‘la bandiera di Livorno e la sua storia, non sono proprietà esclusiva di nessuno, ma richiamarla ha un senso.’GL

GLamberti
“Incursione politica benemerita ( quella di Alessandro Latorraca ), ancor di più se si pone, come leggo anche sulla stampa, concreti progetti politici di superamento di questa confusa fase della nostra citta’.
I nostri appelli a rifuggire da politicismi e battaglie ideologiche vecchie di secoli , travestite di innovazione e modernità , vanno in quella direzione.
Non sono d’accordo, tuttavia, con Alessandro che le conseguenze debbano essere necessariamente deL tutto cattive .
I monoliti ideologici e burocratici sono l’opposto di quello che ci serve.
Monoliti conservatori e modernità si sono sempre contrapposti .
Basta capire quali sono davvero e non prendere in giro nessuno .
Che modernità sia la nuova destra populista, diversamente camuffata, non lo credo proprio.
Così come quelli della curva, che pure ogni tanto dicono qualcosa di condivisibile, quando incitano a difendere una storia ed una bandiera.
Naturalmente la bandiera di Livorno e la sua storia, non sono proprietà esclusiva di nessuno, ma richiamarla ha un senso.
Ed allora, caro Alessandro, se tanto mi da’ tanto, dai monti di pietra puo’ nascere un fiore… Per fare una citazione all’altezza della situazione.
Voglio solo dire che uscire da logiche di autosufficienza , specularmente funzionali tra maggioranza blindata ed opposizione dura e pura, e’ la via maestra.”

Annunci

One Response to ‘la bandiera di Livorno e la sua storia, non sono proprietà esclusiva di nessuno, ma richiamarla ha un senso.’GL

  1. Siamo in discussione in Consiglio Comunale sui temi della Spending Review e sulla questione della riorganizzazione delle province e del ruolo di Livorno.
    Cosimi ha fatto una ampia relazione, mi sembra di notevole rilievo, a leggerne i risvolti politici ed amministrativi.
    Avremo modo di analizzare analiticamente, ma un fatto mi sembra chiarissimo, continuare a ragionare politicamente a Livorno e non solo, come se ci fosse sempre Berlusconi e come se non fosse successo niente in Italia e nel mondo.
    L’assenza di Berlusconi ha messo fuori schema molti. Una nuova stagione.
    Naturalmente tutti hanno da riposizionarsi, inevitabilmente.
    C’è chi e’ in grado di ragionare in modo nuovo e misurarsi con le nuove situazioni, chi invece rimane ancorato solo alle logiche degli strapuntini e delle sceneggiate.
    E’ una occasione importante, se davvero dobbiamo gestire una situazione da lacrime e sangue e non solo metterci a strillare contro tutto e tutti.
    Una stagione in cui distinguere demagogia ed ideologismi, da un rigoroso impegno a farsi carico delle proprie responsabilità .
    Ora devo intervenìre e non e’ semplice, nel merito ci entriamo dopo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: