” Forse non basta Genova, ma anche Capannori, e non e’ presente nemmeno un assessore livornese… Giocare così con le istituzioni non e’ decente.” ALLEANZA UFFICIALE IDV – PDL contro il Pd .

La Redazione 

Come umiliare le istituzioni e BUTTARE VIA I SOLDI DEI LIVORNESI con Commissioni buffonate. L’asse Amadio -Pdl – IDV insieme (caso unico in Italia!!!) contro il sindaco ed il Pd . Umiliando Livorno..

GLamberti         live commissione (quella con il consigliere IDV presidente SFIDUCIATO..)

Adesso, in commissione ci raccontano come lavorano sui rifiuti a Capannori! Con documenti annessi anche di Salerno.

Forse non basta Genova, ma anche Capannori, e non e’ presente nemmeno un assessore livornese… Giocare così con le istituzioni non e’ decente.

Che poi questa sala consiliare debba assistere anche a questi teatrini e’ deprimente davvero.

Ma credo che sia una questione assolutamente marginale, rispetto alle cose serie che la citta’ deve affrontare.

Una lezione da Capannori pero’ non me l’aspettavo, ma almeno il volenteroso assessore di Capannori ci ha spiegato dove si trova Salerno … accanto a Napoli, dice! Meno male , così anche i consiglieri livornesi apprendono qualcosa di utile….

Wladimiro Del Corona

Se serviva una tangibile testimonianza di una politica ridotta a strumento di qualunquismo e volgarità irrispettosa verso le istituzioni, tutto per la smania culturale ed elettorale di avere un pulpito da cui far la propria propaganda politica , di partito e pesonale, eccoci serviti. Ovviamnete dico questo nella piena consapevolezza di tanti limiti ed errori che abbiamo fatto e stiamo facendo, pure noi del PD, certo altra cosa da chi cerca di evangilizzare i livornesi sul tumore rappresentato dal pd , ma questo credo sarà oggetto di riflessione e nonostante tutto di delusione per i fanatici del tema. Detto questo e tornando alla serietà di qualcosa di utile, il piano interprovinciale dei rifiuti, con tutti i risvolti impliciti,  dovrà essere discusso nel merito in commissione con la presenza dei 2 assessori Nista e Grassi . Dare la giusta dimensione e la sede giusta  senza dar campo a terrorismo psicologico ambientale di matrice leghista e non solo.Non potranno esserci inciuci caro Tamburini, per i quali si stana lo sfiduciato Romano per uno strapuntino al PDL. Non è serio.Mi rendo perfettamente conto che nel caos sociale ed  economico , nel disordine totale come siamo in questa fase storica, con le nubi enormi che ancora sono sul futuro della città , come  su l’Italia , ( qui le analisi di S.J purtroppo hanno del vero nonostante io non sia  un professionista in materia) è il qualunquismo e il populismo a dilagare, la storia si ripete sempre. da qui l’auspicio che si possa avere un sussulto di responsabilità politca  e di governo per fare cose utile nel periodo di legislatura che resta. Ho la sensazione  che ci si possa riuscire anche se nel PD ci sono ancora i fautori di una possibile alleanza con IdV ai vari livelli, che non vogliono chiudere la porta ma lasciarla aperta per tornaconti uffcialmente indecifrabili  ma forse con qualche sforzo in più ci si può arrivare a capire certe depravazioni della politica e del potere.

caro yari facciamo presto e bene perchè tempo ne abbiamo davvero poco e il 7 maggio ne avremo la conferma. Un saluto.

Annunci

10 Responses to ” Forse non basta Genova, ma anche Capannori, e non e’ presente nemmeno un assessore livornese… Giocare così con le istituzioni non e’ decente.” ALLEANZA UFFICIALE IDV – PDL contro il Pd .

  1. Alessandro Latorraca ha detto:

    Non sappiamo più come raddrizzare la barra caro Gianfranco. Un pò di tempo fa lo scrissi su questo blog: minare le istituzioni, la loro crediilità non è un caso è un programma, un progetto.
    Levare il respiro alla democrazia. pensare di essere superiori alle istituzioni democratiche stesse. Ecco perchè la foto è azzecatissima e poi non così improbaile.
    Il problema è sempre il solito, la matrice clturale di provenienza che comunque è la stessa.

  2. radici culturali, appunto Alessandro. Lo dicevo a Lamberto Giannini, a margine. Le sue dimissioni dalla presidenza della commissione, avendo lui stesso avvertito un disagio politico, sono state esemplari e corrette. Naturalmente andranno approfondite da chi di dovere e con il massimo rispetto. Lamberto è un bel personaggio, da apprezzare sinceramente, al di là di opinioni che possono a volte ( poche ) divergere. Buttarla invece in caciara e farsi appoggiare dal pdl di Amadio e Tamburini, rappresenta un modo diverso di affrontare le questioni politiche, che lascia il tempo che trova per la irrilevanza oggettiva della questione, come diceva giustamente Yari. Ma ci fanno perdere tempo in tattichette, piuttosto che discutere , con il contributo di tutti, sulle cose che contano.
    Un esempio è la gestione della commissione sanità. Una buona pratica da consolidare, senza rassegnarsi a derive di questo tipo. La barra è quella, cose concrete e serie, niente gabbie precostituite, confronto con tutti per arrivare ad una sintesi condivisa e positiva. Non credo i ci serva l’esempio di Capannori, con tutto il rispetto, per questo. Qualcosa di buono la sappiamo fare anche a Livorno e da un bel po’ di tempo.

  3. GHINO DI TACCO ha detto:

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso è un antico proverbio.
    Il significato mira ad ammonire colui che ha prodotto la causa del proprio danno: costui dovrà prendersela esclusivamente con se stesso, e non addossare la responsabilità ad altri
    SE VOLETE VE LO DICO IN INGLESE
    “As you make your bed, so you must lie in it
    OPURE VE LO DICO IN TEDESCO:
    “Wer der Grund seines Unglücks ist, beweine sich selbst
    OPPURE IN FRANCESE:
    Qui est la cause de son cri malade lui-même
    E PERCHE’ NO….ANCHE IN CINESE:
    誰是他生病的哭自己的事業
    Però cari Compagni la sostanza non cambia, vi ricordate quando siete andati al Mugello con DiPietro?
    Chi aveva sposato la linea di quel Celerotto?
    Non vi eravate accorti che non ci azzeccava niente con le tradizioni socialiste e riformiste di una moderna sinistra – centro, ITALIANA?

  4. Mario ha detto:

    Indecenze personali del solito ridicolo personaggio,ed indecorosi ed organici inciuci tra IdV e Pdl, a questo siamo ridotti.Le parole dei due consiglieri Pd, e del Dott.Lamberti sono chiare circa lo stato attuale della politica e cosa pubblica.Altro che mani nei capelli.Da Capannori …

  5. Wladimiro è lineare e Ghino mostra conoscenze cinesi che non immaginavamo, ma sono efficaci. Le alleanze a prescindere non funzionano ed il voto al senato di oggi, da capire meglio, che vede lega, idv e pdl … tutto da capire.
    mentre ottima l’iniziativa di Bruno Picchi per la concordia, ecco un modo per occuparsi di cose serie nel modo giusto con i soggetti giusti, altro che teatrini.

  6. Conte di Montecristo ha detto:

    Ghino lo sottoscrivo , Del Corona come Latorraca idem.

    Picchi si è dato da fare , ha fatto più lui in tre giorni che tutti i vicesindaco che si sono alternati dal 2004 ad oggi.
    Già…..

    poi , capito ormai che l’amico Tamburini ha preso altre strade , qualcuno spieghi a Capuozzo che è un consigliere dell’udc.
    Livorno rimane sempre e cmq unica .. Solo qui il PDL poteva allearsi con l’IDV …

  7. henry w.brubaker ha detto:

    Complimenti Ghino.Oggi puoi festeggiare.Picchi,dopo avere atteso che Cosimi facesse le sue esaustive comunicazioni al Consiglio Comunale, ha tirato giu’ la lista delle imprese (l’hombre del partido era a Bruxelles) titolate a “riparare” il Titanic.Siamo ormai a un tiro di schioppo dal traguardo.Determinante l’apporto bipartisan di Kutufà,dello stesso Picchi,Corsinovi e un rinvigorito Taradash.Per non parlare dello Stato Maggiore di Cna e Confindustria.Altro che Capannori.(strategia rifiuti zero)

    ps:ma la Commissione escatologica di Rosi ?

  8. henry w.brubaker ha detto:

    Del Corona ,riflettere sulla voragine di Aamps non è populismo.Qui purtroppo non è possibile perchè al dunque gli amministratori scappano. Te lo sei chiesto che cosa ha generato 46 milioni di debiti?Credo che un soggiorno a Capannori avrebbe fatto bene a tutti.Amen

  9. St. John ha detto:

    >Te lo sei chiesto che cosa ha generato 46 milioni di debiti?

    che domande, è stato il populismo ;-). Deve essere per quello che il comune di Napoli, un attimo più grande di quello di Livorno, ha aderito al progetto rifiuti zero di Capannori. Come si vede sulla home di

    http://www.rifiutizerocapannori.it/

    se proprio anche De Magistris si becca l’etichetta di populista (certo se il riformista era Bassolino..) a Livorno si potrebbe magari prestare ascolto al fatto che da San Francisco, dove abitano solo milioni di convinti populisti che inseguono chimere, hanno chiesto di collaborare con Capannori. Ma già, come leggo, un paesetto non può essere uguale a Liv..pardon, San Francisco :-)
    E’ evidente che la pochezza delle opposizioni livornesi, Idv compresa, porta anche persone intelligenti a liquidare temi e questioni con qualche battuta. Il sano riformismo livornese potrebbe però fermarsi a riflettere sull’importanza della strategia dei rifiuti zero nel concreto rilancio di un modello di sviluppo. Ma quando si pensa a chi ha già messo idealmente a bilancio la terza linea del termovalorizzatore, vai tranquillo, chi ha idee differenti viene sicuramente etichettato come un populista. Altro che Andrea Romano dell’Idv, neanche fosse Stiglitz, premio nobel per l’economia, che ieri ha diplomaticamente spiegato a Monti che il suo mitico “rigore più crescita” non va da nessuna parte.
    Spero che tu abbia ragione sulla vicenda Concordia. E che parta davvero qualcosa di concreto, che dia prospettiva alle riparazioni. Partendo dal materiale chissà, con una iniezione di fiducia, che anche a Livorno si capisca quanta ricchezza porta l’immateriale.

    ps. leggo della richiesta di arresto nei confronti di Lusi. Tra i capi di imputazione c’è il reato associativo. Questione non da poco.

  10. beh, a Capannori ci vada chi vuole, con tutto il rispetto. Tuttavia abbiamo fatto una campagna elettorale citando Salerno e la sua politica dei rifiuti, che magari sapevamo esistesse a prescindere dall’assessore di Capannori e tanti allora si sono nascosti sotto l’ombrello del PD e di Cosimi. Ora che quell’ombrello fa un po’ acqua, in qualche aspetto e non sembra garantire la protezione necessaria, sono tutti a scoprire Capannori, ma via, fateci il piacere direbbe Totò. Non si può stare sul pulpito, a giorni alterni. Parlo dei demagoghi de noartri. Quanto al riformismo ed alle responsabilità di governo, che richiedono una ovvia coerenza sul piano locale e regionale, troppo comodo stare con un piede fuori ed un piede dentro e far finta di scoprire a Capannori quello che intende fare la regione. A me va bene tutto, ma le prese in giro no. Certo i nostri amici del blog leggono quello che stampano e forse sono tratti in inganno, ma consiglierei loro un più realistico approccio a quello che passa il convento ( almeno in Consiglio ) a Livorno. Altro che Stiglitz, Italiani Europei e simili dimensioni, qui siamo davvero lontani. Sulle riparazioni, poi, si sono accorti tutti, anche quelli che stavano comodi comodi senza se e senza ma sotto l’ombrello per gli strapuntini, che esistevano, dopo averle dimenticate per anni. Un motivo per cui è difficile sostenere i piccoli demagoghi degli strapuntini. Fidatevi, si va poco lontano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: