violante e la Scaletti. Una presenza significativa e di assoluta qualità. Belle persone , lontane anni luce dal giochetti purulenti di cui abbiamo capito per tempo la genesi.

Annunci

13 Responses to ” COSTRUIAMO INSIEME IL GIORNO MIGLIORE ” .

  1. Votosel ha detto:

    Ricordo che oltre Violante e la Scaletti c’era farhia adid Aden per SEl.

  2. GHINO di TACCO ha detto:

    IL TIRRENO e spot elettorali gratuiti per Vitelli
    Stamani il Tirreno, da fiato con gran spolvero ad uno spot elettorale vergognoso, spalleggiando il gruppo Benetti nella querelle accesa con una “lettera al direttore” del buon Tamburini sul futuro di Benetti a Livorno, dando invece grande spazio “prima pagina di cronaca” al difensore d’ufficio Ing. Poerio
    Il tema e’ il solito – Mille pseudo posti di lavoro ( come gli aerei di mussoliniana memoria che Poerio sposta da Viareggio a Livorno) le solite lamentele sui ritardi e le pseudo Commesse milionarie.
    Con un risultato utile in più’ rispetto al passato:
    QUELLO DI AVER RAGGIUNTO LO SCEMPIO DELLA MORTE DELLE RIPARAZIONI NEL PORTO DI LIVORNO
    Di questo il Tirreno non da grande risalto se non quello di
    Raccontarci che tutto fila liscio e se a Piombino arriverà’ la Concordia il futuro delle riparazioni sarà iN quel sito
    Bene le favole in periodo per elettorale ne abbiamo sentite ma quella della Concordia a Piombino e’ la bufala dell’anno
    Ditemi chi caccerà 150/160 milioni di €, in quale bacino delle dimensioni utili a contenere la nave, iN quanto tempo allestirlo, con quali fondali
    Tutte fantasie utili a Vitelli per non parlare più del grande bacino Livornese che il signor Monti con un atto “discutibile” ma non discusso per la mancanza di politica ha regalato al suo candidato capolista in Piemonte
    Queste cose non interessano più di tanto alle forze politiche e le istituzioni livornesi, tese invece a pensare al Palio se è giusto il provvedimento di ristrutturazione o se invece è meglio lasciarlo stare come era
    Questi sono problemi seri mica l’assenza di trasparenza sulle foresterie o la perizia che giace in procura che inchioda Benetti alle sue responsabilità’ di danni procurati ad un bene pubblico queste le prospettive e le illusioni di una città che muore

  3. Pasquale Lamberti ha detto:

    mi scuso con i candidati di Centro Democratico , ho dimenticato di fare l’appello al voto sui quotidiani .

    Colpa mia .

    so che altri sono stati chiamati per ricordarglielo , noi no.

    Ma ripeto , colpa mia .

    Caro Ghino , lo dico a te ma leggono tutti , da martedì si aprirà un nuovo capitolo della politica livornese .

    FUORI TUTTA LA VERITÀ SU AAMPS , BASKET LIVORNO /Livorno Sport , SPIL E FORESTERIE NOBILI A PORTA A MARE .

    Una cosa é certa oggi , le vittorie e le sconfitte hanno sempre un babbo ed una mamma . Tanto per rimanere in tema.

    la vicenda Rosi – Cosimi sembra preciso preciso un regalo pre elettorale alla nostra coalizione . L’ennesimo .

  4. GHINO di TACCO ha detto:

    Grande Pale!!
    Caro Pasquale non fare gli errori dei padri come me e forse anche il tuo…….oggi pensa a quella bambolina che ti ritrovi a casa domani…..penseremo al mondo che dovremo costruire anche per LEI…

  5. Farhia è una bellissima persona ed una ottima candidata

  6. Oggi ho letto anche io l’intervista zelante tra case e lavoro sulla porta a mare. Ma non credo sia il caso di aggiungere altre riflessioni alla vigilia del voto eppoi ho cose più importanti a cui pensare..
    Giochiamo per vincere e quelli che fanno regali all’astensionismo ed a grillo non fanno parte di questa squadra.
    Eppoi il Livorno ha ripreso a vincere, alla grande.
    Vedremo i risultati delle elezioni dappertutto ed anche qui. certo è che mentre con Cesare Trucchia cercavamo qualche voto in giro per il centro sinistra, molti ci rimandavano alle questioni cittadine di questi giorni . AAMPS soprattutto, ma non solo. Veri autogol. Incomprensibili, con Rosi in funzione vaffa !
    Roba da matti.
    Meglio pensare alle cose serie, ma senza dimenticare i vaffa di Rosi, chi lo ha preceduto e le foresterie e le riparazioni e l’equilibrio tra attività lavorativa e quella immobiliare.
    Ma noi non siamo Rosi e c. e non giochiamo per perdere. Non lo abbiamo mai fatto. Anche se qualcuno, scrivendo articoli si dimentica domande e storie conosciutissime da tutti.
    Sperando che Bersani e la sua coalizione ce la faccia e che queste storielle finiscano una volta per tutte. Certo se per recuperare un voto fai le capriole ed altri giocano in modo irresponsabile, qualcosa non torna.
    Ma il Livorno è un buon auspicio.
    E poi ricominceremo a spiegare, a partire dalla alleanza di centro sinistra in cui ci ritroviamo pienamente e con la solita lealtà, che qui a Livorno, almeno per quanto mi riguarda e per come mi hanno insegnato, nessuno l’ha mai fatta da padrone e nessuno ha girato la testa dall’altra parte facendo finta di niente, parlando di lavoro correttezza legalità e trasparenza.

  7. Ludom ha detto:

    La vigilia è ormai finita, si sta già votando e posso ritenermi sciolto dal voto del silenzio per azzardare un pronostico: sarà tsunami, amici miei.
    Previsione facile facile, direte, ma quel che intendo non è che il M5S otterrà un buon risultato ma proprio che ci sorprenderà. Oltretutto se è vero lo studio sulla provenienza del voto ai “grillini” condotto dall’Istituto Cattaneo, le ripercussioni sul Pd si faranno sentire e se il generale inverno continuerà a metterci del suo nello scoraggiare l’elettorato canuto, che in quel partito non è poca cosa, ne vedremmo proprio delle belle, anche se dubito che l’aggettivo vi suoni appropriato.
    Ovviamente il mio non è un endorsement, che fatto da me, e per giunta rivolto ai lettori del blog, cadrebbe certo nel vuoto. Devo però ammettere che l’iniziale diffidenza, rafforzata dalle sparate, dai dictat e dalle scivolate “opportunistiche e superpartes” di Beppe, si è venuta via via trasformando in mera perplessità, con qualche punta di curiosità e persino di attesa.
    Venerdì sera, mentre continuavo il mio lavoro da “soma” (malideggio alla Fornero, che pensa bocconianamente di rilanciare la produttività e il paese, tenendo a lavorare me e a casa i trentenni), tenevo iconizzato il link su Piazza San Giovanni e ogni tanto ci facevo una puntata.
    A guardare le facce di quei ragazzi, ad ascoltare le loro parole semplici, a sentir declinare quegli obiettivi un po’ naif, declinati con una semplicità disarmante, anche irritante talvolta (tipo la giovane cecinese che si candidò alle parlamentarie), a sentir di sottofondo quello scanzonato “tutti a casa, tutti a casa”, pensando allo stato in cui versa il paese, al Monte dei Paschi, alle inutili esperienze dei governi di cs, ai mille imbrogli di Lazio, Lombardia ecc. ecc., e pensando in primis a Livorno, quante volte mi son detto: però ce lo siamo meritato!…………mi ci metto dentro anch’io, perché ne sono anch’io responsabile. Altro che dimenticarsi l’appello al voto all’avvento di una figlia, Pasquale. :)
    Ciò che mi preme dire però è un’altra cosa. Ho provato a sconsigliare gli amici centrosinistri che incontravo di continuare quest’opera di demonizzazione di un movimento di massa, che solo l’amato bischero di mio figlio e i suoi amici dello “spazio occupato” Ska, possono pensare più populisti di altri o venati da pulsioni filofasciste ma capisco che sotto elezioni tutto è lecito. Da domani però è un’altra cosa.
    Vi parrà scandaloso (almeno Alessandro, discepolo del Cristo, spero agli scandali sia abituato) ma da domani quella realtà sarà una sponda importante per liberarvi da un abbraccio mortale, fino ad oggi, lo capisco, sbocco obbligato.
    Con “questo” Pd e con Monti si va poco lontani e d’altra parte, anche i “5stellini” credono come Voi al merito, ci insistono così tanto! Un punto di contatto quindi l’avete ;)
    Ecco, nell’approcciarli, attenetevi al “merito delle cose”, ché loro, devo dir la verità, naif o meno, ci provano sinceramente.
    Per quanto mi riguarda, aspetto la linea dal mio Capo, perché anche per “noi” non tutto ma qualcosina cambia.
    Un po’ lunghino, eh?!?…..però sono stato tanto zitto. Saluti, come dice Kinto.

  8. Il fondo di Scalfari di oggi mi sembra ineccepibile e razionale. Ma tutto succede secondo logica? Vedremo. Io ci spero e, per quanto possibile, ci siamo spesi per quella prospettiva auspicata da Scalfari. Ossia un parlamento che non sia succube di Berlusconi e del grillismo .
    Non so se tutti si sono spesi per lo stesso obiettivo.
    Se questa mattina mi telefona una gentile impiegata per comunicarmi che avremo, prima o poi, una commissione sulle cose dette da Rosi e non solo, mi accorgo che alla fine qui a Livorno vince Tafazzi.
    Ma nemmeno, a pensarci bene Tafazzi colpiva se stesso. Qui non è così.
    Rosi manda tutti a vaffa, fa il grillo ed un pò ci azzecca pure, con tutto quello che ha trovato. Sennò che lo chiamavano a fare?
    Rosi/Grillo non è capitato come un meteorite in Siberia.
    E la situazione fallimentare che ha dovuto affrontare la stiamo descrivendo da anni, anche su questo blog.
    Quello che meraviglia, davvero tantissimo, è che gli si sia consentito di fare questo sfracello a due giorni dalle elezioni.
    Sosi/Grillo, vabbè. Poi metteranno sul palco anche Casaleggio. Ma avremo modo di capirlo dopo, eccome.
    Intanto andiamo a votare per il centrosinistra e per Bersani.
    Una coalizione dove ci sono tante persone serie e per bene, a partire dai nostri candidati in CENTRO DEMOCRATICO. Persone serie e responsabili, lontane anni luce dalle piccole, autolesioniste e perverse tattiche di una vecchia politica.
    Di quelle ne riparleremo dopo il voto, con la schiena dritta e con dovizia di particolari. Contateci.

  9. Non avevo letto Ludom.
    Analisi attenta e rispettabilissima, come sempre.
    Bisogna voltare pagina, siamo nati per questo a Livorno e strada facendo abbiamo trovati tanti compagni di viaggio, che comunque ci trattano con grande rispetto.
    La nuova stagione, secondo me, si è già aperta, eccome. Alòmeno qui a Livorno. E ciascuno se vuole e lo merita deve poter dare il suo contributo. La stagione è cambiata. Un dato di fatto. Che poi si imbocchi la strada giusta è da vedere. Senza demonizzare nessuno, dice bene Ludom, l’esatto opposto di alcune fasi politiche assai mediocri, che ben conosciamo per esperienza diretta e che hanno dato i frutti che ben si potevano prevedere.
    Letta poi l’intervista di Tabacci sull’Unità di oggi, beh, mi sembra un buon segnale sulla strada della razionalità e del cambiamento.
    Gli anatemi che abbiamo conosciuto e che non auguriamo a nessuno sono ormai nella pagina vecchia. Mi sembra un modo di ragionare che ci accomuna a Ludom.

  10. henry brubaker ha detto:

    Completamente in sintonia con Ghino di Tacco.Poerio fa naturalmente i suoi interessi,ma non racconti balle.Sono 178 i dipendenti diretti in Cantiere.L’indotto è una nuvola variabile fra le trecento e le quattrocento persone.Diro’ di piu’.Se non fosse stato per l’inchiesta di un coraggioso cronista del fu Corriere di Livorno (altro che questi signorini dal tratto servile)probabilmente nessuno avrebbe fatto luce sulle aree di sfruttamento che dilagavano in quel cantiere.Poi non ce la racconti Poerio.La stecca artigianale è stata costruita da loro e poi trasformata in residenze di lusso.Sulle riparazioni Azimut ha ovvie responsabilità ,ma scontiamo le inadempienze dell’Autorità Portuale.In queste condizioni mai e poi mai la Concordia sarebbe potuta venire a Livorno.

  11. St. John ha detto:

    Ludomme, cosa fai l’incucio? :))
    Tanto di elezioni nazionali, e risultati livornesi, ne parleremo nei prossimi giorni. Sarà interessante, ed importante, verificare di nuovo le eventuali differenze tra sondaggi e risultati reali. Perchè il voto viene espresso 3-4 volte in cinque anni (tra referendum, politiche e amministrative) mentre i sondaggi fanno sentire il loro peso tutte le settimane. Figuriamoci al momento della scelta delle alleanze e delle candidature. Per non dire del loro ruolo nella scelta degli argomenti polemici. E questo è davvero il minimo: i sondaggi determinano grossi spostamenti di ricchezza negli investimenti a medio e breve termine. Con conseguenze finanziarie e politiche di prim’ordine. Nei giorni scorsi ho potuto mettere mano ad un documento riservato di Credit Suisse, che poi ha finito per circolare, sullo scenario delle elezioni italiane. Sono documenti che servono per alleggerire o rimpolpare le posizioni a breve sull’Italia (dalle obbligazioni sui titoli di stato all’azionario) e che possono avere effetto a cascata su borsa ed investimenti. In definitiva la politica istituzionale invece di affidarsi ai maghi dei sondaggi, con un senso della subordinazione che andava bene negli anni ’90, dovrebbe dettare criteri pubblici di certificazione di questo genere di lavori. Che devono andare ben oltre il disclaimer sul metodo scelto (quelle paroline frettolose scritte sempre in fondo ad ogni sondaggio che si rispetti). Perchè un sondaggio non sposta solo consenso ma anche consistenti risorse finanziarie. Faccio un esempio: questi ragazzi qui di Blackrock

    http://www.blackrock.com/investing-for-a-new-world/it-it/investment-strategies?cmp=newworld2&chn=PPC&c=google&kw=novalue&gclid=CP-yt5H_zrUCFVHbzAod800AWQ

    semisconosciuti ai più in Italia eppure contano, per il nostro sistema economico e finanziario più di qualsiasi ciribiri tra Monti, Bersani e i due Visco. Sono stimati essere il più grande gruppo finanziario al mondo con un patrimonio legale di circa 3400 miliardi di dollari. Si stanno sono informati sull’Italia, tramite sondaggi, e sulla situazione post-voto. Blackrock vede l’Italia come noi la Malesia e l’uso di sondaggi fatti su criteri che non rispondono al nostro paese può causare squilibri negli investimenti niente male. Una legislazione che mette le mani nella certificazione dei criteri di sondaggio di questo paese aiuta a difendere, se è credibile e scientificamente complessa, dall’uso scriteriato di sondaggi di soggetti come questi. Che per errore, proprio nel senso di calcolo mal ponderato, ti possono scatenare un paio di mesi di tempesta monetaria e poi hai voglia di Imu :). Tanto per dire non ero sicurissimo dei criteri scelti da Credit Suisse per valutare la situazione italiana però, in assenza di una credibile certificazione pubblica nazionale dei sondaggi, quelli erano.E sui criteri scelti dai giornalisti mainstream per valutare gli investimenti lasciamo perdere :) Per dire se lo spread si abbasserà, meglio non menarsela, sarà perchè gli investitori internazionali valutano a) comportamento Bce (e fin qui) b) la forza del governo di imporre tasse a prescindere da una situazione economica che tutti dall’estero danno come disgraziata.
    Certo per uscire da questa situazione bisogna anche capire come ci siamo arrivati. Suggerisco un libretto di qualche anno fa di Mario Bolognani. Bit Generation (Editori riuniti, 2004). E’ la storia di una doppia crisi: quella dell’Olivetti e quella del dipartimento ricerca scientifica del Pci (di cui Bolognani è stato direttore per 4 anni su incarico di Berlinguer). Uscire dagli anni ’80 con la crisi, poi irreversibile, della prima e con la dissoluzione del secondo è stato il vero suicidio della sinistra istituzionale italiana. In un mondo dove si è subordinati, e pesantemente, se non si cavalcano queste dimensioni.
    E infatti oggi cosa abbiamo? Un segretario di centrosinistra che predica responsabilità e un comico che lo incalza, come ha fatto da San Giovanni, sulla vicenda Olivetti davanti a centinaia di migliaia di persone. E qui sui grillini dico una cosa: non li voterò,mi sembra che per raggiungere il quorum non abbiano bisogno del mio voto :) ma al momento chissà quale radicalizzazione di destra. Certo, quando sarà chiaro il peso delle fatture che ci ha lasciato da pagare, fino al 2035, il governo Monti sicuramente dal M5S verranno irrigidimenti. Spero che non gli si dia del fascista a questa gente. Per buttarla in caciara e cercare di far passare politiche che non hanno senso. Non ripetere errori di trenta anni fa, di cui Bolognani ci mostra una faccia inedita, non farebbe che bene.

  12. St. John ha detto:

    torno ora dal lavoro. Noto che il giaguaro sta smacchiando Bersani.A Livorno il csx tocca al massimo il 44 per cento, il resto dubito fortemente che lo voterà al secondo turno. Considerando che nel 2014 l’effetto Bernanke-Habermas-Gigi Balla si farà sentire è possibile affermare che il prossimo anno la città sarà investita da un cambiamento storico. Tayllerand, che di governi conservatori se ne intendeva, diceva sempre: “Si les gens savaient par quels petits hommes ils sont gouvernés, ils se révolteraient vite.”. Ho l’impressione che a Livorno si sia diffusa la percezione reale della statura di chi, salvo lodevoli ma ininfluenti eccezioni, ci governa. Per tanti, quasi tutti è giunta l’ora di commentare la politica locale non al parterre de roi cittadino ma al Parterre, viale Carducci, copia del Tirreno in mano. Quanto a via Donnini va restituita alla sua vocazione naturale, sede di gabbionate prima e cene poi.

  13. henry brubaker ha detto:

    Cosimi si dimetta,subito.Si apra una nuova fase politica e si rispetti il voto degli elettori.Mi pare inequivocabile anche a Livorno.Se non lo fa, il Pd nel 2014 rischia di perdere altri 10.000 voti.(dopo averne persi 50.000 in dieci anni).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: