AAMPS NEL DRAMMA E BETTINI VA IN GUERRA PURE CONTRO L’ATL . L’ODEON È UFFICIALMENTE IL PIÙ COSTOSO (per ora) FALLIMENTO COI SOLDI DEI LIVORNESI .

 

 

La Redazione

 Spil , Odeon e AAMPS….Basket Livorno , Livorno Sport etc etc etc ……

 ‘AZIENDE PARTECIPATE E PERDENTI’

La Spil, società partecipata del Comune che detiene il 61 per cento delle quote, non riesce a liberarsi di un parcheggio che è costato la cifra record di 20 milioni di euro. Un prezzo assolutamente fuori mercato. Un’operazione sbagliata, avventata e forzata e a dimostrarlo ci sono i tre quarti dei box privati che risultano essere ancora invenduti e, soprattutto, il parcheggio pubblico a rotazione che, seppur pronto dall’agosto scorso, è sempre chiuso. Nessuno vuole comprarlo e, a quanto pare, nessuno vuole prenderlo in gestione perché ritenuto un investimento troppo oneroso. L’assessore alla mobilità aveva buttato lì l’idea di affidarlo ad Atl (il Comune è il socio di maggioranza) , ma la proposta è tramontata nel giro di poche ore. L’azienda di trasporto non ha infatti le risorse per lanciarsi in una simile avventura. E si sapeva benissimo. Non a caso, pochi mesi fa, l’Atl ha perso la gestione di tutti i parcheggi cittadini: la sua offerta economica è risultata inferiore a quella della Copisa e così addio servizio. Nel frattempo i conti di Aamps (controllata al 100% dal Comune) sono sempre più rossi: per far fronte alla mancanza di liquidità e per traghettare l’azienda nel gestore unico, l’amministrazione comunale si è impegnata ad anticipare 2 milioni di euro . Ma per risanare e riorganizzare l’azienda il sindaco è stato costretto a rivolgersi ad Angelo Rosi, il rianimatore delle aziende in crisi. Va bene che l’importante è partecipare, ma il Comune dovrebbe cercare anche di vincere. Almeno qualche volta.  Alessandro Guarducci tirreno

Annunci

6 Responses to AAMPS NEL DRAMMA E BETTINI VA IN GUERRA PURE CONTRO L’ATL . L’ODEON È UFFICIALMENTE IL PIÙ COSTOSO (per ora) FALLIMENTO COI SOLDI DEI LIVORNESI .

  1. Nel prossimo consiglio ne parleremo, il primo argomento all’odg. Nel frattempo spero che la commissione di Fenzi, quella sulla sanità , si metta alacremente al lavoro, così come quelle coinvolte sulle questioni del commercio. Oggi la conferenza dei capigruppo ha definito una agenda di lavoro ragionevole . Non e’ rimasta imbrigliata nelle contrapposizioni interne alla maggioranza e neppure nelle inutili provocazioni di qualche terzino. Rientrando a casa mi ha fermato un vecchio amico che mi invitava a contribuireo a dare un po’ di concretezza ad una politica persa dietro vicende sconclusionate. Suo figlio ha un esercizio commerciale nel centro storico,, le stesse cose che dice Cesare Trucchia da giorni. Un modo per ricominciare a vincere, un problema che pone giustamente Guarducci, anche se non vorrei stesse pensando anche alla squadra del cuore… In una giornata di 0-3 in casa.

  2. St.John ha detto:

    Cari signori,

    E’ riemersa purtroppo la vicenda dei bidoni. Non mi riferisco a quella degli undici fusti, ma solo nel senso di bidoni, che temporaneamente vestono la maglia amaranto (che pure meriterebbe una riflessione slegata dall’aspetto puramente sportivo). E’ proprio questa storia dei bidoni tossici che bussa ostinatamente alla nostra porta. Non ve la meno piu’ di tanto, visto Livorno e’ capitale degli orecchi da mercante, sul fatto che abbiamo un sindaco che sostanzialmente e’ legibus solutus. Per cui che si tratti di bidoni, di Rossignolo, di Aamps, di Odeon, di basket etc. arrivera’ alla fine naturale del mandato. Qui ci vogliono garanzie sul percorso di recupero, sulla veridicita’ e consultabilita’ degli atti e anche sui provvedimenti. Cosi’ lunare pensare che qualcuno chieda provvedimenti (diveti e informazioni) a tutela della salute pubblica? Oppure, e meglio, se tutto e’ sotto controllo e’ cosi’ marziano dimostrare il perche’? Capisco che e’ un po’ piu’ difficile che farsi fotografare sotto il comune mentre si spala la neve gia’ spalata :) ma non formalizziamoci.

  3. Kinto ha detto:

    Ed infatti di fronte a tali gravita’ trovo assurdo
    quasi demenziale non affrontare seriamente questi disatri diffusi a 360°
    cercando di buttare ogni cosa
    in una bieca polemica del io sto in maggioranza te all opposizione
    e simili menate.
    I tempi sono molto problematici e non c e’ spazio
    per le isterie di questo o quello.
    Ci vuole serietà ed informazione
    su molte questioni urgenti,
    AAMPS Odeon
    sanità
    rifiuti Rigassificatore
    piano di mobilita’
    etc. etc.
    informazione dettagliata ai cittadini
    che nn puo’ che passare dal Consiglio comunale e da cosimi.
    Come la ridicola polemica del consiglio comunale aperto,
    amenità tra le amenità.
    Si facciano non una
    ma 100 commissioni tematiche aperte alla citta’
    e le istanze proposte e processate
    vengano dai consiglieri eletti discusse
    in Consiglio.
    Caro St John fin quando a Livorno si continuera’ ad arte a fare polemica di pseudo appartenenza politica
    volta solo a far passare il tempo sino al 2014
    tenendo il sedere sulle poltroncine
    si puo’ solo sperare che i problemi si risolvano da soli,
    cosa che quasi mai avviene a meno che non si parli di piccoli raffreddori.
    Livorno non puo’ resistere a questo andazzo per altri 2 anni.
    Saluti

  4. Ciano ha detto:

    Chi ha paura del confronto libero con i cittadini? Del dibattito libero e non filtrato, del conto delle cose fatte e delle incompiute?

  5. Caro St. John , avevo chiesto una commissione speciale che seguisse la vicenda dei bidoni tossici, ma poi ho capito che sarebbe rimasta nelle secche di una politichetta da due soldi, che magari si strappa i capelli per due posi auto in via grande e lascia perdere i bidoni tossici per qualche terzino riottoso.
    Una città che non ne può più di queste storie, che oscilla tra una rassegnata e fatalistica depressione, ed un movimentismo generoso ed incapace di incidere sui problemi veri in campo. Ho letto sul Tirreno di un comitato perfino per il parco giochi alla Ceschina. Naturalmente xi sono movimenti e movimenti. Per fortuna stanno finendo quelli , prodotti in serie contro questo o quello, all’insegna dell’antiberlusconismo . Una stagione che e’ servita per qualche strapuntino, ma ormai in crisi, per fortuna, per mancanza dela materia prima. Ed allora si dovrebbe ragionare di come monitorare i bidoni e recuperarli, piuttosto che di come mantenere uno strapuntino. Dice bene St. John. E come dice Kinto in modo lineare.
    Quando poi scopriamo che di aamps e delle sue gestioni pseudo manageriali, rimangono sorpresi segretari della maggioranza, che prendono in giro il sindaco per questo, ma si ergono a difensori di lavoratori ( e chi non lo e’ ? ) , non ci si capisce più nulla.
    Ovvero si capisce tutto, che e’ cambiato tutto e qualcuno non se ne e’ ancora accorto e perde tempo secondo vecchi schemi ormai inutilizzabili. I bidoni di cui si occupano sono altri, ed a quelli montano la guardia
    Quanto al confronto aperto e con tutti, cisiamo chiamati proprio confronto, per chiedere proprio questo. Ciano sfonda una porta aperta

  6. GhinoDiTacco ha detto:

    Ma statevene a casa ca****…..
    Come al solito Livorno escluso dai tavoli tecnici per l’emergenza “bidoni”
    Forse il governo Monti (non Berlusconi) non vogliono moltiplicare i “bidoni” vista la capacita’ del Sindaco Cosimi di “creare bidoni ad arte”, di cui ormai se ne parla anche a Roma
    e allora la capitaneria ha risposto……
    ma statevene a casa c****!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: