MENTRE GALLANTI E’ IN VACANZA : “.. dove è finita la città, mentre sulle banchine assistiamo a scene mai viste di ragazzi livornesi, appartenenti allo stesso sindacato, che si confrontano tra di loro per capire cosa succederà di loro? Uno scempio. ” GL

La Redazione

Il fallimento di una classe politica dirigente nata , cresciuta e piena di carriere , con il NUOVO STILE DI GOVERNO.   Colpevoli e falliti .

MA LO SCANDALO E’  GALLANTI .  SCOMPARSO , IN VACANZA , PAGATO MIGLIAIA DI EURO , VOLUTO , CERCATO , OGGI INESISTENTE !

GIANFRANCO LAMBERTI

‘ Oggi la cronaca conferma quello che andiamo dicendo da mesi. Dove è finito Gallanti? Dove è finito il POT? Dove è finito il PRG del porto? Dove è finito il nuovo Piano attuativo sulla Porta a Mare? Dove è finita o finirà la Concordia? Dove finiranno le crociere? Dove sono finiti i bidoni tossici? Dove è finito il porto turistico? Dove sono finiti i posti di lavori e le ricadute di OLT? In sostanza , dove è finita la città, mentre sulle banchine assistiamo a scene mai viste  di ragazzi livornesi, appartenenti allo stesso sindacato, che si confrontano tra di loro per capire cosa succederà di loro? Uno scempio.
Ed in questo scenario di abbandono, vacanze premio con indennità formidabili e di scialuppe che, c’è poco da fare, non ci sono per nessuno, possiamo perdere ancora tempo con le tattiche insignificanti interne ad una maggioranza in disfacimento, ad inseguire strapuntini presenti e futuri ?
Dice bene il segretario del PD, Yari, chi è al comando si assuma fino in fondo le sue responsabilità, visto che è pagato profumatamente per questo.

Ieri ho mandato questa nota ad Enrico Bianchi, per tentare di uscire dal letargo, non ho idea se servirà ad accelerare i tempi di una iniziativa, ma non potevo andare in vacanza anche io, in una situazione del genere e condividere i rinvii a tempo indeterminato di tutto.. ‘

Caro Presidente ( Bianchi ),
le numerose questioni aperte sul nostro porto, con percorsi istituzionali consiliari avviati e tuttora non conclusi, richiedono una precisa e tempestiva assunzione di responsabilità da parte dello stesso Consiglio Comunale. A tal proposito ricordo le scadenze di legge relative al Piano Operativo Triennale, discusso il 16 luglio 20!0 con atto deliberativo del Consiglio Comunale, Piano relativo al periodo 2010/2012.
In considerazione di quanto è successo, durante il triennio trascorso, fino agli eventi degli ultimi giorni, richiedo di poter metter all’odg e dei lavori, con massima urgenza , una mia comunicazione relativa alle scadenze del POT, intitolata:
POT, scadenze e ruolo del Consiglio Comunale.
Naturalmente, ove il sindaco ritenesse di assumere tempestive iniziative consiliari sul tema, non avrei alcun problema a rinunciare a tale richiesta
Ti ringrazio della attenzione e ti saluto cordialmente  “

Gianfranco Lamberti 

Annunci

20 Responses to MENTRE GALLANTI E’ IN VACANZA : “.. dove è finita la città, mentre sulle banchine assistiamo a scene mai viste di ragazzi livornesi, appartenenti allo stesso sindacato, che si confrontano tra di loro per capire cosa succederà di loro? Uno scempio. ” GL

  1. Kinto ha detto:

    Mi sa che a Livorno di Turisti per sempre
    ne abbiamo piu’ di uno,
    e tutti nelle seggiole chiave.
    Il grido di allarme sullo slittamento del bilancio
    piuttosto che i 2 Consigli comunali al mese,
    non sono sintomi
    ma acclarazioni di malattia senza possibilità di guarigione.
    la situazione e’ piu’ grave di quanto non sembri.
    al solito,
    a memoria non si ricorda in 60 anni di vita politica cittadina.
    Al di la di ex maggioranze o opposizioni
    comincia un po’ da ogni parte la voglia di voltare davvero pagina
    e togliersi dal proprio presente
    ciarlatani e scimmie porporate.
    Sembra che da mesi e mesi Livorno non abbia un Governo,
    e in questi tempi cosi’ drammatici
    con cosi ‘ tante criticità
    e’ davvero osceno.
    Forse sarebbe proprio il caso che la legislatura finisse
    prima della scadenza
    e che qualcuno tornasse a professione privata.
    Non se ne puo’ piu’ .
    Saluti

  2. Luca ha detto:

    E si faccia attenzione perche’ Siena,il mancato voto al bilancio e le dimissioni del Sindaco non sono una realtà cosi’ lontana non solo geograficamente.Anche se aspettarsi che Cosimi si dimetta..e poi chi lo rivole in Ospedale,provate a chiedere…

  3. Mi dispiace non essere d’accordo con chi, anche Kinto, sollecita un passaggio di mano nella amministrazione. Siena e’ una storia diversa, li’ i numeri sono venuti meno. Qui il sindaco ha una maggioranza garantita dal suo stesso partito, e non ha motivi per trascinare la citta’ in una fase di nulla, come quella di elezioni anticipate e di assoluta incertezza politica.
    Semmai bisogna richiamare, come sto facendo anche questa mattina, la centralità del consiglio comunale e la necessita’ che nessuna situazione venga abbandonata a se stessa. Meno che meno situazioni che riguardano il lavoro di giovani livornesi, che devono essere rassicurati concretamente che esistono garanzie per tutti e che non siamo senza un riferimento istituzionale. Non possiamo perdere tempo con le sciocchezze degli strapuntini e delle fantasiose maggioranze ipotizzate da qualche consigliere, anche se stimabilissimo. Nessuno può abbandonare la nave in un momento come questo.

  4. Kinto ha detto:

    Probabilmente andare ad elezioni sarebbe ancora piu’ devastante della situazione attuale,
    di certo pero’ ci vorrebbe uno scatto di responsabilità
    e lavoro spedito
    che e’ difficile da immaginare ad oggi.
    Apprezzo comunque il senso costruttivo e responsabile di una politica che va in questo senso,
    e cerca sintesi per il bene comune.
    Governare in contumacia comunque e’ impresa ardua.
    Si facciano i Consigli Comunali e si legiferi in questo scorcio di mandato.
    Saluti

  5. St. John ha detto:

    l’episodio delle due squadre che si fronteggiano, seppur simbolicamente, davanti alla banchina del porto per contendersi il lavoro è pessimo e promette tempi grami. Per il porto e per la città.
    Francamente dispiace davvero.
    Se De Filicaia avesse potere reale, magari un giorno ce l’avrà ma per ora deve fare i conti con il possibile, dovrebbe fare (per il bene suo) una sola cosa. Andare al voto in autunno che una qualche maggioranza al secondo turno ancora la spunterebbe. Poi a fine elezioni una bella imu comunale e via.
    E’ l’ipotesi più temuta dai sinceri nemici del Pd come il sottoscritto, quelli che tifano per una sua dissoluzione. Terrebbe in piedi il regime per qualche anno ancora. Così facendo, tra aumento delle tasse comunali, taglio dei servizi, sfacelo dell’economia, due anni di assoluto nulla politico, una città che marcisce, un pd che andrà al governo nazionale per non farne di nulla..qui la dissoluzione del pd di via donnini avviene solo con il solo sforzo di desiderarla :)
    A questo punto, mettendo tra parentesi i timori per la città, l’unica curiosità parrebbe essere sul tipo di botto che farà il pd. Forte però, mi raccomando.

  6. Mi sembra una analisi un po’ troppo sofisticata, per essere realistica. Ma certo non ho la sfera di cristallo. Io sento evocazioni alle dimissioni , da parte di molti, che sono, non parlo di St. John o kinto, più interessati a rosicchiare voti e strapuntini,che non a cosa succede della citta’. A me non sembra una cosa materialmente possibile, neppure utile. Che poi qualcuno ci speri , e coltivi questo scenario non lo scopriamo oggi di certo. Non si può governare in contumacia, giusto.

  7. St. John ha detto:

    >Non si può governare in contumacia

    e tantomeno per un paio d’anni e in situazione di seria crisi nazionale e locale.In un contesto del genere la delegittimazione del Pd livornese nel 2014 può essere completa. A me sembra evidente, ed è chiaro che non ragiono in termini di tifoseria, che il Pd locale non ha più nè visione nè capacità di governo per i prossimi anni. Il dato peggiore per Livorno sarebbe un lento declino entro un mare di indifferenza (come sta accadendo).
    Per il resto partiti, formule di governo, blocchi sociali nascono e muoiono. E dove comincia il futuro di Livorno finisce quello del Pd. Per tirare a campare, se fossi del Pd, andrei alle elezioni prima possibile. Perchè se resta questa situazione pietrificata per un biennio dopo è triplice fischio finale.

  8. Conte di Montecristo ha detto:

    SJ , il PD nato nel 2005 è già morto .

    Oggi c’è un qualcosa che una persona che stimo sta cercando di tenere in vita con un decente futuro.

    De Filicaia ha a prescindere tutta la mia fiducia.
    sai perchè ? Finalmente una persona per bene a guidare il Partito  di governo di questa città .

    Parchè rendiamoci conto di una cosa , la sinistra di governo qui a Livorno ha avuto come segretari negli ultimi 10 …. COSIMI , RUGGERI , DI ROCCA .

    COSIMI RUGGERI DI ROCCA . fate un po’ i conti , semplici semplici di quanto sono e stanno costando alla collettività livornese le carriere politiche pubbliche di questo trio delle meraviglie .
    mettete insieme indennità da sindaco, consigliere regionale e presidente AAMPS.
    Poi sommate tutte le azioni e gestioni in soldi dell’operato politico dei tre .
    Milioni di euro . Una follia . Una vergogna .

    Ed oggi , dove sulle banchine del ns porto si consuma pure una guerra fratricida di gente con la tessera in tasca della CGIL / PD  , tutti rigorosamente livornesi , la città paga la solita schifezza politica che ha portato Gallanti il turista milionario a NON GOVERNARE il Porto di Livorno .
    Tanto compagni l’importante era far fuori Piccini … Tipico schema , tipico rituale già utilizzato in passato , tipica FREGATURA TOTALE DI RITORNO CON INTERESSI E PURE IL RESTO.

    Ora andatevene tutti …. A… Genova per chiedere umilmente udienza .
    Brav, bravissimi .

    Paradossalmente SJ , il più felice di chiudere questa oscenità amministrativa è proprio il sindaco .
    perchè lo schema è , me ne vado  e scappo via a Roma in tempo per le prossime politiche . 

    troppo comodo , ma il mondo tra un anno chissà come sarà …

    Una cosa è certa , fare una campagna elettorale con il sindaco in carica , parlo del pD del futuro , potenzialmente è un suicidio politico ,etico e sociale .

    quindi , devo concordare , se il Pd di Yari vuole sopravvivere mandi a casa e senza viaggi premio IL NUOVO STILE DI GOVERNO e tutti i suoi protagonisti .
    AMEN.

  9. Luca ha detto:

    Analisi impeccabile del Conte.Sottoscrivo.eppoi di solito si viene premiati per i risultati,a Livorno ci stanno abituando al preciso contrario.Inversione di rotta o scogli in vista…

  10. St. John ha detto:

    >se il Pd di Yari vuole sopravvivere

    ..deve fare in modo che l’effetto Parma non arrivi fino qui. Dopo un bienno di ibernazione del consiglio a Livorno basterebbe presentare una faccina giovane e pulita, che parla con accento livornese ma si presenta bene, per vincere a mani basse contro il Pd. Personalmente credo non ce la farà. Mi domando solo quando (e se) i media ufficiali livornesi si renderanno conto della realtà.

  11. Kinto ha detto:

    St John concordo su alcuni punti,
    molto di piu’ con il post del Conte,
    ma credo che la citta’ di Parma sia unica per genere.Sono convinto lo saprai molto meglio di me
    Ogni elezione e’ un film diverso.,
    ed ogni citta’ un universo diverso
    mi sembrano azzardati parallelli tra Parma piuttosto che Palermo e
    Livorno.
    Che saranno elezioni particolarissime visti i dieci anni precedenti e
    agghiaccianti di Cosimi
    su questo non ci piove.
    Ci vorra’ grande bravura e coraggio,soprattutto nelle scelte degli uomini per andare appunto
    “oltre”.
    Saluti

  12. St. John ha detto:

    >ma credo che la citta’ di Parma sia unica per genere

    la tendenza del Pd a perdere un voto su tre è nazionale. Il Pd a Parma era persino all’opposizione. Figuriamoci cosa accade in una città dove è visto come il governo immobile da molti anni. Basta parlare con i livornesi per capire come butta. Ci sono molte similitudini che un tempo sarebbero studiate, assieme all’innegabile effetto nazionale. Tra l’altro, nella città città dei comitati che è Livorno..mi ricorderei che Bernazzoli, candidato continuista, a Parma ha perso sull’inceneritore. Sono felicissimo se il centrosinistra locale si accorge della realtà solo nel 2014 quando prende la mattonata in faccia :) un problema in meno tra i tanti che ci saranno.

  13. grillo a Parma è la somma di tutto e di più, a partire dai voti del centrodestra che era al governo della città e che non era al ballottaggio. Il candidato Pd continuista, mi sembra non sia proprio così
    Una deriva tipo sol dell’avvenire con grillo a Livorno è fuori di ogni realtà. Altra cosa la crisi dei partiti, il motivo i per cui abbiamo fatto una lista civica qualche anno fa, ormai.
    che poi ci siano grilli parlanti nostrani ce ne siamo accorti da tempo, ma non sono loro il problema e nemmeno la soluzione .
    Non andremo, nonostante gli auspici e le speranze di qualcuno , ad elezioni anticipate e quello che succederà in città, le questioni importanti su cui ci misureremo e le risposte o non risposte che arriveranno, determineranno lo scenario conseguente. Ma prima ancora ci saranno le politiche, mica uno scherzo, per nessuno.

  14. henry w.brubaker ha detto:

    Non ho ben capito a cosa mirasse la conferenza regionale Pd sul lavoro di sabato.Sono anni che non ne azzeccano una e la Regione è diventata un fiume di denaro pubblico senza controllo.La vicenda della Fidi e dei contributi(perduti)per l’innovazione lo dimostra.Sulla vergogna della De Tomaso non mi dilungo,perchè solo l’autolesionismo di sindacati e dipendenti (prossimi alle lunghe ferie estive)consente a lor signori di continuare a fumare sigari e a rilasciare interviste come se fossero degli analisti purissimi del mercato del lavoro.50.000 cassintegrati in Toscana,complimenti.Non si è ben capito poi che fine abbia fatto a Livorno il super tavolo dell’innovazione e quale ruolo si sia consegnata l’assessora competente.Non ne faccio una colpa ai consiglieri comunali perchè fossi stato in loro avrei abbandonato la scialuppa… da tempo.Grave e dolorosa la situazione del Porto,inspiegabile la latitanza di chi lo dovrebbe dirigere.Su Parma mi pare centrata l’analisi di De Bortoli sul sito del Corriere.Siamo di fronte a un fatto storico.Tuttavia i Grilli vincono dove le legislature si interrompono,un po’ per mala gestio (tipo Parma),un po’ perchè “le maggioranze vengono a mancare”(spaccatura nel Pd o nel Pdl).Siena è un’altra piazza nel mirino.Non trascuriamo pero’ le astensioni,che ormai avvolgono l’intero elettorato del centro destra.Anche a Palermo c’è stato l’effetto de Magistris.Non faccio previsioni su Livorno,dove siamo entrati ormai da tempo nel biennio “bianco” di Cosimi senza che nessuno muova foglia.Ma tutto sommato il pilota automatico innestato dall’astuto Cosimi fa comodo un po’ a tutti.

  15. henry w.brubaker ha detto:

    Condivido la “gaberiana” lettera di Lamberti a Bianchi.Spero possa avere un riscontro e un seguito.Ma credo che la tecnica dilatoria del duo Cosimi /Rosi ormai stia facendo scuola.

  16. Non so cosa replicare ad hb, sempre acuto, se non il fatto che non credo che i livornesi siano scemi. A volte fanno finta di non capire , se conviene. Ma quando non conviene più …. Certo, ma lo diciamo da un po’ , i vecchi schemi sono saltati, non servono più . Ma le ammucchiate alla grillo qui non le vedo proprio. Il pd ha responsabilità crescenti, bisogna vedere se riuscirà ad essere all’altezza. Hb e molti altri pensano che non possa riuscirci , che sia troppo fragile. Convinzione comprensibilissima. Il resto, intorno, a parte eccezioni, e’ peraltro di ua modestia sconfortante….
    Quanto al tatticismo dilatorio, ci sono limiti invalicabili, o quasi. Almeno credo. L’unica cosa che si capisce bene, mi consenta hb, e’ il silenzio di Gallanti. C.. vostri, belin, i genovesi conoscono meglio di altri il,valore delle indennità , non sono mica vicesindaci idv.

  17. Caro gianfranco, mi perdonerai l’ora, ma non so cosa mi stia succedendo . Questo per dire che mi ritrovo totalmente nelle analisi di SY e di HB, non è poi tanto strano se a inizio legislatura mettevo accento sul rischio di un Guazzaloca livornese e un risveglo davanti a sorpresa amarissima.
    Livorno sarà un mucchio di macerie sociali e il rischio è più alto delle analisi politichesi della casta locale. STO VALUTANDO CHE FARE MA NON SARò MAI PIù COMPLICE DI UNA LEGISLATURA CHE MI HA REGALATO TANTA SOFFERENZA , MA TANTA DAVVERO. DOVRO’ DECIDERE QUALCOSA DI SERIO E FORSE DI INASPETTATO DA PARTE DEI SAPIENTONI LIVORNESI CHE DELLA CITTà E DELLA PARTECIPAZIONE HANNO FATTO SOLO DEI GIOCHINI A LORO USO E CONSUMO.
    VUOTO POLITICO ASSOLUTO, INERZIA, LIMITI,RITATDI,INCAPACITA’,MACCHIAVELLISMO POLITICO E AUTOREFERENZIALITA’ DELLA CASTA LOCALE ECC…ECC….NO NON SARO’ PIù COMPLICE E DECIDERO’ LA FORMA CON CUI DISSOCIARMI DA QUESTA SCIAGURA CHE STA FACENDO DI LIVORNO UN MUCCHIO DI MACERIE E DI DISAGIO. CHE IL CIELO AIUTI QUESTA CITTA’ . IN CONSIGLIO CI SARO’ FINO ALLA FINE E MI SENTIRANNO COME NON MAI. AUGURI NE ABBIAMO TUTTI BISOGNO

  18. Kinto ha detto:

    E’ cosi Del Corona,
    ma fintanto che in un partito ci saranno persone con la schiena dritta
    e con il doveroso spirito critico credo margini per andare “oltre” ci siano
    e siano anche salutari.
    se le critiche costruttivie ed anche quel senso
    di indignazione parte dall interno vuol dire che un partito,il suo,
    e’ ancora vivo e la malattia puo’ in qualche misura essere guarita
    Dunque apprezzo il suo spirito battagliero e di lucida critica.
    Quanto ai “due anni bianchi” ,dopo 8 gia’ trascorsi alla stessa stregua
    magari ce la possiamo ancora fare,
    a patto che si gettino le basi per l oltre da subito,
    e senza esitazioni come sembra stia facendo il segretario De Filicaia.
    Saluti

  19. henry w.brubaker ha detto:

    Spuntano semafori,cubi di cemento incredibili,centinaia di appartamenti in surplus rispetto alla domanda di mercato in luogo di supermercati alimentari.Prego i consiglieri comunali meno disattenti di fare attenzione allo studio unitario su Via Goito.Questa è la magica dimensione territoriale del “pilota automatico”.

  20. Dei semafori ci siamo accorti, su Via Goito non ho avuto tempo di approfondire , così non ho votato in commissione. Lo farò in Consiglio e mi sembra che ci siano molte criticità, da quello che sento dire. Concordo con Kinto per le parole dedicate a Wladimiro. E non mi sembra che il pd voglia staccare la spina, a naso. Nonostante i grilli per la testa di qualcuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: