NO AL COMMISSARIAMENTO DI LIVORNO ed un riconoscimento evidente e solare della validità di una “storia” urbanistica e politica della città, che non è sulle nuvole, ma porta firme autorevoli e tuttora in campo.

LA REDAZIONE

Oltre.

GLAMBERTI

La continuità nella scelta del progettista del nuovo piano strutturale , oppure del suo aggiornamento come sembrerebbe più corretto dire, mi sembra sensata.
E’ un segno di saggezza nel merito della qualità professionale di riferimento, è un segno di saggezza politica, che richiama percorsi di adeguamento alle tante novità di questo decennio, ma insieme un riconoscimento evidente e solare della validità di una “storia” urbanistica e politica della città, che non è sulle nuvole, ma porta firme autorevoli e tuttora in campo.
Comunque la si veda, un segnale rilevante sotto tutti i punti di vista.
Mentre ieri in Consiglio abbiamo assistito alle solite performance tardo leghiste, con marchio doc sul bilancio dichiarato di destra, visto che lo vota Lamberto Giannini, ma non il PDL (che magari è di sinistra ), in attesa di capire se la lega è di destra o di sinistra se Borghezio è un bravo ragazzo e se grillo poi non è la fine del mondo e se vale la pena di uscire dall’euro come dice Berlusconi. Insomma idee confuse a dir poco, che dimostrano come, chi aveva scommesso sul commissariamento del comune ha preso una cantonata enorme. Una idea irresponsabile, viste le cose da fare e subito per evitare il tanto peggio tanto meglio.

Annunci

18 Responses to NO AL COMMISSARIAMENTO DI LIVORNO ed un riconoscimento evidente e solare della validità di una “storia” urbanistica e politica della città, che non è sulle nuvole, ma porta firme autorevoli e tuttora in campo.

  1. Kinto ha detto:

    La politica del buttare a mare le cose,
    per navigare a vista su improvvisati
    pedalo’ mixati di “tardo leghismo”
    o neogrillinismo
    non credo porti da alcuna parte.
    Spero che sin da questo bilancio
    ed in concomitanza con la Conferenza programmatica del Pd
    possa aprirsi in maniera solida e costruttiva
    una fase dove si analizzano bene i processi
    e si danno soluzioni.
    Con spirito di servizio ed umiltà.
    Fuori da bagattelle di nessuna utilità,
    ne abbiamo viste anche troppe fino ad ora,
    e partendo come scriveva anche sirio
    da cio’ che di buono e migliorabile
    e’ stato fatto.
    Nei momenti piu’ delicati e di maggior crisi
    Livorno e’ sempre riuscita a risollevarsi,e rilanciarsi.
    A me non interessa se “processano” Cosimi,
    che e’ uscente ed ai titoli di coda di una duplice legislatura,
    e l unico soggetto che per legge non potra’ guidare Livorno,
    lo giudicheranno prima gli elettori,
    e poi la storia come avviene con i Sindaci.
    a me interessa che si trovino sintesi programmatiche
    e di “materiale umano”
    in grado di dare slancio e fiducia alla città,
    che non si riduce a slogan vuoti,
    ma che propone contenuti.
    e come diceva Nenni,non si scordi pero’
    “che le idee camminano sulle gambe degli uomini”,
    si scelga bene con chi accompagnarsi ed intraprendere cammini,
    altrimenti piu’ di diti medi , linguacce ,
    e squallide eruzioni infettive
    non si va.
    Saluti

  2. Il programma della tre giorni del PD per chi è buon osservatore, è assai importante.
    Si evince chiaramente che non sarà una passerella, ma un incontro e un bagno con la città.
    Ovvero l’elemento fondamentale per rendere questa conferenza programmatica l’inizio di una storia nuova, ma nuova davvero.
    Forza Yari , anche se non ne hai bisogno, ormai tu sei già oltre.
    Facciamolo questo miracolo targato PD , si può fare, con intelligenza, con serietà e con inedite strategie per il futuro di questa città.
    Con una riconnessione con la nostra comunità, con la visione oltre confine per dare il giusto contesto ad un impegno grande e responsabile, ritrovando cosi, le discriminanti per tornare ad essere protagonisti credibili e fucina di classe dirigente.
    Si può fare.

  3. St. John ha detto:

    Del Corona, mi sono guardato il sito della conferenza, e ho persino ascoltato i clip e letti i documenti. Con tutto il rispetto, con questa attesa messianica dell’evento, mi sembri me tutte le volte che ho sperato che il Salviato o il Galabinov di turno fossero calciatori. L’amore per la maglia fa brutti scherzi, ne so qualcosa.
    Sul sito e sui clip viene da dire: imparate perlomeno a fare propaganda. 1) per un partito che deve dare l’impressione (perlomeno) simbolica di rimessa in ordine di una città, la grafica è confusa e dispersiva. Sito dal design informe senza essere informale e poco maneggevole. Per motivi opposti fa fuggire utenti giovani e anziani. Anche se ve l’hanno fatto gratis è un furto :) 2) le interviste, specie quando riprendono personaggi che ripetono stancamente gli slogan del momento vanno, come si dice in gergo, spiced up. Un diciottenne che posta su youtube le canzoni del momento può fare molto meglio con lo stesso materiale di interviste (che è poco poco ma è da sportivi non infierire). Siccome un diciottenne che vi fa queste cose non ce l’avete, anche lì è un segno.
    4) il vostro campione di segretario nel video ve lo siete giocato malissimo.La comunicazione politica ha delle regole di recitazione, specie se si ha un incarico, o le si rispettano o è meglio tornare al ciclostile (almeno fa vintage che è pur sempre uno stile). 5) commissionare un sondaggio (quando lo leggo ti dico qualcosa sul metodo) su cosa pensano i livornesi, quando si deve ricostruire un rapporto con la città, è come ordinare la pizza al pony express per fare benzina. Dicono molto di più, e costano pure meno e sono più divertenti facendo audience, una serie di strategici lavori etnografici sul territorio. 6) i contenuti. Nessuno dei circoli che hanno postato un’intervento ha un’idea precisa di città, di città futura e persino di come far ripartire il proprio settore. Al massimo si auspica un evento a venire (un’altra conferenza o simili) che faccia accadere qualcosa. Anche l’intervento sui fondi europei per la cultura è generico. 7) chi ha le idee chiare è l’assessore Colombini. Nella tradizione feudale del potere livornese, si ritaglia un proprio spazio senza fare sistema. Anche se in tutto questo sferragliare di sigle attorno alle spin-off del futuro, ci sarebbe molto da sindacare (ah se tanto mi dà tanto hai voglia in futuro di aumentare l’Imu a causa di queste operazioni..)
    Ho quindi la certezza ontologica che l’evento politico del Pd livornese sarà un evento senza contenuti. Meglio così, giovedì sono via per lavoro, a malapena ce la faccio a vedere la partita, quindi niente streaming senza problemi. Sarà anche una fatica scriverci poi sopra qualcosa: quando devi recensire un non evento, ti tocca dire il già detto.
    Ah, impagabile il vostro Harry Potter “Ciampini ha voluto far riferimento anche all’iniziativa OccupyPD organizzata dall’Ex caserma occupata, affermando che ogni manifestazione di dissenso è permessa”
    Capisco che la confusione regni incontrastata in una cultura politica approssimativa come quella piddina. Ma il dissenso in questo paese è un diritto, non una gentile permissione del granduca. Vedi te che brutti scherzi fa pensare che il potere sia ereditario :))

  4. Di Bisceglie ha detto:

    dunque, è la prima volta che approdo su questo blog in quanto qualcuno mi ha segnalato la discussione e la presenza di numerose imprecisioni ed insinuazioni quindi mi vedo costretto a segnalare quanto segue:
    1)Alcuni consiglieri di circoscrizione hanno deciso di votare contro al bilancio (in estrema sintesi: per IMU alta e spesa corrente cresciuta).
    2)L’insofferenza per l’aliquota alta IMU era ed è preponderante fra gli iscritti al PD e tra gli elettori.
    3)La stessa insofferenza era stata esternata a più riprese nei giorni che hanno preceduto i consigli.
    4)La documentazione più volte richiesta dai consiglieri non è stata messa a disposizione della giunta (sono arrivati solo documenti parziali con dati aggregati)
    5) non è un reato se alcuni consiglieri hanno trovato un’intesa per poter elevare una protesta che molti pensavano fosse giusta ma nessuno aveva il coraggio di portare avanti.
    6)le insinuazioni secondo cui ci sarebbero altri ed imprecisati fini dietro questa protesta non trova riscontro nella realtà ed è frutto di scarsa conoscenza della situazione e soprattutto della scarsa conoscenza della moralità che contraddistingue i soggetti che hanno espresso il voto contrario.
    7) il segretario de filicaia ha ratificato quel sentimento diffuso nel partito e personalmente ne sono contento.

    vorrei che ci fosse molta meno dietrologia nell’analisi politica perchè ci sono persone che pensano ancora che si possa fare politica senza avere ritorni personali. scusate se esistiamo.

  5. Nessuno deve scusarsi di niente, nemmeno per scherzo e men che meno su un blog che non censura nessuno e spera anzi di essere letto da persone delle più diverse opinioni, ci siamo chiamati Confronto per questo, per rifiutare una logica di conformismo e di omologazione, che in una fase politica abbiamo percepito e vissuto sulla nostra pelle.
    Ringrazio quindi Di Bisceglie del suo contributo e spero che continui a seguirci..
    Per quanto mi riguarda, io non entro nelle logiche interne di un partito a cui non sono iscritto. Ho solamente combattuto e combatto la deriva dello staccare la spina, del commissariamento del comune e della città, che è stata espressa pubblicamente da componenti diverse, dentro e fuori la maggioranza. Una follia, dal mio punto di vista, in considerazione di quello che bisogna fare per la città, senza incominciare a giocare con le candidature, vere o presunte.
    Quanto al parere delle circoscrizioni, sono un parere appunto. Cosa deciderà il PD al suo interno è un problema del PD. Diventerebbe un problema di tutti al momento del voto in Consiglio Comunale, per il quale se mancasse il numero si porterebbe Livorno al commissario. Per quanto riguarda il fatto che ci siano persone che vedono la politica in modo nobile ed anche molti giovani come Di Bisceglie, ne sono certo e contento. Tuttavia raccomanderei a questi giovani, a molti dei quali sono legato da affetto e stima, di non sottovalutare che per molti altri ( non pochi e diffusi ) la politica è soprattutto una affannosa rincorsa ad uno strapuntino. Se la discussione nel merito delle cose si aprirà e consentirà a tutti di capire quello che si dice e quello che succede, contribuendo in modo responsabile, Livorno ne trarrà grandi benefici. La Conferenza Programmatica è un passaggio importante, al di là delle critiche un po’ cattedratiche di qualcuno. Dimostra la voglia di aprire una nuova fase politica, fuori dalle piccole burocrazie e convenienze. Un passo notevole, che spiazza molti, come è evidente. I contenuti li vedremo, andare al commissariamento avrebbe solo aperto le rincorse già avviate dentro e fuori il PD, altro che contenuti, anche St. John converrà. Io continuo ad spettare gli inevitabili ed imminenti consigli sul porto e sulla sanità, occasioni concrete di verifica dei buoni propositi.

  6. Wladimiro Del Corona ha detto:

    Caro Di Bisceglie, tu sai , come altri di VOI, che io non sono molto tenero nei confronti del governo locale e dell’azione che è secondo me molto precaria ecc..da qualcuno sono stato indicato proprio per giustificare il voto contrario ma sorvoliamo.
    Il voto espresso nelle circoscizioni, dove è passato e dove non è passato, è chiarissimo credi.
    Sorvolo su alcune questioni che non voglio qui richiamare, ma una cosa e solo una mi interessa.
    Precisare che con tutta la sofferenza e il disagio di questo mondo – e io non faccio certo sconti a nessuno – , votare contro il bilancio , per iscritti al PD impegnati provvisoriamente in un ruolo istituzionale è fatto gravissimo e inaccettabile, punto.
    Chi di dovere analizzerà la cosa.
    ma certo di modi per far chiarezza sui motivi del disagio e della protesta, come la chiami tu, ne esistevano e ne esistono mille altri, senza censura e nel rispetto delle posizioni.
    Il sottoscritto li ha sempre denunciati chiaramente.
    Poi ,permetterai , come voi pensate di essere nel giusto altri la pensano diversamente.
    Sai benissimo con gli altri , come lo so io e come lo sa il partito ,Yari in primis, che non sono tutte rose e fiori, ma il bilancio non votato è assolutamente irresponsabile, punto.
    La legislatura deve arrivare alla fine, chi ha responsabilità di governare lo deve fare seriamente portando risposte alla città che è come ben sai in una situzione profondamente critica .
    staccare la spina o manifestare la protesta sull’unico atto fondamnetale che puà far commissariare il comune questo caro De Biscegli no, non si può.
    Guarda che di casino ne ho fatto abbastanza , almeno credo, ma non ho mai votato contro.
    Mi sono astenuto alla fine su Gran Guardia, votato a favore sull’acqua per responsabilità verso il partito e Yari.
    Tanto per chiarire.
    La vita di partito forse oggi è più fifficile, certo, c’è tanto disagio e un clima generale che non aiuta.
    Ho pensato spesso a iniziative anche più clamorose della vostra , ma il punto è, cosa serve alla città, senza essere ostaggi di poltronifici e avventurieri?
    Ecco perchè votiamo il bilancio.
    poi inizierà altra storia , dove c’è bisogno di conflitto di idee e impegno a 360 gradi per 365 giorni l’anno e non solo quando fa comodo.
    c’è posto per tutti anche e soprattutto per i giovani se sapranno mettersi in risalto e dare qualche nobile spallata per crescere e aiutare questa città e il partito.
    Ma il bilancio è punto fermo da votare .
    caschi il mondo.
    poi ognuno si prenderà le prprie responsabilità.

  7. Ludom ha detto:

    Per parte mia, definii sconfortante la vicenda dei bindiani, con occhio tutto rivolto al senso politico di questa “uscita” nel momento in cui è in atto un tentativo, vano o realistico che sia, di spingere tutto il partito, addirittura, tutta la città “oltre”.
    Oltre che cosa, provano a dirlo quei ragazzi nelle clips che rammentava St. Gli strumenti che individuano a supporto del proposito oltrista sono un po’ pochi ma si capisce abbastanza bene che si tratti di andare oltre tante cose ma innanzitutto del più recente passato.
    Nessuno, Sig. i Bisceglie, ha messo in discussione l’onestà politica del vostro dissenso e men che mai il merito (qui e in tutta la città, i giudizi di merito sono molto più duri!) ma iscritto al pd non sono io e in questa fase, con l’appuntamento della conferenza in preparazione, erano ben altri i modi per far sentire la propria voce e provare a contare.
    Come può non stupire che un’area politica che, apprendo, ha il suo portavoce in segreteria debba ricorrere a gesti plateali per rendere visibili, e quindi “utili” immagino, le proprie posizioni? È un giudizio politico, niente di personale. C’erano altri modi, anche più efficaci.
    Detto questo devo ammettere che sono un po’ stupito per la piega rigorista, per non dire autoritaria, presa dalla questione. Ma vogliamo scherzare?!? per un parere non vincolante?!? Mi è capitato di leggere persino richieste di espulsioni. Anzi, come con Bucharin, qualcuno chiede l’aperta confessione dell’essersi automesso fuori del partito!
    Dott. Lamberti, ricordo male o non qualche consigliere ma un presidente di circoscrizione e un capogruppo dell’allora partito di maggioranza espressero parere negativo a un “suo” bilancio? Mi sbaglio o i due irresponsabili si chiamavano Attilio D’Alesio e Claudio Ritorni? Se non si arrivò proprio ad un voto contrario fu comunque un confronto piuttosto duro e non ricordo tutto sto “sdegno nazionale” con probiviri al seguito!
    Il fatto è, caro Wladimiro, che a rendere eclatanti certe vicende è la debolezza tragica di quella situazione che cercate di “oltrepassare”. Può stupire che i bindiani non abbiano colto il passaggio ma i casi sono due o lo giudicano inconsistente e può darsi che abbiano anche ragione ma allora farebbero bene a rompere del tutto col partito oppure hanno preso una cantonata! Come dire….compagni che sbagliano. ;-)

  8. Confronti serrati ed anche pareri negativi ne ho avuti tanti, ora non ricordo i particolari. Certo è che allora la situazione amministrativa e politica era assai consistente, non mi sono mai turbato troppo. Oggi è tutto più fluido, ma torno al punto politico, visto anche che addirittura si è chiesto,, da gruppi organizzati interni ( ? ) al partito di andare alle elezioni anticipate e di far dimettere il sindaco. A questi livelli non ricordo mai. Anche perché a tutto c’è un limite. E mirare al commissariamento di Livorno non l’avevo mai visto, ma proprio mai.

  9. Di Bisceglie ha detto:

    intanto ringrazio per l’ospitalità e cerco di chiarire alcuni aspetti posti in evidenza da wladimiro che da Ludom.
    la prima cosa che viene da chiedere è: quali erano i “ben altri modi” per raggiungere lo stesso obiettivo.
    L’obbiettivo era ed è far cambiare la manovra di bilancio (non mandare a casa l’amministrazione che ho sostenuto e sostengo) quindi:

    visto che non ci sono state serie occasioni di, confronto, a parte due lunghi monologhi di presentazione a cui gli astanti potevano solo annuire senza nessuna documentazione da studiare.

    visto che moltissimi all’interno del partito e fuori si lamentavano dell’IMU più alta della Toscana.

    Visto che manca una seria analisi della spesa corrente (che fra l’altro aumenta di € 10.000.000) e non ci sono proposte di razionalizzazione.

    Visto che provare a scrivere un documento, intervenire negli organismi o fare articoli sui giornali è stato già provato in passato incassando risultati non soddisfacenti.

    Visto che non è colpa di nessuno se il voto in circoscrizione è stato fissato in date ravvicinate alla conferenza di programma (Livorno che guarda oltre)

    Visto che questo è il primo bilancio in cui c’è una grandissima discrezionalità in capo all’amministrazione

    abbiamo deciso di prenderci la responsabilità di dare un segnale politico inequivocabile che spero dia i suoi frutti.
    Se questo porterà all’espulsione degli eretici o fa semplicemente indignare i dogmatici di turno, me ne farò una ragione, ma fermo restando il rispetto delle altrui opinioni, non penso ci fossero altri modi per sperare di raggiungere l’obbiettivo.

    Poi se mi si dice che abbiamo cercato visibiltà, beh per ottenerla, c’erano si altri modi ed altre occasioni magari senza rischiare l’espulsione.

    ringrazio tutti e porgo i miei saluti

  10. pardo fornaciari ha detto:

    Dopo lunga assenza, mi trovo costretto ad intervenire, per rettificare una imprecisione (ah, la litote!) di Lamberti.
    Non è vero che su questo blog non si censura nessuno. A me successe, un paio d’anni fa, di essere censurato. Da allora non son più intervenuto: nonostante il mea culpa di Lamberti, che comunque non giunse a ripubblicare il mio post. Se qui poi qualcun altro è stato censurato, non lo so, e direi che mi interessa anche pochino: sta di fatto che questo mi è avvenuto, ed è questo il motivo per cui non sono più intervenuto (e continuerò a non violare questo patto con me stesso) su uno strumento che ha dimostrato, nei miei confronti almeno, di comportarsi né più né meno come un epigono di coloro che mi espulsero dal PCI.

  11. Siamo in consiglio a discutere di queste cose. Se avessi un qualche ruolo nel partito, auspicherei che i gruppi consiliari svolgessero il loro ruolo prima delle votazioni. Ai miei tempi quello era il luogo del confronto, prima del voto. Confronti anche tosti,oggi non so e non mi permetto. Auspico che , come dice anche Di Bisceglie, l’amministrazione non cada e che in questi due anni si possa confrontarsi rigorosamente sui temi oggetto di riflessione ed anche altri, emergenti. Facendo tutto quello che e’ possibile fare per la citta’ nel contesto nazionale ed europeo in cui ci troviamo.

  12. Kinto ha detto:

    bah ,
    singolare
    intervenire solamente oggi
    ad anni di distanza per screditare uno spazio
    libero e con precauzionale moderazione.
    magari ti tocca anche tapparti il naso per leggerci o scriverci.
    te lo dico io Pardo Fornaciari ,fosti spammato con grande letizia ex post ,e si era in piena campagna elettorale 2009,
    due giorni prima delle elezioni,
    dove ognuno tirava acqua al proprio mulino,
    e qualcuno con i galloni sul petto
    umilmente proponeva per trovare orecchie sorde e voti disgiunti tra Cannito e magari l IDV.
    bella roba.
    Da soli contro tutti ,
    te compreso evidentemente.
    E non ti firmasti neanche con nome e cognome come fai ora ,
    altrimenti immagino ,e senza possiblita’ di smentita,
    saresti stato anche allora pubblicato senza esitazioni,
    ma scrivesti con pseudonimo ed inutili critiche d accompagnamento.
    Campagna elettorale dove Livorno fu costretta ad assistere ad un valetudo ,
    un mixed martial arts di ogni genere ,
    tra menzogne amministrative e finanziarie divenute verita’ con gambe rivelatesi cortissime,
    con candidati sindaci in cerca di prebende senza neanche essere residenti e votanti,
    ex borgheziani leghisti-rondisti travestiti da eredi di Berlinguer,
    e quadri dipinti senza neanche vi fosse la tela.
    dunque te lo dico io,perche’ il dott. Lamberti e’ troppo signore
    e troppo perbene per usare i toni dovuti,
    continua a non violare il patto con te stesso,
    stai dove vuoi,
    e qui di epigoni non ce ne sono.
    Tutti scriventi in liberta’, fieri delle proprie particolarità,
    e di racchiudere in se stessi la qualità piu’ universale del mondo ovvero
    la diversità di ciascuno da qualsiasi altro,
    senza spocchie noiose ed alla salsa desertica dei tartari,
    ed inutili quanto balorde velleita’ di screditamento.
    Ci si vede.
    oggi siamo “oltre”,prova ad andarci anche te.
    Saluti
    e Chiedi a St John,personalmente o virtualmente, quante volte e’ stato censurato per fare un esempio molto concreto e di libertà senza la minima censura.

  13. Sirio ha detto:

    Pardo,prendi incarta e porta a casa.ma pensa te che ghigne.

  14. la Redazione ha detto:

    su via , Pardo , qui abbiamo pubblicato sempre tutti .. Senza Soste docet ;))

    Se un paio di anni fa incappò nella temibile censura di codesta Redazione evidentemente aveva scritto qualcosa di offensivo e da censurare .
    lo dico con il sorriso e per sdrammatizzare .

    Provi a scrivere di nuovo , così mi metterà alla prova .

    Tra l’altro è persona stimata sia da questa Redazione che da Lamberti .

    Ripeto , ogni suo contributo sarà sicuramente un valore aggiunto a questo blog .

    Spero sinceramente di poterla leggere .

    E ringraziamo Di Bisceglie per il contributo ed il confronto .

  15. Non ricordo censure, ma se e’ accaduto Pardo può tranquillamente ricordarmi di cosa parlava. Non penso dubiti che lo pubblicherei. Forza Pardo, rinfrescami la memoria e ne discutiamo alla grande. Un abbraccio

  16. St. John ha detto:

    l’aumento di 10 milioni di euro della spesa corrente dell’amministrazione non è un bruscolino. Visto che è una voce in capitolo che si riferisce al funzionamento dei servizi. Tagliando servizi (es. paradigmatico statalizzazione asili ma solo per capirsi), comprimendo personale e congelando i più bassi livelli di stipendio del personale amministrativo (quello più numeroso) non è facile arrivarci. Specie con le restrizioni alla spesa corrente dovute dal patto di stabilità. Dentro quella voce c’è qualcosa di strutturale che non va, qui le proiezioni per i prossimi anni (che non ci sono, salvo la previsione che Nebbiai farà le stesse interviste di oggi nel 2013) aiuterebbero meglio a capire l’entità del problema. Essendo antiliberista, specie a Livorno dove il reddito da capitale ha una sproporzione inedita in Toscana rispetto a quello da lavoro, sono per tassare, investire e spendere. Ma dipende dove :) altrimenti non generi ricchezza ma ulteriore debito. Non è chiaro poi, e non se ne parla, il livello delle entrate non tributarie della manovra di bilancio (ovvero gli oneri dei servizi che ricadono sulla popolazione tramite aumento delle tariffe). Nel Pd è tabù parlarne ma c’è, ad occhio (approfondendo dati alla mano secondo me è peggio) una larga fascia di popolazione più colpita dalla doppietta imu-aumento delle tariffe di quella più benestante. Tra pagare 10 di servizi avendo 100 di reddito e pagare 10 avendo 500 c’è una bella differenza. Tenendo conto che non è aria per agevolazioni ed esenzioni. Da quello che si legge, nel sistema di informazione livornese opaco e corporativo, l’aumento della spesa corrente va a detrimento della spesa in conto capitale. E qui sono gli investimenti, e quindi il futuro dei livornesi, ad essere ridotti. Oddio viste le concezioni, e gli interessi, da mesozoico di buona parte della maggioranza (mattone, inceneritori etc) meglio cosi’ :-)
    Sulle partecipate è palude quindi abbozziamo.
    Rispetto a quello che scriveva il sig. Di Bisceglie, che mi dispiace non conoscere, avverto il rumore di antichi e infecondi riti di legittimazione dell’esistente. Per il principale partito cittadino le critiche o 1) non vengono mai al momento giusto (oh..sempre sfortunati) 2) o non sono poste mai nel modo giusto (giusto per provare a colpevolizzare chi critica). Il punto è sempre difendere una rete di potere, di poche persone, che il bilancio lo fa e lo conosce davvero. Per il bene della città, ci mancherebbe. Alla fine di questa fase della politica livornese, che non durerà, le istituzioni vanno riformate in moda da dare il potere (sottolineo potere, la partecipazione senza potere non è cosa seria) di mettere mani e naso sul bilancio a centinaia di persone durante tutto il corso dell’anno. Vedrai come si sgonfierebbe il populismo: frazionando, in modo efficiente, il potere di decisione.

    ps. leggo

    >Pardo,prendi incarta e porta a casa.ma pensa te che ghigne.

    personalmente stimo Pardo da sempre, anche quando non sono stato d’accordo con lui (e non è capitato di rado). Una persona che è rimasta pulita in decenni di attività politica. E non è certo poco.

  17. St. John ha detto:

    >Gli strumenti che individuano a supporto del proposito oltrista sono un po’ pochi

    diciamo..una cosa tipo proporsi di andare in Cina prendendo l’uno dalla stazione. Non basta affidarsi a parole d’ordine che fanno tanto usato sicuro tipo “conferenza di programma”, Nella tre giorni che comincia domani non c’è un indizio del lavoro politico necessario per Livorno..Parlo prima di tutto di metodo, che proprio non c’è (e senza quello..), e tralascio i contenuti. Ma se posso faccio una recenzione sul nostro sito a bocce ferme. Quello che trovo curioso è che un partito da decenni al potere non sappia trovare di meglio che affidarsi a figure incerte, sperse, prive di contenuti e di capacità di relazionarsi con l’alta complessità che richiede il fare politica oggi. Davvero Livorno, negli ultimi anni, ha investito le proprie risorse nella classe dirigente sbagliata.
    Ma stiamo parlando di un partito che, a livello nazionale, esprime tecnici di area (era in odore di ballottaggio con Fassino per il ruolo di sindaco) come madame Fornero. Che ieri all Wall Street Journal ha detto “L’attitudine della gente deve cambiare; il lavoro non e’ un diritto” (testuale). Mi tocca citare la costituzione (articolo 4) “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto”. Ecco il tecnico di area Pd, santificata da Napolitano e votata da Bersani. Opera contro la costituzione su cui ha giurato. Ma sulla situazione nazionale e internazionale, aspettiamo i prossimi 4-5 giorni per un dovuto commento. Intanto rimando a questo che abbiamo fatto.
    Se Berlusconi non gioca la carta della disperazione, per motivi tutti suoi, il Pd ci vota anche l’Esm. Cos’è l’Esm?

    http://www.senzasoste.it/nazionale/abolizione-articolo-18-e-mostro-esm-i-due-regali-estivi-del-pd-agli-italiani

  18. Condivido la stima per Pardo, tra l’altro cresciuta nelle aule istituzionali. Persona di grande livello culturale e di grande educazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...