IL GIORNO DEI PRESTIDIGITATORI INNAMORATI

cioccolatini

La Redazione

A San Valentino gli innamorati si fanno regali,cioccolatini, fiori e lanciano in cielo dichiarazioni di amore eterno

su pezzi di carta che sono poi dei genuini  pezzi di cuore.

Si manifesta con vigore inusitato un amore che dura negli anni ,

si da vita a quello slancio amoroso  che fa perdere il senso delle cose,dell’attinenza con la realtà e  che rende ogni giorno speciale,

 fa respirare profumi e gia’ dipinge orizzonti lontani ,da inventare

ma che  si sentono cosi’ vicini e abbacinanti.

Amore dicevamo,come quello che alcuni genitori  integralisti hanno per i figli discoli,

ma guai a sentire le giuste  reprimende della maestra o dell’allenatore di calcio o del’insegnante di danza

perche’ i figli hanno sempre ragione,e li si difendono sempre e comunque.

Dicevamo dunque di un amore con la A maiuscola,di affinità elettive,che fa  sguainare  spade incandescenti contro ogni circostanza o nemico  che potrebbe minare e raffreddare il calore dei corpi.

Un amore  autarchico e possessivo

dove l’ex ,che magari ha gia’ vita rinnovata,che ha solo amato anch’egli ,

che ha gia’ dato prove di responsabilita’ e maturità indipendente

diventa  e puo’ solo essere l’idolo da abbattere,

il perenne nemico alle porte ,

l’arma di distruzione di massa inesistente in quel deserto dei tartari

dove le sentinelle battagliano contro il nulla,

ma si appuntano comunque  sul petto medaglioni e guadagnano la fiducia dei generali.

Anelano alle loro carezze.

Sono protagonisti  Follettiani e scintillanti  di un ” Mondo senza Fine”.

Ora  pero’ la domanda sorge tra questi fiori di pietra cresciuti tra cemento e inchiostro,

ma tutto questo zucchero,

tutta questa cioccolata,tutta questa dolcezza figlia dell’amore,

tutta questa verosimiglianza fantasiosa ,

non si ha mai pensiero 

che possa stuccare o portare a disfunzioni diabetiche ?

Alle volte il troppo amore non giova ma rende  grevemente ridicolo

 e   il sentimento e  le azioni che ne seguono.

Annunci

11 Responses to IL GIORNO DEI PRESTIDIGITATORI INNAMORATI

  1. Mario ha detto:

    Cosi’ abbiamo un nuovo Palasport a Livorno ? Non mi ero accorto dei lavori in corso ,ma complimenti a Cosimi che regala alla città un impianto fantastico per eventi sportivi e culturali.E pensare che c’e’ chi ancora parla di immobilismo di questa amministrazione.E la Porta a Mare dove la mettiamo?anche quella .Un dinamismo amministrativo cosi’ imponente che non si ricorda a memoria.Viva Viva Viva.Questi sono risultati,basta cancellare una data col bianchetto,e portarla al 2013.Quando inaugurano insomma ?

  2. Simone ha detto:

    Certo che lasciar perire per anni delle strutture,lasciare per anni progetti nel cassetto
    per poi presentarsi dopo con incedere serio e laborioso con lucidante facendo finta che sia opera propria e’ tanta roba.Mi sembra faccia poker o pokerissimo con un’altra grande opera di questo decennale,ovvero la ripavimentazione di piazza Attias,si e’ lasciata all’incuria per 8 anni,ma poi due piastrelle e taglio del nastro con spumante e codazzo al seguito.Questa e’ roba forte,fantastici. L’Universita della prestidigitazione .

  3. Oggi ho scoperto dal Tirreno che esiste un “nuovo” palasport . Auguri. Un po’ di humour in locandina non guasta.
    Mentre in Consiglio Comunale abbiamo chiesto di non consentire a Rosi investiture di successioni , in barba a tutti e soprattutto al sindaco. Avevamo chiesto a Nebbiai, ma ci aveva detto che non ne sapeva nulla, mentre in Aamps lo dicevano tutti, ed aveva preferito parlare del latte Mukki. Poi troviamo nome e cognome sulla stampa. Una cosa indecente. Cosimi ha confermato che un atto riservato, era diventato pubblico perché evidentemente tanto riservato non era . Rosi doveva evitare di mettere a disposizione di qualche corvo lettere fuori luogo. Aamps e’ cosa troppo seria,per ridurla ad un gossip con raccomandazioni a mezzo stampa.
    Eppoi il mercato ortofrutticolo , in cui occorrerebbe dire le cose con maggiore chiarezza, senza lasciar marcire il problema ?
    Insomma una vicenda elettorale lunga davvero, iniziata con qualche sussulto

  4. cesare trucchia ha detto:

    Un palasport dovrebbe assolvere alle sue funzioni, è bene ricordarlo; manifestazioni sportive, usato occasionalmente anche per concerti. Se ho capito bene di sport e nello specifico di pallacanestro, per svariati motivi compreso un fallimento non se ne parla nemmeno lontanamente. Allora spettacoli e questo ancora mi convince pur di non avere una struttura abbandonata, ma quello che mi disturba e che nell’ articolo, nemmeno tanto velatamente, si evidenziava , il palasport come una piazza un luogo dove socializzare e perché no anche offrire sagre e fiere. scommettiamo che hanno pensato a dei mercatini mascherati. Sarà il caso di chiedere copia del contratto stipulato?

  5. cesare trucchia ha detto:

    Scusate ma mi è partito il post senza la conclusione.
    Non vorrei che per tutti i motivi che conosciamo e che immaginiamo, questa “nuova piazza” andasse a sostituire o far dimenticare tutte le opere di riqualificazione promesse e non avvenute del centro città, che servivano anche per dare ossigeno ai tanti commercianti, oltre che agli stessi cittadini. In tutto questo i sindacati che hanno deciso di fare da grandi?

  6. Giusto caro Cesare, e comunque e’ una nuova piazza che tanto nuova non e’ , visto che e’ stata inaugurata quasi dieci anni fa……

  7. St. John ha detto:

    Signori miei, noto che piove torta come se fosse grandine sul nostro territorio. In particolare: se si denunciano gli swap di Aamps bisogna saperli leggere. Come fatto dal buon Cannito e’ una pallottola a sale sparata in mare. Uno swap, che vorrei leggere nella sua interezza, come sottoscritto da Aamps e’ di quelli che,a naso, produce minusvalenze significative non subito. Ma va letto bene..non un prospetto frettoloso sul sito del comune. Comunque liberissimi di pensare che Mps stipuli swap in perdita (come con Nomura) e li faccia stipulare sempre in perdita stavolta con Aamps pur avendo la pistola dalla parte del calcio..nemmeno babbo natale.. La storia della finanza creativa alla livornese e’ tutta da raccontare :) quella tra miste pubblico-privato e finanza creativa poi ha i caratteri della saga. Temo che nel 2014 mancheranno i voti per coprire tutto come da tradizione

  8. Oggi Cosimi ha dato spiegazioni sul tema. Lo ha fatto con cognizione di causa, ci è sembrato. Vedremo di capirci qualcosa di più.

  9. St. John ha detto:

    >Oggi Cosimi ha dato spiegazioni sul tema. Lo ha fatto con cognizione di causa, ci è sembrato.

    Caro Lamberti, rispetto il tuo posizionamento politico, che è serio anche se mi trova in completo disaccordo, e comprendo la tua posizione. Ma anche Bernanke nel 2007 diceva che il mercato dei subprime era stabile. E Cosimi non è Bernanke. Sullo swap contratto da Aamps nel 2007 pesa in generale il giudizio contenuto dalla finanziaria 2008 e di quella 2009. Che vieta ad enti locali e partecipate di contrarre prodotti di quel tipo in quanto erano chiaramenente non sussistenti i criteri di trasparenza ed equità. Si riconosceva infatti che tra i contraenti chi ne sapeva di piu’, in materia di effetti sui tassi di interesse degli swap stipulati, erano le banche e non gli enti locali. Nel 2010 viene ricontrattato lo swap da Aamps (la faccio breve) probabilmente dopo le nuove disposizioni in materia. Cosa hanno ricontrattato i nostri prodi? Uno schema tipo questo, non è un cad come quelli fatti da Aamps ma è per capirsi ecco come funzionano le probabilità di vincere o perdere soldi da parte di un ente locale con uno swap

    http://www.dirittobancario.it/sites/default/files/Immagine.bmp

    voi direte, magari ad Aamps è andata bene la scommessa. Allora ricordo le parole del nostro primo cittadino Bernanke “se l’euribor va verso il basso, il comune ci perde”. Ecco il tasso storico euribor

    http://www.dirittobancario.it/sites/default/files/Immagine.bmp

    dal 2010 ad oggi è ribassato, non uso la calcolatrice per amor patrio, di un 65 per cento circa.

    Non quantifico le perdite avvenute solo leggendo ciò che è scritto sul sito del comune. Non sviluppo le impressioni che ho su questo che sembra tutto fuorchè un episodio, faccio solo i miei auguri alla città. Sperando che per far rientrare Mps dal buffo di Mussari e soci non si debba fargli fare di corsa il player finanziario per il project financing del nuovo ospedale. Premesso che si intravede un rapporto Mps-comune-partecipate non equilibrato aggiungo una sola cosa. La vera copertura dei rischi per la bolla finanziaria livornese è convincere, tra poco piu’ di un anno, il 51 per cento dei livornesi a rivotare centrosinistra. Stavolta la vedo dura anche se tra pochi giorni ne sapremo di piu’.

  10. St. John ha detto:

    il copiancolla mi ha lasciato indietro il link del tasso storico euribor

    http://www.telemutuo.it/culturamutui/euribor-storico.php

    avrei molto da commentare, ed entrare nel dettaglio, ma credetemi leggendo questi numeri, comparandoli con le dichiarazioni di Cosimi, prevale l’amarezza.

  11. caro SJ, non so se proprio non siamo d’accordo, chissà. Non darei nulla per scontato.
    Ma su una cosa siamo sicuramente d’accordo, Cosimi non è Bernanke! Immagino che nemmeno lui lo pensi. E la mia richiesta di chiarimenti era sincera, ti ringrazio.
    Anche perchè non vorrei che alla fine scoprissimo davvero un Bernanke labronico, di cui non ci eravamo accorti.
    Come del nuovo palasport.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: