” OLTRE “

La Redazione

Oltre

Annunci

7 Responses to ” OLTRE “

  1. Kinto ha detto:

    La redazione come al solito,
    si supera per titoli e foto di accompagnamento.
    Quell’Oltre come anche altri scrivono sembra
    davvero una scala
    che gradino dopo gradino,
    magari in salita ,magari anche no
    riuscira’ a dare nuovamente a Livorno i giusti orizzonti.
    De Filicaia pare abbia dato un impostazione molto concreta e molto seria,partendo dai programmi
    e da un analisi lucida dell attuale condizione di Livorno.
    ed il fatto che nel linguaggio e nei contenuti disti anni luce dai finti predestinati della casta,
    che uno dopo l altro cadono o sono gia’ caduti
    e’ un elemento di grande consenso.diffuso direi.
    altro che saponette.
    Insomma c’e’ di che avere curiosità politica,
    ed aver spinto affinche’ si “licenziassero” ex alleati populisti e leghisti
    e’ stata un azione di lungimiranza e solidità che vuole essere nelle fondamenta di un progetto politico.
    basta leggere i sondaggi anche su scala nazionale
    per capire dove le convergenze sono salutari
    e dove giovano solo ad opposizioni di coalizione.
    Assunzioni di responsabilità,messaggi chiari e quando sara’ il momento di leggere i numeri elettorali
    almeno saranno certi
    di non aver venduto fumo o promesso niente di diverso da quello che faranno.
    Saluti

  2. Ottima immagine della redazione, mentre in conferenza dei capigruppo continuiamo a chiedere la documentazione completa della ispezione ministeriale, di cui ad oggi, pur avendola richiesta, non abbiamo un foglio. Comunque il prossimo consiglio partirà con questo argomento all’odg, e non vedo come si possa aggirare la richiesta si massima trasparenza, con gli atti forniti tempestivamente . Enrico Bianchi se ne e’ fatto garante ed e’ una persona seria. Vedremo presto.

  3. Ciano ha detto:

    a questo punto però, a seguito di tali e desolanti risultati, sarebbe ora di avere il coraggio di mettere in discussione certi dirigenti comunali e anche certi assessori, che sulle seggiole ci stanno da parecchi anni, non dimostrando certo particolari doti, se non la tessera giusta..
    in centro si assiste al triste spettacolo dei negozi chius, del degrado che fa posto alle serrande abbassate, della diminuzione di residenti e cittadine che animano vie e piazze. il contrario di quel che accade a pisa, dove si è riqualificayo c italia, pedonalizzata p vittorio e dove i cittadini e gli studenti danno un’immagine fresca e viva della città. da noi le solite chiacchere, il solito immobilismo, via assurdamente chiuse(come via fiume)assurdamente a senso unico e senza mezzi pubblici(come v s giovannio e gli scali) e piazze ridotte a luogo di degrado, come il voltone, p grande, etc etc.
    le opposizioni, almeno loro, devono battere un colpo!

  4. henry w.brubaker ha detto:

    La data,de Filicaia,la data…

  5. St. John ha detto:

    >La data,de Filicaia,la data…

    oddio, anche i contenuti non sarebbe una brutta idea :)
    Perchè se sono quelli che si è capito, a prescindere dalle formule,
    siamo alla strategia per far deragliare definitivamente Livorno. In
    nome delle cose concrete, del lavoro e al di fuori delle ideologie, ci mancherebbe. Comunque vediamo, se ci sono le condizioni non escludo di fare una cosina pubblica di analisi su cotanta manifestazione di sapienza. Il modo, se mi gira, lo trovo. Voglio dire, ha parlato quella sorta di Harry Potter senza occhiali, che ho capito essere il responsabile dell’organizzazione, che ha tutta l’aria di poter seguire anche Ceausescu risorto se necessario alla carriera :)..parla quel ragazzone, De Filicaia che fa discorsi tipici da chi prima di tutto è stato sollevato dal destino di lavoro manuale cui sembrava indirizzato (lo capisco perchè ho cominciato come operaio e quindi ha tutta la mia comprensione)..posso fare una cosina anche io. Se la faccio invito tutti a sentire con orecchio la differenza tra la torta e la politica..perchè in politica si possono dire cose giuste o sbagliate, visionarie o pragmatiche..ma non è la torta, appunto..
    Poi va bene a giugno farà caldo, ma tutta quella torta messa assieme nello stesso convegno darà un colpo letale ai poveri Sighieri e Gagarin :))))

  6. Nello scenario del nulla di tanti della politica livornese io non mi sento di banalizzare il messaggio politico che cercano di dare, con coraggio, i due giovani dirigenti del pd. Che cercano di dare un senso ad ua fase che sosta annodando dietro i concorsi di idee sulla Ceschina e la difesa di qualche strapuntino e qualche comitato di tutela di abusi edilizi con promesse , vere o presunte, di sanatorie. Il fatto di uscire da questa melassa e di cercare di uscire allo scoperto e’ già un passo avanti notevole. Poi ci saranno quelli che ne sanno di più e vedremo cosa diranno e faranno. Benvenuti anche loro. Basta evitare analisi lombrosiane da sinistra, questa poi… Altro che torta.

  7. St. John ha detto:

    >evitare analisi lombrosiane da sinistra

    ci mancherebbe :) lombrosiano sarebbe dire “tutti gli harry potter senza occhiali sono come questo del pd livornese” oppure “tutti i ragazzoni scampati al destino di lavoro manuale sono come il segretario del pd livornese “(invece tra gli scampati siamo in molti ad essere differenti e molto creativi, vivaddio). Qui il discorso è diverso: un partito ci sono figure giovanili della rinascita e figure giovanili del declino. Quelle viste in via Donnini sono figure giovanili del declino.
    Credo ci sarà modo di parlarne in termini parecchio più approfonditi. Che Livorno possa sopravvivere, soprattutto alle prossime crisi, separando il proprio destino dal declino del Pd è un dato di fatto. E la gente lo ha capito benissimo, tanti ex ancora meglio.
    La cittadella della politica livornese ha invece le proprie regole rigorosamente autoreferenziali. Ma ha anche tante caratteristiche tipiche di un potere destinato a cedere.

    ps. sui giovani del Pd livornese insomma :) qualche settimana fa, mentre tornavo in treno a Livorno passando da una linea interna toscana, sono finito vicino di posto a un gruppo di signori che discuteva animatamente. Stavano discutendo di come rifare gli organigrammi del pd del loro (presumo) paesino. Così “i’segretario ci vole giovane”, “un assessore la ci vole giovane e donna” etc..
    E non avevano affatto l’aria e le parole di chi, facendo le nomime, cede di colpo il potere reale. Quando si dice che Livorno è regredita a paese, certi esempi tornano utili :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: