E’ UNA QUESTIONE DI COSCIENZA .

latorraca

Di Alessandro Latorraca consigliere comunale P

Carissimi penso proprio che abbiate ragione. Mi verrebbe voglia di non intervenire più neanche su questo blog per evitare di dire le solite castronerie.
Sono rammaricato di avere un ruolo seppur marginale e di non riuscire proprio a dare alcuna risposta, alcuna minima iniziativa fatta di concretezza , di vera solidarietà, fatta di una strategia degna di questo nome, fatta in vera concertazione.
Oggi come sempre svolgevo il mio lavoro e la gente dal medico si confessa un pò come dal prete.
Ho ascolatato con preoccupazione e attenzione la storia di un cassaintegrato della ex Ginori. Mi ha fatto capire di che cosa si trattava, del passaggio alla cooperativa, della svendita al privato che di fatto ha bloccato qualsiasi produzione. Della difficoltà di tornare su un mercato che pure mi diceva a livello mondiale tira perchè mi faceva notare che più di metà pianeta è senza luce.
Ho riflettuto e poi ho dovuto dirgli cosa facevo oltre che il medico e confessargli che in oltre tre anni di consigliere non avevo mai sentito parlare della loro situazione.
Ne chiedo scusa prima di tutto a lui, perchè mi sono reso conto della mia inappropriatezza!!! e se questo deve essere il gioco ancora per molto dico che non è più possibile. Tutti ci rendiamo conto che la situazione generale è negativa, ma lui mi faceva notare che ormai la distanza che allontana noi “politici” dalla gente “comune” è incolmabile. Forse è questa la vera grande tragedia.
perchè ancora mi chiedeva se neanche voi delle istituzioni potete darci qualche idea, qualche soluzione noi non sappiamo proprio a chi rivolgerci.
Chiedo ancora scusa anche se magari non sarà sufficiente..ma al momento non possiamo far altro che magari iniziare da qui. Guardare la gente negli occhi e parlare, cercare con loro risposte anche se queste sembrano lontane.
E poi speriamo che altri migliori di noi si facciano avanti.

Annunci

5 Responses to E’ UNA QUESTIONE DI COSCIENZA .

  1. Un intervento importante, in questa fase delicata della nostra vita politica, cittadina e nazionale, questo di Alessandro.
    Come diceva Bersani poco fa in tv, la discriminante di una politica, vista dal versante progressista, è l’occupazione. Bisogna partire e ripartire di lì.
    L’occasione delle politiche e poi delle amministrative non può essere perduta.
    Intanto per riportare tutto alla realtà delle cose ed uscire da una situazione di sospensione , tra le cose che si immaginava di fare e non si sono fatte e le fughe nella stratosfera del futuro remotissimo. Lascio perdere lo spettacolo imbarazzante di ieri in commissione sul Caprilli.
    Ti faccio l’esempio dei nuovi strumenti urbanistici, calendarizzati per iscritto addirittura fino al giugno 2015 dal buon Grassi, prima che si dimettesse. oppure il porto, che guarda al nuovo PRG del futuro, necessario certo, ma che si trova di fronte a scelte da fare e non rimandare , che riguardano oggi ed al più domani. Dopodomani è già tardi.
    Potremmo continuare. Quindi, credo sia necessario che chi sta nelle istituzioni con spirito di servizio e con lealtà, debba innanzi tutto consentire di capire cosa sta succedendo davvero a tutti. Addetti e non addetti.
    Non per dare pagelle, ormai non servono più e meno male, ma per poter affrontare le questioni che contano davvero, assumendoci tutti, fino in fondo , le responsabilità che ci competono.
    Guardando negli occhi le persone, come fai tu e dicendo la verità. Su tutto e senza furberie.
    Il sistema migliore, anche per sollecitare una adesione alla politica di persone di valore.
    Un dovere che non possiamo declinare. Ma che dobbiamo esercitare con molta libertà e rigore.
    Visto anche che è finita la corsa alle liste, per fortuna,almeno per un po’. Una sospensione dell’ansia da collocazione, si fa per dire, che potrebbe essere utile su molti fronti.

  2. Kinto ha detto:

    La sensibilità,cosi’ come la seria presa di “coscienza ” delle varie situazioni
    e’ fondamentale per chi fa politica.
    Non credo pero’ sia il momento di tirare i remi in barca
    per la cialtroneria di altri compagni di viaggio.
    Dott.Latorraca spero che trovi i giusti stimoli invece,
    altrimenti e’ il solito giochino marcio
    che le risorse vere e perbene si fanno da parte
    o vengono fatte da parte
    ed i cialtroni e-o parassiti continuano a bivaccare piu’
    e peggio di prima.
    Credo e mi corregga se sbaglio che da un punto di vista politico,
    e del modo di rappresentarlo
    e’ grazie al suo contributo insieme
    ad altri del Consiglio Comunale che si e’ arginata una brutta deriva beceropopulista e
    tardo leghista che pareva ,
    ed era, uno dei grandi mali dell ‘ ex maggioranza.
    Detto questo mi auguro che vada avanti col suo lavoro,
    e passata questa cappa di piombo alla quale io do un nome ed anche un cognome preciso,
    magari sara’ tutto piu’ fluido e concreto.
    certamente piu’ etico e serio.
    Che Livorno sia stata strangolata da un immobilismo
    senza precedenti
    che si legge nei fatti menefreghismo assoluto e senza assoluzione
    e’ un dato specchiato.
    Saluti

  3. Mario ha detto:

    Non molli consigliere Latorraca e’ tutta esperienza che migliora.Peraltro viene sbandierato al passaggio di consegne tra ammiragli,tra i soliti e fuori contesto mondiale pasticcini e brindisi istituzionali ,che verrà presto licenziato il nuovo Prg del Porto,senza ovviamente dare una data.e’ cosi’?perche’ a riempirsi la bocca di aria si fa sempre presto in particolare oggi nelle piu’ alte stanze municipali,ma tra la parola e il fatto sono passati 9 anni per ogni singola,e minima cosa ,dallo Chalet d’Ardenza ,al Pensiamo in Grande arrivando ai posti di lavoro persi a doppie mani.emergenze sociali ed abitatitive etc.etc.etc.

  4. Ludom ha detto:

    Non sei tu Alessandro ad essere inappropriato ma il partito in cui militi.
    È per questo che sono molto meno fiducioso di Kinto riguardo a ciò che succederà “dopo”. Al peggio non c’è limite. Per il resto però condivido a pieno il suo ragionamento e la sua esortazione.
    In questa situazione drammatica, complessa, per tanti uomini e tante donne addirittura dolorosa, le persone perbene, investite di un qualche ruolo, non possono che sentirsi inadeguate. Pericolosi sono però quegli altri, i cialtroni come li chiama il nostro amico e sono tanti purtroppo. Non c’è solo il “maestro della supercazzola” a rappresentarli.
    Un orecchio “settario” come il mio di supercazzole ne sente tante, espresse da esponenti locali e purtroppo tante da esponenti nazionali, anche se modulate su un linguaggio più sobrio e mondano, nonostante le note metafore.
    Però non è che uno, perché critico, sfugga a quel senso di impotenza e inadeguatezza. Altrimenti saremmo come Monti, Casini e Montezemolo, di cui nessuno può ricordare un che degno di nota. Oppure saremmo un circolo capalbiese, come ricordava l’amico Kinto che spero proprio non volesse riferirsi ad henry, che è un interprete lucido e puntuale della situazione.
    Al proposito, anche per deliziarsi l’animo con qualcosa che ha a che fare con un giudizio articolato, ti consiglio di leggere il redazionale di ieri di Senza Soste su Ingroia, così capisci il senso di inadeguatezza mio e di chi sta a sinistra del tuo partito.
    Lamberti ci propone, con un’ostinatezza ammirevole, così come spesso fa Wladimiro, la lunga teoria di possibili e utilissimi impegni “concreti”. Non so se alla Redazione sia scappato o meno un titolo così impegnativo ma dice bene: siamo arrivati ai problemi di coscienza. Non so che dirvi, provate a ragionarci sopra. Può darsi che un’idea scappi fuori.

  5. Ludom teme l’accanimento terapeutico, come tantissimi con cui parlo. Tema impegnativo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: