VANEGGIAMENTI DI ROMANO ED ANTROPOLOGIA POLITICA A LIVORNO

Per chi lo avesse perso, suggerisco la lettura di un bel libro di Lynda Dematteo, edito da Feltrinelli e prefatto da Gad Lerner.  ”  antropologia della lega nord”.  L’autrice, che è antropologa, appunto, ed insegna a Parigi, studia il successo di Bossi, attraverso il suo linguaggio, a dir poco intemperante. Lo cataloga, quel linguaggio, come un marchio di fabbrica, in grado di mobilitare contro Roma Ladrona e con gli emigranti, oppure contro la bandiera italiana ed i meridionali. Un linguaggio greve e volgare, ma efficace, che ricorda la tradizione del buffone medievale, aggiornato alla politica spettacolo dei giorni nostri.

E Gad Lerner chiosa, che è evidente che Bossi non è un “idiota” medievale, secondo l’immagine dell’autrice, ma fa l’idiota , che è cosa ben diversa. Ed in quella compagnia cantante ha svolto e svolge il suo ruolo anche Borghezio, il cui rivendicato razzismo da me rievocato in Consiglio Comunale ricordando la sua visita in città, non vedo chi debba  turbare.

Questo lo dico, dopo aver letto le parole vaneggianti , come dice Gulì,  di Andrea Romano e riportate sul Tirreno, contro tutti o quasi tutti, a partire dal sottoscritto.  Insomma Livorno, dopo le tante disgrazie ed i mille problemi da risolvere per risalire la china, deve subire anche questo teatrino volgare e sconsclusionato. Non se lo merita proprio e credo che sarà difficile far finta di niente, per chi gioca in quella squadra e parte da radici culturali ben diverse. non è un problema mio, ma il problema è evidente ed assai pesante. Come la volgarità delle parole rivolte ai commercianti livornesi, quello sì è un problema di tutti e ci ritorneremo. Eccome.

A me interessa adesso sottolineare, a proposito di radici culturali, che sbaglierebbe di grosso chi scambiasse parole violente e volgari come una gaffe, da liquidare con una battuta. La Commedia dell’Arte di Bossi e dei suoi epigoni rappresenta un passaggio chiave per comprendere le modificazioni della identità collettiva del paese, una cosa seria come ci dicono Lerner e la Dematteo. Che poi , in una città come Livorno, questa roba possa attecchire non credo proprio. Un pò di orgoglio ci vorrebbe. E visto che ognuno deve andare orgoglioso delle sue radici, ci mancherebbe, le mie vengono dalla cultura e dalla terra di Giorgio e Pietro Amendola e di Napolitano.  Non a caso, a Livorno, trovai nella stanza del segretario del PCI, in Piazza della Repubblica, un ritratto a tutta parete di Giorgio Amendola, affianco alla foto di Berlinguer.   A ciascuno la sua antropologia, con rispetto, ci mancherebbe.

 

Annunci

27 Responses to VANEGGIAMENTI DI ROMANO ED ANTROPOLOGIA POLITICA A LIVORNO

  1. Kinto ha detto:

    Difficile commentare oramai Romano.non difendo il Dott.Lamberti
    Perche’ non credo ne abbia bisogno
    E perche’ si rischia di dare valore all offendente ed all offesa
    E ben lungi da me incipriare il clown.
    Quello che dico semplicemente
    e’ che non e’ possibile ed a quale pro
    si permette ad un portatore sano di 40 voti
    ogni giorno ,any given sunday,
    di svalvolare scompostamente contro qualcuno.
    Ieri del corona ,grassi, la torraca oggi Lamberti d insieme a tutti i commercianti del centro,
    e tutto il pd trattato come un agglomerato bovino di disonesti intellettuali alla meglio
    o semplici stupidi condizionabili al netto delle parole dette.
    Dato che al romano piacciono i fatti,
    E d ipocrisia o incoerenza credo se ne intenda parecchio,
    Dire che nel suo resume o curriculum che dir si voglia
    c e’ la gavetta e la convinta compagnia formativa politica con Borghezio e Bossi,
    una spensierata passeggiata sotto striscioni inneggianti alla galera per Cosimi e Kutufà
    piuttosto che
    essere un surfista della politica nostrana
    e’ appunto il semplice e fotografico racconto dei fatti.
    Parta da questo ogni mattina che si specchia e vada in qualsiasi direzione gli aggradi.
    Lamberti poi ha meno anni di Monti,ha poche primavere piu’ di cosimi o Del corona per esempio,
    E di vecchio nella sua politica oggi
    Visto che ancora oggi i pochi o tanti ed unici posti di lavoro creati ,
    nella desertificazione o disoccupazione divenuta sistema
    Penso al Rigassificatore( e qui romano sarebbe bene chiarisse se e’ favorevole o meno),o agli
    unici progetti di un qualche rilievo e penso A Porta a Mare etc. portano la sua firma in calce
    Risulta una propaganda logorata,
    stantia e scaduta dal 2009.
    detto ciò l educazione ed il rispetto per gli altri,e
    per uomini che hanno fatto la storia di Livorno,sono il presente e mi auguro anche di proiezione futura come il Dott.Lamberti sarebbe il minimo,
    Il fatto e’ che alle scimmie pseudo porporate
    e’ davvero difficile insegnare o quanto meno aspettarsi che sappiano sedere a tavola
    mangiare con forchetta e coltello e bere da un semplice bicchiere.figuriamoci di possedere un qualche spessore
    o serena capacita’ di convivere non con i limiti degli altri,
    ma con i propri,
    Marchiani,grevi ,indigeribili ed incurabili evidentemente.non solo politici.
    Ma si scherza

  2. GHINODITACCO ha detto:

    E Romano perde la brocca……..
    Lui che ha fatto della provocazione la quotidianetà, lui con il il riso stampato in faccia, che minaccia e deride e irride gli avversari, siano essi di opposizione che di maggioranza.
    Ecco che perde la brocca e viene fuori l’anima Borgheziana, quella che lo ha plasmato nelle sue passate battaglie Leghiste
    Oggi Romano, novello “Lega inPietro”, esce allo scoperto con offese gratuite verso tutti quello che lo ostacolano nel suo disegno di digregazione della Politica
    Il novello fustigatore torna a blandire la clava dell’anti, ora che B non c’e’ più, cerca i nemimici della sua ipotetica Repubblica delle Banane,che vive e sopravvive solo “contro qualcuno” senza obiettivi reali o visioni reali della società, basta mettere l’uno contro l’altro armati, questo il suo unico obiettivo.
    Visto che spesso è ospite di questo blog, ci dica se non si vergogna di far parte di una coalizione che da sette anni non è riuscita a combinare un bel nulla, se non quello di apparire come una triste macchietta di provincia.

  3. andrea romano ha detto:

    Se oggi c’è un luogo (virtuale) a Livorno dove si coagulano spesso commenti estremisti e volgari mi pare sia proprio questo blog, che io invece continuo a trattare con rispetto.
    Molti troverebbero questo parlare di “antropologia” una cosa proprio da razzisti. Anche chi è nato a più a nord, per esempio a Salerno, dovrebbe rispettare un siculo-pugliese come me…
    Non dovete arrabbiarvi se mi tengo a debita distanza da una tradizione che rispetto ma di cui l’IDV non ha mai fatto parte, perchè nata dopo la fine dell’era Lamberti, che come ricorda sempre Gianfranco ha portato in città la privatizzazione di ASA e ATL, il rigassificatore e altre cose che non ho mai condiviso.
    Tanto di cappello a chi riesce, col 3%, a tenere inchiodato una parte del PD al suo passato ed a paralizzare l’azione dell’attuale amministrazione.
    Noi, con il 13% preso a Livorno alle ultime elezioni, lavoriamo invece per andare avanti, allontanandoci sempre di più da una destra con la quale altri oggi fanno inciucio e combutta, spesso e molto volentieri.

    Buona domenica a tutti gli amici del blog, anche quelli che offendono…non me la prendo.

  4. cesare trucchia ha detto:

    ““Dai frutti riconosco l’albero””
    Ha ragione Kinto quando dice che ogni risposta rischia di dare valore all’ offendente ed all’ offesa, anche perchè chi vive con e questi argomenti dimostra una debolezza di fondo, una non adeguatezza rispetto la propria coalizione aggravata da un passato, un trascorso che riaffiora.
    Nulla di male basta accettarlo senza scaricare su altri, che non godono della stessa visibilità, o che non hanno altre mire.
    In chiave politica leggo tanta ingenuità e una forte similitudine comportamentale con la politica nazionale,
    Politici responsabili delle nostre situazioni, che sperano di trovare consensi tra il proprio elettorato rinnegando loro stessi e il proprio operato. La lega fino ad ieri era al governo,così come la vostra giunta è formata da PD,SEL e IDV, se non riescono a governare a Roma come a Livorno, perché dare le colpe ad altri.
    Ma l’offeso o gli offesi, non siamo noi di confronto, ma quelli del PD e loro dovranno dare le giuste risposte.
    Lamberti in campagna elettorale ha avuto attacchi a raffica da questa coalizione e a distanza di tempo capisco il perché- in questo scenario politico cittadino avevano paura perché è l’unico ad incarnare il vero significato della parola Politica; e ai pivelli andrebbe detto che oggi non siamo in clima elettorale e non è il caso di offendere nessuno.

  5. Redazione ha detto:

    I’ex uomo di BORGHEZIO a Livorno , Andrea Romano , cerca la rissa con il mondo.
    Pubblicità gratuita e rissa.
    Orfano del PD di Bufalini e DI Rocca cerca di aizzare Cosimi, che non è certo così sciocco da seguirlo .
    Il mondo è cambiato ma lui se n’è accorto troppo tardi .
    qualcuno ricordi all’ex borgheziano che il giochino di mettere tutti contro Lamberti, invocando Berlusconi, è finito con la campagna elettorale 2009 . Così come chi è orfano, a Roma, di Berlusconi e vota con la Lega contro Monti. Ci risiamo.

    come Redazione definisco Romano come quello che ha mangiato e manifestato con uno come BORGHEZIO . Ed ha avuto il coraggio di portarlo a Livorno.

    Speriamo che politici come Romano la smettano di offendere tutti, dando lezioni da un pulpito a chi se le tiene e producano prima o poi anche un unico risultato visibile a tutti i livornesi . 
    Compresi i suoi pochi elettori personali .

  6. Andrea romano ha detto:

    Cara redazione, macché borgheziano, la mia colpa e’ aver cercato da sempre di riportare la lega ad allearsi con sinistra, come nel ’95, anche commettendo l’ingenuita’ di voler mettere, per esempio, borghezio e diop allo stesso tavolo, tentativo miseramente fallito.
    Altri hanno preferito far fare una passerella al sindaco condannato per istigazione al razzismo, accolto a Livorno con tutti gli onori, fatti loro.
    Fiero di aver avuto pochi voti personali, odio le clientele e non cerco nessuna visibilità, quello che conta e’ che il mio partito cresce meravigliosamente, con una strategia diversa dalla vostra ma ugualmente legittima.

  7. I fatti politici, al di là delle vicende personali che poco ci interessano se non nella analisi delle vicende livornesi degli ultimi anni, sono quelli di una maggioranza che lascia solo Romano su di una proposta assai impegnativa, di modifica dello statuto. Tutti i presenti, a partire dal sindaco Cosimi. E che nella discussione sul razzismo e la sua sottovalutazione, nella cultura politica locale e nazionale, la mia citazione di Borghezio, venuto a Livorno e non dimenticato, era in linea con le parole appena ascoltate di Saviano e di Vendola, oltre che di tutti i politici PD toscani. Il senso delle parole e la cultura di accoglienza di una città, da rispettare, anche nelle sue radici ( vecchie, secondo Romano ) che riguardano una storia prestigiosa delle sinistra. Una storia di cui sono orgoglioso, insieme a tanti. Questo è il punto politico. Il resto lascia il tempo che trova.

  8. Ciano ha detto:

    Buonasera, credo che Romano non solo abbia sbagliato i toni usati verso il Dott. Lamberti, ma anche i contenuti,visto che la maggioranza di cui è “strenuo partecipante e sostenitore”, in capo al volgere di 2 legislature sarà ricordata purtroppo come una gestione “in liquidazione”, capace di chiaccherare e litigare molto ma assolutamente inabile a portare a casa un solo risultato.Autobus gratis ad esempio? Si na con piano del traffico e linee di 25 anni fa! Mi smentisca Romano, se vuole, con uno e un solo esempio. Autobus g Questo mentre le altre città non si sono certo fermate ma hanno anzi continuato a correre..

  9. silvano cinuzzi ha detto:

    Devo essere sincero… quando leggo il rappresentante della “Lega dei Valori” mi colpisce da un lato il suo essere sprovveduto e dall’altro l’estrema ingenuità.
    E’ vero, lui ha portato Borghezio a Livorno ma non ha privatizzato L’ASA!!!!
    Vedi caro capo gruppo della LdV: è giusto che tu provi vergogna, se la provi, per l’aver professato, anche per pochi anni ( e poi non tanto pochi ) certe idee xenofobe . In politica, come nella vita, i bei discorsi tutti sono capaci di farli ma quello che conta sono i fatti che uno mette in atto ed è impossibile che una persona passi disinvoltamente dalla xenofobia alle idee più avanzate dell’integrazione .
    Non riesco a capire perché una persona di fronte ad una verità passata si arrabbia tanto nei confronti di chi la ricorda…. e ti prego, lascia stare la barzelletta di una lega di sinistra perché la tua ex formazione politica era ed è xenofoba e ti invito a non infangare gli ideali della sinistra; la tua è semplicemente stata un’operazione di mero trasformismo se non opportunismo.
    Siccome la classe non è acqua, diceva uno molto più famoso di me, la mancanza di quella viene costantemente dimostrata quando si annunciano idee supportate soltanto, senza alcuna analisi ( anche perché analizzare è piuttosto difficoltoso e non tutti sono all’altezza di farlo ), dalle percentuali elettorali.
    La privatizzazione dell’ASA con il pubblico al 60%, il rigassificatore, la porta a terra ed a mare e molto altro sono state iniziative che possono trovare consenso o meno, ma per parlarne si deve sapere di cosa si parla evitando le battute e cercando, secondo le capacità di ognuno, di argomentare il più possibile ( forse il capo gruppo della Ldv non lo sa ma l’attuale sindaco non solo era d’accordo ma totalmente compartecipe nel realizzare tutto ciò ed almeno in questo i due, Lamberti e Cosimi, sono più vicini dello stesso capo gruppo).

  10. Andrea romano ha detto:

    Mai stato xenofobo e tirare fuori certe balle solo quando fa comodo e’ un po’ patetico.
    Il resto e’ la conferma di quello che dico io: siete nostalgici del passato e sempre di più il PD vi viene dietro, lasciandoci “soli” con SEL, FDS, città diversa, associazioni e sindacati a difendere il referendum e la voglia di nuovo degli elettori di centrosinistra.

  11. GhinoDiTacco ha detto:

    Romano mollaci!!!!
    Mi sembra di rivedere il film scemo piu’ scemo
    E’ possiile che tu non capisca che e’ finita la stagione del “tutti contro B”
    Adesso non ci sono piu’ “nemici da abbattere”
    occorre assumersi le proprie responsabilita’ senza scuse, sia a Livorno che a Roma
    Chi governa o lo fa o va a casa
    PS
    mangiati due limoni

  12. silvano cinuzzi ha detto:

    Questa volta Romano l’ha indovinata, almeno per quanto mi riguarda.
    Ha ragione: sono nostalgico della politica ,quella che certamente lui non interpreta. Il PD ci viene dietro? Forse non ti rendi conto che diversi di noi hanno cultura e radici molto simili a militanti del PD e molto spesso anche il linguaggio è comune. Questo ti meraviglia ? Forse uno che sa guardare solo alle percentuali e guarda soltanto a come costruire al meglio la propria “carriera” non può capire certe evoluzioni.
    Voglio ripetermi: con le parole tutti sono bravi ma quello che conta sono i fatti. Non sei mai stato xenofobo? Che ci facevi allora in quel partito a parte la tua vocazione per farlo alleare con la sinistra ? Se uno viene folgorato sulla strada …. smette con la politica e si dà a qualche altra attività sociale per certi versi molto più sublime evitando un triplo salto come tu hai fatto

  13. Conte di Montecristo ha detto:

    sei rimasto da solo Andrea .

    È finita .

    Pippo non c’è più , Elis sta per pagare il parcheggio gratis .. , Ghilarducci non conta nulla e i suoi accordi con i citati sono saltati.

    Tu hai chiuso con loro .

    sei già tu il passato .

    Ps Vendola ha già risposto sul referendum… Poi ci arriverete anche tu e Ghilarducci… ( che conta davvero 0 per il PD ) .

    Nb il sindaco non vi ha ancora cacciato … E ti permette di offendere il PD .. Fosse mai che il major ha fatto l’inciucio con La Lega dei Valori ?

  14. Andrea romano ha detto:

    Il metodo boffo non mi tocca e squalifica chi lo usa…
    Ognuno faccia il suo, cosa pretendete dall’IDV?
    Su, smettiamola: usate il cannone col PD tutti i giorni e poi fate quelli che lo difendono. Idem per Cosimi. A me un giorno fate i complimenti e l’altro mi insultate. Poi fate i permalosi se dico che il PD vi viene troppo dietro. Se trovo uno che vi capisce pago cena. Ridicolo poi cercare di trasformarmi in capro espiatorio…potete scegliere meglio.
    A che pro scaldarsi tanto? Possiamo parlare di politica anche mantenendo toni civili.

  15. Conte di Montecristo ha detto:

    andiamo oltre , lo dico a tutti .

    È venuto a noia.

    Lasciamolo a se stesso e al suo non saper fare politica .

    È un problema del PD e di Cosimi .

    Noi pensiamo alla città .

    Saluti e ringraziamenti a Romano .

  16. Ciano ha detto:

    ..Borghezio è incommestibile, ma anche stalin però..tuttavia non vedo la stessa verve..boh. Guardando ai fatti, la stagione di queste due legislature è stata, sino ad ora, del tutto fallimentare, il dato è lampante, ne portano responsabilità con tutta evidenza le forze di maggioranza, NESSUNA ESCLUSA.Le chiacchere stanno a zero e la città affonda, magari tra un rigassificatore e un inceneritore nuovo, pensare ad altro(emergenza abitativa, lavoro che non c’è, porto, riqualificazione e servizi per il centro) non sarebbe male..

  17. Romano mi ha definito un provocatore, e molto altro, ed il Tirreno ci ha fatto il titolo, ora si mette a fare la vittima. Si commenta da solo ed è una storiella che non interessa a nessuno. Parliamo di cose serie, per favore.

  18. andrea romano ha detto:

    Diciamo che, se non sei un provocatore, quantomeno hai il gusto della provocazione. Mi sembra un dato di fatto e il tuo blog, oltre a certi interventi in Consiglio, ne è la prova inconfutabile.
    Non faccio la vittima, se tu avessi ricevuto gli insulti che mi riservano (a me e a molti altri) i tuoi amici su queste pagine avresti fatto partire querele a raffica, immagino.
    Ma lasciamo stare, come sai su certe cose non potremo mai andare d’accordo (e che c’è di male?), quindi è inutile farne una questione personale. Dillo anche ai tuoi più scatenati sostenitori. La guerra fra bande non mi interessa, la lascio volentieri ad altri attori della scena politica, che molti definiscono un teatrino.
    Portiamoci più rispetto, almeno da oggi in poi, dato che non si può rispondere alle cannonate con le carezze, neanche volendo.

  19. per capirci un pò di più, basta leggere Concita De Gregorio su Repubblica di oggi. A proposito di razzismo e cultura delle parole, compresa la mia citazione di Borghezio.

  20. St. John ha detto:

    >sei rimasto da solo Andrea

    piace vincere facile :) ?
    Mi spiego meglio. Sapete cosa ne penso di un’ipotesi Pd-terzo polo al governo a Livorno. Non è proprio la cura di cui ha bisogno il nostro territorio. Più che il futuro è portare le lancette all’indietro.
    Qui siamo nel campo delle opinioni e ognuno porta le proprie ragioni.
    Ma con Romano siamo ad un altro livello di discussione. Il ragazzo ci mette impegno ma mancano i fondamentali della politica. E’ come se un mezzofondista volesse giocare a centrocampo. Fiato ce ne mette ma bisogna saper trattare la palla, avere una visione del gioco, capire i movimenti dei compagni e degli avversari. E sapere cambiare schema durante la partita, ormai un obbligo nel calcio moderno.
    L’impegno Romano ce lo mette ma tutto il resto si vede che la politica non è il suo sport. Ha commesso errori marchiani, di cui un paio clamorosi (mi guardo bene dal farli notare non vorrei aiutarlo) e ora è nella prospettiva del binario morto.

    Naturalmente tra tutti quelli che gli ricordano Borghezio vorrei sapere quanti condannarono i manifestanti all’indomani della giornata di protesta. Secondo me tantini :) e questo è fonte di divertimento. Io che c’ero a manifestare contro Borghezio, e contro Romano, non gli ho mai scritto una riga su questa vicenda. Perchè a Livorno c’è la brutta abitudine di cercare di inchiodare la gente sulle origini. Tipica di un potere tribale, lo stesso anche se cambia forma, che seleziona dalla nascita la gerarchia sociale.
    Personalmente preferisco inchiodare i soggetti per via della meta non per le origini. Per dove ci vorrebbero portare non a causa della provenienza.

  21. Io non penso, per quello che può contare, che la soluzione livornese sia fornita da una alchimia tattica, semplicemente scambiando qualche casella ed eliminando palesi incoerenze. Ha ragione da vendere St. John. Tuttavia credo che converrà che si tratta di far fare un salto notevole nella cultura politica cittadina e, non a caso, partivo da un ragionamento di questo tipo, in Consiglio, a proposito di una comunicazione sulla strage di Firenze che, a me pareva in molti interventi, del tutto rituale e di scarso profilo. Una politica da far uscire da vecchi teatrini, anche i neofiti si abituano presto. Al punto che ho letto una bella lettera aperta inviataci da Arianna Terreni, a cui ho dato atto di un impegno coerente e coraggioso, contro chi emargina e combatte le diversità. Di qui le citazioni, che mi accomunano, ad esempio, a Lamberto Giannini, sui temi citati oggi su Repubblica. Poi la citazione di una Lega xenofoba e di Borghezio, troppo a lungo tollerati anche da un pezzo di sinistra, nell’antiberlusconismo che tutto comprendeva. Ecco, un pò di riflessioni, anche antropologiche, che hanno colpito qualche suscettibilità. Ma che posso farci, caro St. John, affar loro. Se il PD capisce di cosa si parla, il punto non sarà certo quello delle geometrie variabili, ma molto, molto di più.

  22. andrea romano ha detto:

    Mi sono goduto Concita De Gregorio dal vivo, due anni fa, in un dibattito a Vasto (CH) con Travaglio, Gomez e altre persone che stimo, alla festa dell’IDV. Non so se andrebbe volentieri ad una festa del terzo polo.

    Quanto a St. John…in parte ha ragione.
    Certo, ho commesso errori, come tutti, ma nei fatti mi sono allontanato da una deriva destrorsa mentre altri ci si avvicinavano, basti vedere le convergenze di questi giorni, anzi di questi mesi.
    Non capisco perché Formentini venga accolto nella Margherita e poi nel PD, o perché Tosi venga accolto a Livorno in pompa magna, o ancora perché Bersani venga incensato dopo che un mese fa si è fatto intervistare dalla Padania dicendo che la Lega non è razzista e che deve dialogare con la sinistra….se poi si cerca di fare le analisi del sangue a Romano, che se ne fa un baffo.
    Evidente mancanza di argomenti, o il solito gusto provocatorio che non mi aspetterei dai “saggi” di questa Città, che giustamente vorrebbero parlare di cose serie. Oppure il metodo Boffo che fa scuola.

    Sulle capacità politiche….bocca mia taci.
    Va bene che in Italia ci sono 50 milioni di commissari tecnici della Nazionale di calcio, che sicuramente saprebbero fare meglio del titolare, ma prima di salire in cattedra è bene metterci la faccia – come fa il sottoscritto – abbandonare i nickname, candidarsi alle elezioni, prendere i voti (magari più del 13% dell’IDV livornese, record toscano), realizzare un programma (e non fare la guerra fra bande, lo dico anche a certi alleati) e poi, ma solo poi, dare lezioni agli altri.

    Altrimenti è meglio trattare gli altri con rispetto, per non fare la figura degli spocchiosi. Nel binario morto ci stanno ficcando qualcun’altro, con queste pseudo-idi di marzo. Fidati…

  23. Kinto ha detto:

    alle volte viene da ridere,
    difficile uscire fuori dalla sterile polemica quando si dibatte con certi
    figuranti.
    concordo con St John
    che il binario e’ nato e finira’ morto.
    pero’ per concludere mi piacerebbe solo evidenziare
    che Romano ed Idv alle amministrative 2009
    cioe’ cio’
    determina e ha dato composizione costituente e costituzionale
    a questa maggioranza
    ha preso lui 60 voti
    se c’e’ arrivato,
    ed il dato potrebbe comunicarcelo lui stesso,
    ed il suo partito 3.713
    pari al 4,3 %.per essere precisi.
    inutile dunque tirar fuori,in maniera farlocca ovviamente
    dati inerenti ad altre elezioni ,
    con l astensionismo piu alto dal 1945
    dove
    peraltro 8.000 voti sono valsi il 12,77 %.
    per dire che ogni elezione come ogni cosa della politica
    ha le sue
    precise e clamorose caratteristiche.
    dunque bene ribadire
    3.713 voti(60 personali forse,e da verificare)
    ed il 4,3 %.
    e’ un atto storico e di trasparenza
    che evidentemente manca ogni singola volta al solito personaggio in cerca di vetrina.
    e prima o poi troverà la propria
    e non sulla groppa di tutti gli altri.
    Saluti

  24. andrea romano ha detto:

    Caro Kinto, un po’ viene da ridere anche a me.

    Passare da 3.700 a 8.000 voti in un anno non è un dato trascurabile, specialmente in piena febbre astensionista, che a quanto pare colpisce tutti ma non IDV.

    Se vogliamo parlare di numeri, 3.700 o 8.000, sempre più di alcune liste civiche…

    60 voti personali non sono pochi per chi non li ha chiesti, non ci ha investito una lira e non ha mai fatto favori a nessuno, né promesse alla carlona.

    Se vogliamo parlare di cose più serie, invece, vi invito a partecipare domani al nostro convegno sulla criminalità organizzata e le sue infiltrazioni al nord, al centro e al sud, insieme al giudice Ingroia ed al Procuratore della Repubblica di Livorno, dott. De Leo.
    L’invito si estende ovviamente a tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio comunale e attive in Città, per confrontarsi insieme e riflettere fuori dalle contrapposizioni.

    Buona giornata a tutti

  25. St. John ha detto:

    >taci

    pure permaloso :) In pubblico è l’ultima pessima dote da mostrare.
    Uno può essere reduce da una lotta senza quartiere nella propria coalizione, nel proprio partito, nella propria fazione. Ma la gente deve vedere una faccia, o un’interfaccia su internet, serena come spiritosa e sorridente. Il capitale del politico è la fiducia che genera non le polemiche. Quelle servono quando si lotta metro per metro. Ma la gente non vuol vedere questo, che declassa a beghe politiche, ma la capacità del politico di saper generare un capitale di fiducia.
    Si tratta di un capitale che non si forma nè con le cifre (“ho ottenuto questo o quello”) nè con argomenti razionali (“non può che essere come dico io perché”). Ma con la capacità di comportarsi in pubblico.

  26. Conte di Montecristo ha detto:

    Ghino …. Davvero ….c’ha sfilato …

  27. Luca ha detto:

    Condivido Ghino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: