Concordia o non Concordia ‘la terza gamba’ della Porta a Mare ci sarà o no ? E.. 28 aprile 2002 .. Igor .. Forza Livorno !

La Redazione

Treviso 10 anni fa … Igor .. la promozione in serie B … Era un’altra Livorno , era un altro magico Livorno ..

GLamberti

Mi incuriosiva la tua banalizzazione di demagoghi nostrani(a StJohn), personaggi assai modesti, abili solo nelle provocazioni. Forse hai ragione tu, non meritano considerazione.Quanto alle riparazioni sono completamente d’accordo, ma lo ero quando ho firmato gli atti costituenti la porta a mare, poi quando ci ho fatto una campagna elettorale ed anche adesso che ci ha pensato Schettino.Io non mi appassiono più da tempo ai teatrini di una politica da strapuntini, ma non riesco a buttarmi dietro le spalle le questioni che contano davvero per il nostro futuro e sulle quali possiamo fare qualcosa di utile. Abbiamo diverse percezioni del pericolo,  Napolitano è per me un grande presidente, ma sottolineo quello dei chiacchieroni da telepromozione , mi sembrano i più pericolosi in una situazione fragile come la nostra livornese. Potrei iniziare un elenco, ma non ne vale la pena, hai ragione. La linea che abbiamo molto modestamente condiviso, sulla porta a mare, forse farà concludere qualcosa…

Ludom

Che Bruno Picchi sia un uomo serio è fuor di dubbio. Che significhi realmente qualcosa la sua “ascesa”, a parte il riconoscimento alla persona di cui mi compiaccio, ne dubito fortemente. Ma lasciamo stare e per ora seguiamo il consiglio di Mario. Mi preoccupa invece l’intervento di Enrico Pedini. Un paragone con Paci sarebbe difficile da sostenere per molti. Altre esperienze, estrazioni, frequentazioni, altri contesti ideologici magari discutibili ma che offrivano agli autodidatti alcuni punti fermi su cui costruire. Oggi è tutto più difficile ed è di autodidatti che comunque parliamo. Anche Pedini però, a me, risulta essere una persona seria. Forse nel sindacato c’è un po’ invecchiato, anche perché non è mai “stato al pezzo” meno di dieci ore il giorno e per quel che ne so, non è certo un venduto. Ed è per questo che mi preoccupano le sue affermazioni. Ma come si fa, pur nella convinzione dell’indisponibilità del bacino, a non far proprio il problema del comparto delle riparazioni? Non voglio pensare che l’articolo sia totalmente fedele all’originale ma anche solo non assicurarsi che il giornalista non condisca la tua posizione  con accenti di irrisione verso una realtà produttiva come le riparazioni, mi è parso grave e sintomatico. Sarà che l’ho letto di corsa ma io ce l’ho sentita. Quantomeno un errore di comunicazione grave. Ma gli altri sindacati non si esprimono o non li ho visti io?  Ho anche sbirciato che Rossi per ora pensa ad una banchina. Non so, vediamo. Secondo me rimane giusta la “linea” che dette la Redazione qualche giorno fa. Concordia o non Concordia, il tema ora è posto, è all’ordine del giorno. Cosa si fa delle riparazioni nel porto di Livorno? Ecco un tema su cui Picchi potrebbe dimostrare che un vicesindaco può anche contare.

Annunci

6 Responses to Concordia o non Concordia ‘la terza gamba’ della Porta a Mare ci sarà o no ? E.. 28 aprile 2002 .. Igor .. Forza Livorno !

  1. La linea della mozione presentata qualche giorno fa mi sembra più attuale che mai. Per evitare giochi inutili sulla pelle della città e metterci in grado di cogliere al meglio una opportunità, come dice Fulvi sulla Nazione di oggi.
    Ora il ruolo di chi guida la AP diventa cruciale, se non sono qui solo a passare le ferie. Ci dimostrino cosa è possibile, come e per quanto tempo. La politica ha il suo ruolo, ma con le affermazioni di principio si va poco lontano. Ci vogliono atti e documentati. Altrimenti ci mettiamo tutti in fila con le bandierine delle bande musicali. La lezione di Paci è quella di una persona seria e responsabile, di pochissime chiacchiere ed assolutamente lontano dagli spot ad effetto del demagogo di turno, direbbe Napolitano. Una citazione non a caso, quella di Picchi, un motivo in più per apprezzarlo. Condivido Ludom, naturalmente.

  2. Conte di Montecristo ha detto:

    Ludom, tu sapessi che ridere da parte mia vedere i fans dell’ultimo momento del sindaco del nuovo stile di governo , ( i Presidenti di Circoscrizione ) lasciati senza stipendio dal sindaco e dal direttore generale del Comune .

    Che per se stesso il DG s’è premiato per anni da solo , vigili , comandante dei vigili e dirigenti comunali compresi ma che se c’è stato bisogno di tagliare …ZAC …agli altri è sempre meglio …

    Il ‘Caro Matteo..’ con il quale epitaffia il fan a nome di tutti/e i pres di Circoscrizione è una perla .

    perchè sia chiaro , poteva realmente gestirla in maniera opposta .

    Effetti collaterali del dolce stil nuovo .

  3. henry w.brubaker ha detto:

    Vorrei sapere dal riparatore Massimo (se ci legge) o da chi ha competenze al riguardo cosa ne pensa delle seguenti affermazioni di Cosimi:

    a)Ho visto il piano (quale e presentato a chi?)e posso assicurare che il relitto in bacino ci resterà solo 12 mesi.

    b)In fondo,si tratta di segmentare la chiglia.Nulla di piu’.

    c)Garantiremo tutti.Siamo affezionati al Progetto Porta a Mare (che lui e Rossi si accingono a cambiare).

    Grazie.

  4. GHINO DI TACCO ha detto:

    Non facciamo le vergini nel …………..
    Caro, Ludom qui non si tratta di onesti o disonesti, io da buon garantista credo ai tre gradi di giudizio,SEMPRE anche prima di accusare qualcuno di………, a differenza di una politica giustizialista quando tocca l’avversario.
    Ma forse non ci vogliamo dire delle scomode verità:
    In questa citta (più di altre o come le altre? non so), TUTTI HANNO UNA VERANDA DA CONDONARE.
    Mitica frase di un caro amico che vuol significare che tutti hanno bisogno del POTERE PER UN FAVORE (amministrativo, politico, sindacale, associativo, imprenditoriale……e così via persino per iscrivere un bambino all’asilo)
    Se questo potere viene esercitato in modo discrezionale è certamente poco corretto ma non sempre è reato.
    Quello che emerge nelle vicende livornesi, cominciando da Rossignolo, e come la “politica”(partiti, sindacati, associazioni….) ha sostenuto questa BUFALA, non ti fa’ un poco pensare?
    Non posso dimenticare le dichiarazioni pompose di almeno tre anni passati (fatte da personaggi di primissimo piano), che fossero tutti sprovveduti?, corrotti o disonestì?
    Io ho una mia opinione UOMINI INSUFFICENTI COLOCATI IN POSTI di “potere” e che possono con le proprie scelte danneggiare un’intera comunità.
    Quali argomenti di carattere tecnico o di carattere economico produttivo, hanno espresso li Strazzulli o i Pedini, per definire pericolose le riparazioni in relazione ad un cantiere di IMBARCAZIONI DA DIPORTO, solo bla..bla.bla..
    Una città in ginocchio che non riesce più ad esprimere niente se non difendere ognuno il suo orticello:
    Il Sindacato difende le tessere che assicura Benetti, (e qualche figlio da sistemare);
    I Politici, brancolano nel buio dando un colpo al cerchio e uno alla botte(sperando anchessi in qualche favore);
    Le Associazioni datoriali fanno l’equilibristi sul burrone della crisi sperando di meritarsi qualche appalto;
    Allora ben vengano le posizioni di Rossi, che ha gettato il sasso nello stagno, infatti da qualche giorno a Livorno si parla di qualcosa di concreto e non le cretinate degli ultimi mesi passati.
    INTANTO IL MINISTRO CORRADO CLINI INTERVISTATO DA RAI UNO, AUSPICA CHE LA NAVE VENGA A LIVORNO POICHE E’ IL POSTO PIU’ VICINO “E IL PIU’ ATTREZZATO” (glielo dite voi a Strazzullo e a Pedini :-)))))

  5. visto che il problema di sempre è non solo cosa, ma come e quando, una classe dirigente locale, regionale e nazionale ha il preciso dovere di analizzare e decidere come, cosa e quando.
    La logica del cuore oltre l’ostacolo porta poco lontano. Ne converrà Ghino. Anche perché ci vorrebbe il cuore e su molti ho qualche dubbio. Allora, visto che la questione esiste e l’abbiamo incardinata in questo modo, anche nella nostra mozione, non ci resta che aspettare che chi è pagato per definire cosa, come e quando lo faccia. Gli altri lasciano il tempo che trovano. Chiacchiere e distintivo. L’AP ci presenti un piano credibile, prima possibile e ci faccia capire cosa fa in merito. Questo è il punto. E verificheremo insieme a tutti i nostri compagni di battaglia, con cui parlavamo di riparazioni, quando sembravano finite nelle nuvole e quando si provava la suv di Rossignolo.
    A ciascuno il suo e guardando al futuro, come sempre. Altro che cerchiobottismo e battaglie per gli strapuntini di qualche piccolo demagogo finito in un angolo o di una destra fascista e postfascista , che, per fortuna, non contano assolutamente nulla da queste parti.

  6. Ludom ha detto:

    Ghino, non sto nemmeno a rileggere cosa ho scritto, ma se ho dato l’impressione di parlare a te, chiedo scusa. L’aria che spira dietro i tuoi interventi mi sembra provenire da un pezzo di sinistra che sul piano del garantismo, a me e ai miei compagnucci, non ha che da insegnare…….per esempio per il grosso delle liti o dei reati, a me, tre gradi sembrano un po’ troppini ;-)
    Spesso credo di assumere toni moderati solo perché la mia anima in realtà è un po’ più giacobina. Il Conte devo averlo scoperto e non fa che provocarmi…ari ;-)
    Dici insufficienti? Il problema è proprio lì! Il problema nostro, il problema più evidente della sinistra livornese che diventa, per peso acquisito, il problema della città è proprio questo: non essere riusciti a crescere uomini all’altezza. Forse a ispirarmi nel mio intervento è stata però la convinzione, forse errata ma profonda, che qui (ma anche “a Roma”) fra il personale sindacale e il personale politico, c’è comunque un abisso. Non ho mai fatto sindacato, non ho obblighi di difesa ma questa differenza, che a me sembra un dato di fatto, voglio sottolinearla perché credo che qualcosa dovrebbe insegnarci.
    Quanto al bacino, per quel che capisco, da innamorato profano, il problema non credo siano le riparazioni ma il carenaggio. A me “mi” piange il cuore perché, come t’ho detto, il carenaggio è un pezzo della mia vita….e poi, parlavamo di Mario, ma quanto ci s’è lavorato per averlo?!?!?
    Credo che Benetti lo voglia per sé. Fatti salvi gli obblighi che si era assunto e di cui deve rispondere, il problema della riparazioni forse va risolto altrove e qui ha ragione il “padrone di casa” chi è pagato per rispondere, lo faccia! Otto anni buttati via!
    Teniamoci “in rete” e mandiamoli via!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: